COVID19: FACCIAMO IL PUNTO DELLA SITUAZIONE IN FRANCIA

Parigi in questi giorni deserta

netturbini in azione a Parigi

Parigi in questi giorni deserta

Francia – Facciamo il punto della situazione Covid19 anche oltralpe, grazie alla collaborazione del giornalista Pierre Bayle da Parigi.

_______________________

Lo status dell’epidemia : in Francia, il  numero dei contaminati è ad oggi di 57.763, 4043 persone sono morte del coronavirus, delle quali 509 nel corso delle ultime 24 ore.

Questo totale purtroppo è sottovalutato perché si conoscono solo i morti negli ospedali, e non si hanno statistiche complete sui decessi nelle case di riposo o nelle famiglie dovuti al virus.

Le zone più colpite sono il nord-est, la regione di Parigi e quella di Lione. Movimenti ostili sono stati percepiti in certe località della Normandia e della Bretagna dove sono venuti a rifugiarsi Parigini avendo una casa di campagna. Si dice que un 17 % della popolazione di Parigi sia partita dalla capitale, partecipando all’espandersi del virus in altre regioni.

Le strutture medicale sono state rinforzate : le autorità sanitarie in Francia imparando dall’esperienza italiana, sin dall’inizio l’accoglienza dei casi di contagione è stata separata, l’accesso al pronto soccorso impedita, i malati accertati per telefono vengono cercati a casa e portati in reparti isolati degli ospedali. In più sono state allestite strutture del servizio militare della sanità, con un ospedale di campagna a Mulgouse, degli aerei militari Airbus specialmente equipaggiati per trasferire i malati dell nord-est verso ospedali di altre regioni, cosi come qualche treno alta velocità transformato in treno sanitario.

Mobilitazione dei volontari : medici e farmacisti pensionati, medici di specialità non urgenti (dentisti, dermatologi, ecc.), militari di complemento, studenti in medicina, i volontari sono numerosissimi e aiutano a rinforzare gli ospedali affollati e i servizi di ambulanza, cosi come i servizi di assistenza telefonica.

Il rispetto del confinamento : passate le prime bravate di giovani che pensavano che il virrus colpiva solo gli anziani, senza rendersi conto che loro stessi potevano trasmettere il virus, la popolazione sembra avere capito la necesità di osservare la disciplina chiesta dalle autorità – e sanzionata da multe salate per chi va in giro senza l’apposita autorizazzione. Casi di ribellione di gruppi più giovani sono segnalati nelle case popoli sovraffollate delle borgate a nord di Parigi, con risse tra giovani et polizia, ma sono casi isolati. Invece la situazione è sotto controllo per il rifornimento degli alimentari e la gente ha smesso di fare proviste per mesi, vedendo che si continua a trovare di tutto sia nei spermercati, sia bnei negosi di quartiere.

netturbini in azione a Parigi

Da segnalare il lavoro eccezionale, in più dei personali medicali, di tutti i servizi pubblici : la raccolta dei rifiuti viene eseguita puntalemnet nelle grandi città, ogni giorno a Parigi per esempio, e si vedono i camion cisterna della nettezza urbana passare regolarmente a pulire le strade come mai visto in precedenza.

Il costo del confinamento : la Francia è totalmente paralizzata, ad eccezione della produzione, circolazione e vendita dei generi alimentari. 400.000 aziende grandi e piccole e 4 milioni di salariati sarebbero in disoccupazione parziale. Il governo ha già preso delle misure di moratorio per il pagamento di imposte e contributi sociali. Il deficit del budget potrebbe risalire a 3,9 % del PIL rispetto a 3,1 % l’anno scorso, e non si parla più ovviamente del target fissato quest’anno a 2,2 %. Un piano specifico di sostegno alle aziende che lavorano per l’esportazione è stato varato con uno stanziamento di 2 miliardi di Euro per l’assicurazione-export.

Il Presidente Macron questa mattina : « Il confinamento iniziato il 16 marzo ha cambiato le nostre abitudini di lavoro, di studio, d’incontro dei nostri familiari e amici. Il miglior rimedio, per noi come per i paesi vicini, è di limitare i contatti. Il confinamento è l’unico modo di ridurre la circolazione del virus. Ho una buona notizia : potrete uscire di più con il certificato, e adottando i necessari gesti di protezione. Tutti questi cambiamzenti sono momentanei, e ritroverete la vita du prima, ve lo prometto. Questo dipende dal nostro sforzo collettivo ».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 2.4.2020. Registrato sotto cronaca, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    34 mesi, 23 giorni, 22 ore, 30 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it