ITALIA NOSTRA: NO AI PANNELLI FOTOVOLTAICI A PIOMBINO

l’area dei pannelli fotovoltaici

Firenze – Italia Nostra è profondamente contraria alla realizzazione di impianti fotovoltaici a terra in località Bocca di Cornia, definendoli “Speculativi ed invasivi”. L’area, una delle rarissime in Toscana dove è ancora possibile l’istallazione, in realtà è oggi utilizzata per coltivazioni biologiche.Leggiamo insieme la netta presa di posizione sull’argomento.

«Visti i due progetti di recente presentati alla Regione Toscana per essere sottoposti a Valutazione di Impatto Ambientale, e finalizzati alla realizzazione di due megaimpianti fotovoltaici a terra nella pianura costiera di Bocca di Cornia (Comune di Piombino) – dove già si trovano la grande discarica di rifiuti speciali RIMATERIA, che addirittura si vorrebbe anch’essa ampliare, e il da poco costruito impianto eolico di 6 gigantesche torri alte 180 m -, Italia Nostra appoggia e fa propri i pareri completamente negativi espressi dall’Amministrazione Comunale piombinese, dalla competente Soprintendenza, dalla Confederazione Italiana Agricoltori della Provincia di Livorno, e dal WWF Italia, a precedenti e analoghi progetti industriali: in quanto presentanti, invariabilmente, chiari caratteri di imprese speculative ed invasive, del tutto estranee e inconciliabili rispetto alla realtà e alle vocazioni dell’ambiente, del paesaggio e del territorio di Piombino, che dopo la grave crisi industriale sta cercando faticosamente di costruire un futuro incentrato sul binomio turismo sostenibile e agricoltura di qualità fortemente integrati fra di loro grazie al rilevante patrimonio naturale e culturale dell’area.

I due progetti attualmente in esame di VIA presso la Regione sono proposti dalle imprese SVP Energy 1 e Solar Energy Sette, per installare complessivamente oltre 100.000 tra moduli e pannelli su due aree contigue dell’enorme estensione totale di oltre 75 ha di terreni agricoli. Come scrive la Soprintendenza, a proposito del progetto fotovoltaico precedente (e da poco ritirato da SVP Energy 1), qualsiasi intervento nell’area non è “coerente con la disciplina prevista dal PIT-PPR per le IV invarianti strutturali del territorio e con le previsioni della scheda d’Ambito n. 16 Colline Metallifere, rilevando il contrasto con le disposizioni vincolistiche di cui all’elaborato 8B del PIT-PPR art. 8, considerato che l’intervento non concorre al recupero della naturalità e al contenimento dell’artificializzazione dell’ambito fluviale interessato del fiume Cornia, che contribuisce all’aggravamento delle criticità presenti, in riferimento all’estensione dei caratteri industriali e produttivi presenti, nonché all’erosione dei caratteri storici e peculiari del paesaggio interferito e sopra descritto, nonché visti le potenziali interferenze con emergenze storico archeologico e paesaggistiche” del territorio costiero di Piombino».

Italia Nostra Firenze e Toscana – maggio 2020

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 15.5.2020. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    61 mesi, 9 giorni, 4 ore, 36 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it