FERRARI E PALOMBI: “OK AL CENTRO COVID A CAMPIGLIA, MA VILLAMARINA MARGINALIZZATA”

l’assessore Palombi

Piombino (LI) – Ferrari e Palombi: “Bene il centro riabilitazione Covid a Campiglia Marittima ma Villamarina è ancora marginalizzata”. Leggiamo insieme integralmente.

«La politica di marginalizzazione dell’ospedale piombinese di Villamarina continua senza sosta anche in questo terribile periodo di emergenza. E continua nonostante il nostro sia il nosocomio di riferimento di un intero territorio.
Se infatti non possiamo non accogliere con piacere la notizia che, da lunedì, la struttura di riabilitazione di Campiglia Marittima diventi centro di riferimento dell’Area Sud dell’Asl per la riabilitazione dei pazienti in uscita dalle terapie intensive negativizzati al Covid-19, con altrettanto rammarico registriamo la totale mancanza di collaborazione sul progetto di Piombino.
L’Asl, infatti, coinvolge i professionisti dell’ospedale di Cecina ma lascia fuori, incomprensibilmente, la pneumologia dell’ospedale piombinese, che vanta tradizione e grande esperienza nel campo della diagnosi e cura delle malattie polmonari: proprio per le caratteristiche epidemiologiche del nostro territorio, Villamarina ha rappresentato e rappresenta tutt’ora un assoluto punto di riferimento per i pneumopatici di un vasto territorio. Tra l’altro la contiguità dell’ospedale di Piombino con Campiglia, rispetto a Cecina, rende questa decisione del tutto inspiegabile.
Ma ciò che forse sorprende di più è che questa scelta va nella direzione opposta al modello dell’ospedale unico Piombino-Cecina, che da quest’anno, è diventato realtà. Un progetto fortemente voluto dalla Regione e dai Comuni del territorio, amministrati dal Partito Democratico. Un progetto che, tuttavia, di fatto stenta a decollare, mostrando già i primi inequivocabili segni di fallimento.
Le scelte delle ultime ore, infatti, sembrerebbero dimostrare che il vero intento è il rafforzamento dell’ospedale di Cecina e l’ulteriore ridimensionamento di quello di Piombino.
Se questo è il reale progetto, altrettanto realmente il Comune di Piombino si opporrà con tutti i mezzi all’ennesimo tentativo dissennato di smantellamento della nostra sanità».
Francesco Ferrari, sindaco di Piombino
Gianluigi Palombi, assessore alla Sanità
Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.4.2020. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 26 giorni, 18 ore, 34 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it