PER IL COMPARTO CAREP DI VENTURINA TERME SI PROFILA LA SOLUZIONE

Venturina (LI) – Positivo l’incontro dell’11 febbraio tra Comune, Curatela e Agenzie immobiliari.

Si intravede uno sbocco positivo per il comparto edilizio realizzato anni fa da Carep a Venturina Terme, nell’area Peep dell’ex Campo di Aviazione. Martedì 11 febbraio si è tenuto alla saletta comunale di Venturina Terme un incontro tra il Comune di Campiglia Marittima rappresentato dall’assessore alle politiche sociali Elena Fossi,  la curatela del concordato preventivo di Carep alla presenza della dottoressa Matilde Lombardi e dell’avvocato Vittorio Bologni e di tutte le agenzie immobiliari del comune di Campiglia Marittima.

Il Comune di Campiglia Marittima, già da alcuni mesi ha coinvolto le agenzie immobiliari del territorio con la volontà di promuovere le vendite degli appartamenti oggetto di concordato, al fine di risollevare le sorti di un intero comparto edilizio in cui molti cittadini, e il comune stesso, hanno investito nel corso degli anni. Si è intrapreso questo percorso insolito che raccoglie pubblico, curatore e privato, poiché è parso utile per definire congiuntamente un iter che consenta di rivalutare e rendere più attrattivi sul mercato gli immobili in oggetto. Particolarmente attenta si è presentata la curatela di Carep dimostrandosi sensibile alla soluzione dei problemi che la situazione degli appartamenti invenduti nel condominio sta producendo, in particolare alle famiglie che vi abitano. Un centinaio sono gli alloggi interessati dall’operazione, di cui circa la metà ancora invenduti.

Come si sa la società Carep è in concordato preventivo fin dal 2015. A quell’anno risale la perizia estimativa richiesta dal Tribunale di Prato, competente per territorio. Consapevoli che da quella data il mercato immobiliare ha subito flessioni al ribasso e che, quindi, la stima effettuata all’epoca  non è più attuale, le agenzie immobiliari di Campiglia Marittima, con notevole senso di responsabilità e, talvolta anche contro il proprio interesse, hanno deciso di prendere accordi con la curatela del concordato per revisionare i valori di perizia, al fine di raccogliere delle offerte di acquisto conformi ai reali prezzi di mercato, per i quali, va anche precisato, che la stima dell’epoca non tiene neppure conto della collocazione in area PEEP (edilizia economica e popolare) avendo valutato la piena proprietà e non il diritto di superficie.

“È la prima volta in assoluto –  precisa l’assessora alle politiche sociali del comune di Campiglia Marittima Elena Fossi –  che accade una cosa del genere”, e aggiunge “Le agenzie immobiliari hanno risposto in massa alle sollecitazioni da noi mosse, comprendendo da subito l’intenzione di aiutare nostri concittadini e dare un volto nuovo a quella porzione di territorio, condividendo il percorso, mettendosi a disposizione e tra l’altro, è giusto dirlo, rinunciando ad una parte delle proprie provvigioni per risolvere un problema, che, ad oggi, ha assunto una valenza sociale”. “Le difficoltà e la situazione emergenziale in cui vivono le famiglie che attualmente occupano quei fabbricati – spiega Fossi –  rischiando tutti i giorni il distacco delle utenze, l’interruzione dei servizi e la svalutazione dell’investimento fatto per l’acquisto, non possono rimanere ‘questioni private’ delle singole famiglie coinvolte”.

“A tutte le agenzie che stanno collaborando in questo percorso va quindi il più sentito ringraziamento del comune di Campiglia Marittima – afferma l’assessore –  che, comunque, lavorerà accanto a loro ed in completa sinergia al fine di agevolare gli acquisti dei concittadini interessati, anche mediante accessi al credito facilitati e, a quest’ultimo proposito, il nostro prossimo passo vedrà il coinvolgimento degli istituti bancari del territorio, un territorio che, ancora una volta, ha dato prova di maturità, sensibilità e competenza”.

Per completezza di informazione, queste sono le agenzie immobiliari che hanno risposto all’appello del Comune di Campiglia Marittima: Agenzie Immobiliari Acquafresca, Alba Immobiliare, Andreoni, Aversa & Galli, Bella Tuscany, Delta, Desiderio, Gaggiolini, Il Gioiello, La Soluzione, Minuti, Pecchia di Campiglia Marittima e la Nuova Immobiliare di Piombino.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.2.2020. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    32 mesi, 29 giorni, 21 ore, 55 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it