GRUPPO 2019: CAMPIGLIA NON PUO’ DIVENTARE UN PRESIDIO PER COVID POSITIVI

Il logo del gruppo “Campiglia 2019”

Campiglia Marittima (LI) – Riceviamo e publichiamo dal Gruppo 2019.

Con stupore apprendiamo dalla stampa che l’incontro in videoconferenza con i dirigenti Asl Nord Ovest e i Rappresentanti Sindacali richiesto dalla Sindaca stessa per l’accaduto alla Riabilitazione post covid di Campiglia, è stato annullato e rimandata a data da destinarsi.

Quindi non ci è dato sapere il motivo per cui due positivi al Covid 19 siano stati ricoverati nel reparto riabilitazione di Campiglia diversamente da ciò che prevedeva il Progetto annunciato e pubblicizzato di sole presenze di negativizzati che, in seguito alla lunga degenza in terapia intensiva risultava loro difficoltoso il rientro a casa per cui si prevedeva un periodo di riabilitazione sia motoria, respiratoria che di deglutizione.

Non essendo stati coinvolti tanto meno informati di un tale iniziale proposito, tanto da poter avere un confronto a riguardo, noi, esattamente come tutti gli altri cittadini, aspettavamo una dichiarazione sull’accaduto dalla dirigenza Asl dopo questo incontro virtuale con Sindacati ed Istituzioni locali.

Non essendo stato un percorso minimamente condiviso non abbiamo potuto esporre le nostre preoccupazioni che riguardano, oltre la sicurezza del personale, degli addetti ai locali e degli ospiti della Rsa, lo spostamento a Venturina, San Vincenzo e Cecina, di tutti quei servizi presenti nel centro Polifunzionale. Questa azione ha sicuramente messo in difficoltà coloro che usufruivano abitualmente e non di tali servizi tanto che l’Amministrazione si è dovuta organizzare per supplire necessità di trasporto con la Misericordia.

Si tratta del centro prelievi, del servizio amministrativo e socio sanitario, della riabilitazione, degli ambulatori di medicina specialistica, il futuro dei quali ci desta preoccupazione e di cui vorremmo rassicurazione sul ritorno in loco, una volta che l’emergenza finalmente ci permetterà il rientro alla quotidianità. È da ricordare anche che in tale luogo si disloca il Centro Ortoprotesico che potrebbe risentire di un tale allontanamento definitivo.

Siamo tutti a conoscenza che il Borgo di Campiglia è carente di servizi primari, e che lotta per mantenere quelli ancora presenti per cui vorremmo certezza che la comunità possa utilizzarne nuovamente a breve.

In attesa di risposte a tutti i nostri dubbi, trapela perfino l’ipotesi, ci auguriamo del tutto infondata, che Campiglia diventi un presidio per covid positivi trasformando quello che doveva essere uno sciagurato errore, nella norma. Attendiamo pronta smentita da parte delle Autorità competenti.

Gruppo 2019

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 19.4.2020. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “GRUPPO 2019: CAMPIGLIA NON PUO’ DIVENTARE UN PRESIDIO PER COVID POSITIVI”

  1. Luciano Peisih

    Un chiaro NO a prescindere!
    Non la richiesta di verifiche sulle modalità di esecuzione in totale sicurezza del trattamento di convalescenza dei malati.
    Come volevasi confermare:
    Per i sovranisti della Val di Cornia anche i malati di Covid sono rifiuti degli altri, quindi da rifiutare.
    Evviva la solidarietà degli ex di Rifondazione e dei loro sodali della Lega e complimenti per la cinica ricerca del consenso basato sulla paura.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    40 mesi, 29 giorni, 23 ore, 16 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it