CARBONI ATTIVI: SUL POST COVID-19 SERVE RESPONSABILITÀ E VISIONE

“Carboni Attivi” è una associazione politico culturale che non rappresenta alcun partito, né alcuna parte politica, essendo espressione degli stessi iscritti: persone che lavorano e “si sporcano le mani” e che oggi, vista la situazione hanno paura che le conseguenze economiche della emergenza sanitaria siano talmente gravi che possano non bastare le sovvenzioni o le riaperture a far tornare tutto come prima, e che pensano, però, che crisi economica e sociale non siano un destino obbligato per il nostro paese.

Riportiamo integralmente le loro proposte riassunte agevolmente in dieci punti che invitiamo la politica a leggere ed analizzare con atenzione.

______________________________________

«L’Italia ha una delle prime dieci economie del mondo. Questa ricchezza può essere impegnata al banco dei pegni, oppure utilizzata per rilanciare il Paese. Non occorrono rivoluzioni, né miracoli:

  1. l’Italia è Stato Fondatore dell’Unione Europea ed uno dei suoi principali attori, economici e sociali. Rivendichi il ruolo per negoziare al meglio i propri interessi e diventare portatrice di un nuovo processo di integrazione. In concreto: acceda al MES per le spese sanitarie, per riorganizzare la sanità (più ospedali); acceda al fondo SURE, per garantire i redditi di chi ha perso il lavoro; usi tutti i fondi europei della BEI; lanci una sottoscrizione straordinaria di buoni del tesoro a rendimento garantito e di lunghissima durata, a base volontaria, per ridurre il debito pubblico, con tassazione ridotta; negozi i Fondi di Recupero in modo che la tassazione addizionale per la loro costituzione penalizzi le attività finanziarie e di dumping e, in base ad un piano di riconversione verde, le attività produttive inquinanti;
  2. le Pubbliche Amministrazioni e le Agenzie Fiscali sono debitrici, oltre che creditrici, delle imprese e dei cittadini, per decine e decine di miliardi di Euro. Si regolarizzino questi rapporti, per ridare liquidità vera alle imprese. In concreto: se le PA non possono pagare, rilascino al creditore un certificato fiscale, che gli consenta di pagare i debiti verso qualsiasi PA, senza limiti, oppure possa essere ceduto, per gli stessi fini (pagamenti di debito verso la PA), senza rischio per chi lo acquista;
  3. molti Italiani hanno importanti ricchezze mobiliari (liquidità; titoli; crediti), mentre le imprese italiane sono sotto capitalizzate. Si incentivi l’impiego delle ricchezze nelle imprese italiane. In concreto: si assicuri che gli investimenti nelle aziende, per un periodo di tempo limitato (tre/cinque anni), saranno sostenuti da garanzie analoghe a quelle sui conti correnti e che i frutti dell’investimento avranno un trattamento fiscale di favore;
  4. l’Italia custodisce il più importante patrimonio storico-artistico del Mondo, spesso trascurato. Lo si trasformi in ricchezza. In concreto: si consenta ai privati di poterlo utilizzare anche per “metterlo a reddito”, purché paghino canoni di concessione allo Stato e assicurino la ristrutturazione, manutenzione e restauro dei beni;
  5. l’Italia è terra di emigrazione. Si inverta la tendenza. Si recuperi il senso della nostra ospitalità, perché permetta il recupero di risorse umane (il cui dumping è altrettanto grave di quello fiscale, se non di più) e di contrasto all’invecchiamento medio della popolazione. In concreto: si incentivi, con agevolazioni fiscali ai singoli e alle multinazionali, l’insediamento a lungo termine in Italia di persone e famiglie, italiane e non, che lavorano all’estero e si regoli l’emigrazione indotta dal bisogno (economico o politico-sociale), in maniera umana e funzionale, recuperando strumenti normativi e apparati logistici che esistono già, come, per esempio, la previsione di una sorta di leva obbligatoria temporanea, per esigenze di pubblica utilità e di formazione, per chi voglia chiedere ospitalità nel nostro Paese e non disponga di un impiego, nel rispetto dell’art. 23 Cost.;
  6. le Banche italiane sono sane. Si sfrutti la loro solidità. In concreto: si studino strumenti che consentano alle banche ed agli imprenditori di ricostruire, con l’ausilio e la garanzia dello Stato, la catena dei pagamenti, invece di incentivare forme di indebitamento a rischio, integrando e mirando lo sforzo del Governo;
  7. molte imprese Italiane sono esempi di eccellenza, ma sono bloccate nel loro sviluppo dal peso della stagnazione degli ultimi dieci anni. Se ne recuperi la virtuosità. In concreto: si apprestino strumenti che permettano a queste imprese di accedere al credito bancario e alle garanzie dello Stato, magari con il tramite di fondi specializzati nella valorizzazione delle aziende, riordinando norme già esistenti;
  8. l’Italia è la culla del diritto. Si riformi la giustizia ed il sistema delle pene, per renderlo volano di crescita. In concreto: si introducano tutti i correttivi necessari per sanzionare l’uso strumentale della giustizia, da qualunque parte, pubblica o privata, provenga e per restituire effettività alle misure di reazione e si usi la tecnologia, ove tale uso non diventi pregiudizievole, per la tutela di diritti essenziali, per velocizzare i processi;
  9. l’Italia è un paese che patisce da sempre di grosse storture del sistema fiscale ed amministrativo. Le si corregga. In concreto: si dia il via libera ad una riforma fiscale che eviti la penalizzazione del lavoro e l’agevolazione delle rendite e agevoli i trasferimenti di ricchezza, tra persone o tra generazioni, secondo criteri di uniformità e si semplifichi la macchina burocratica.
  10. l’Italia è un paese generoso. Si sfrutti questa naturale tendenza, per fronteggiare l’emergenza. In concreto: si rifiutino ipotesi di patrimoniali e si istituisca una addizionale di scopo, per l’emergenza Covid19, che chieda a chi non ha patito le conseguenze della crisi sanitaria un contributo, del quale avrà ritorno, mediante il riconoscimento di crediti d’imposta, per ridurre l’incidenza dell’imposizione sui redditi futuri e si finanzi con questa imposta una quota del reddito d’emergenza, per tutto il tempo che sarà necessario (e che non è detto che finisca a giugno), e poi l’avvio di programmi di tutela sociale e del lavoro e di sviluppo dello smart-working.

Questo programma non esaurisce il bisogno del Paese, ma può costituire un buon inizio. Per realizzarlo non servono cambi di Governo.
OCCORRONO RESPONSABILITÀ E VISIONE».

Associazione Carboni Attivi

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.5.2020. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “CARBONI ATTIVI: SUL POST COVID-19 SERVE RESPONSABILITÀ E VISIONE”

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    40 mesi, 29 giorni, 23 ore, 15 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it