NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 17 OTTOBRE 2019

CAMPIGLIA: GRUPPO 2019 AVVIA LE RIUNIONI APERTE SETTIMANALI

Essendo la partecipazione attiva della cittadinanza uno dei punti fondamentali della lista civica Gruppo 2019, gli iscritti hanno deciso di cominciare a tenere ogni terzo venerdì del mese un’assemblea pubblica in modo da ristabilire un filo diretto fra cittadino e politica e lo fanno con una lettera aperta alla cittadinanza.

“Venerdì 18 ottobre, alle ore 21:00, presso la saletta comunale “La Pira” di Venturina Terme, si terrà la prima delle nostre “riunioni aperte” in cui discuteremo dei vari temi all’ordine del giorno prendendo in considerazione le varie opinioni ed i vari spunti provenienti sia dai nostri iscritti che dai cittadini partecipanti.

Gli argomenti che saranno affrontati sono:
-Il nuovo percorso della ZTL
-Le prospettive dopo il “no” al Piano regionale delle cave
– Le opportunità che si presenterebbero per il nostro territorio con l’Unione dei Comuni

Vi aspettiamo numerosi sperando che questa serie di assemblee, che si svolgeranno ogni terzo venerdì del mese, possano diventare un appuntamento fisso di condivisione e confronto per la cittadinanza tutta.

Gruppo 2019

_________________________

“LA CUSTODIA DI KORE” AL MAGMA DI FOLLONICA

A Follonica il Seminario condotto dalla Dottoressa Daniela Cecchi, Presidente dell’Associazione Kore.

Sabato 19 Ottobre 2019, alle ore 16, nella Sala dei Fantasmi del Museo del Magma a Follonica, l’Associazione Kore Onlus, Centro Studi per la Ricerca e l’Educazione Psicosomatica, si terrà il primo seminario dei “I Sabati di Kore …Metti in circolo il tuo dono” e la programmazione per i percorsi 2019- 20: “La custodia di Kore”.

L’ associazione Kore, ONLUS di Follonica, con i propri percorsi, intende formare ed informare sulla lettura psicosomatica del disagio e della patologia. Kore si basa sull’idea che la cultura ha l’obbligo di conoscere, aderire, proteggere la vita ed indirizzare la società.La custodia di quella cultura che è espressione della verità nella vita, è da sempre il nostro obiettivo.

Patrocinato dal Comune di Follonica, alla presenza dell’Assessore alle Politiche culturali, architetto Barbara Catalani, il seminario sarà condotto dalla presidente Daniela Cecchi, Psicologa Psicoterapeuta, specialista in Psicosomatica; parteciperanno tutti gli operatori dell’associazione. Ingresso libero.

_______________________

POPULONIA POTREBBE DIVENTARE UNO DEI BORGHI PIÙ BELLI D’ITALIA

Il Comune di Piombino, tramite una delibera di giunta firmata mercoledì 16 ottobre, ha presentato la richiesta per far includere Populonia nella rete dei Borghi più belli d’Italia, iniziativa a fini promozionali e turistici dell’omonima associazione nata nel 2001 su impulso di Anci.  L’associazione ogni anno valuta i borghi e i paesi che ne fanno richiesta secondo stringenti parametri architettonici, storici, urbanistici e abitativi.

Populonia potrebbe rientrare nella sezione Ospite d’onore dedicata alle frazioni, ai soli centri storici o a delle località particolari di quei Comuni che superano la soglia dei 15mila abitanti imposta dallo statuto dell’associazione.

“Dopo l’esperienza positiva di Suvereto – spiega il vicesindaco Giuliano Parodi, assessore alla Cultura e al Turismo – che già da molti anni è parte della rete dei Borghi più belli d’Italia, ho voluto replicare anche per il Comune di Piombino. Populonia è una località unica nel suo genere che ha bisogno di essere valorizzata e la rete dei Borghi offre moltissime possibilità in termini turistici e promozionali. La serietà dell’associazione è già di per sé una garanzia a cui molti turisti si affidano per scegliere le mete dei propri viaggi e farne parte potrebbe includere Populonia, e di riflesso tutto il territorio, in un circuito turistico virtuoso. Nella sezione Ospite d’onore, al momento, figura solo Erice: ciò dimostra quanto i criteri siano stringenti e, quindi, diventarne parte sia prestigioso.

Far parte dei Borghi più belli d’Italia significherebbe dare un nuovo slancio al turismo della zona e aprirlo a nuovi mercati, anche internazionali”.

L’associazione Borghi più belli d’Italia è proprietaria di un marchio utilizzabile dai Comuni membri della classifica che ogni anno redige. Ha all’attivo moltissime partnership con grandi aziende di tutti i settori, tra cui la Rai che dedica ai Borghi una sezione del seguito programma di Rai 3 Alle falde del Kilimangiaro in onda la domenica pomeriggio.

____________________________________

SUVERETO: IL PD SULL’UNIONE DEI COMUNI DELLA VAL DI CORNIA

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«Nell’ultimo consiglio comunale di Suvereto è stato discusso un documento, proposto da Assemblea Popolare Suvereto, sulla costituzione in fretta e furia di un nuovo ente istituzionale: l’Unione dei Comuni della Val di Cornia. Senza indicare percorsi ed obbiettivi. Tema molto importante che merita approfondimento e non superficialità, sia nei metodi che nei contenuti.

Fin dagli inizi dello svilupparsi di politiche sovra comunali nella Val di Cornia, a partire dagli anni ’70, gli strumenti istituzionali vennero dopo la costruzione di una visione del territorio.  Il documento proposto da APS non prevede nulla di tutto questo, ma accelera solo sulla creazione di uno scatolone vuoto.

Noi pensiamo che prima di costruire nuovi enti si debba rispondere ad una domanda: per fare cosa ? C’è bisogno di costruire una visione comune per rispondere alle esigenze di lavoro, di sviluppo e di protezione sociale. Senza una visione comune di cosa fare, l’edificazione di nuovi enti rischia di essere solo una proliferazione di nuove poltrone che non risolve mezzo problema ai cittadini. I cittadini vogliono risposte e non esperimenti di ingegneria istituzionale che interessano gli addetti ai lavori. La stessa questione vale per le politiche Urbanistiche per le quali oggi il Comune di Suvereto invoca un nuovo piano strutturale di area dopo aver chiesto di farne uno con solo San Vincenzo e Sassetta.

Sui contenuti c’è il vuoto assoluto, ma anche nei metodi non c’è chiarezza.  ApS ha proposto una Unione dei Comune di palazzo, senza prima indicare  un percorso di partecipazione e di coinvolgimento della popolazione. Dove è finito il tanto decantato “programma dei cittadini” ? Dove sono finiti i ritornelli: “Decidete voi, voi cittadini!”. Ma si sa, una volta ottenuta la vittoria, ApS dimentica sempre le promesse fatte.

Sulle questioni importanti c’è sempre il tipico tentativo di chiudere la partita in fretta e furia,  come nella famosa assemblea del dicembre scorso su Terna che costò all’ex Sindaco il “defenestramento” da parte del guru.

Invece siamo convinti  che per rendere un utile servizio alle esigenze dei cittadini, sia necessario recuperare uno spirito di contenuti, con una visione e successivamente con gli strumenti attuativi  per una nuova politica di zona condivisa dalla popolazione.  Ma per fare questo è necessario coinvolgere in più forme i cittadini su obbiettivi e strumenti chiari e condivisibili.

Percorso non semplice ma inevitabile, per evitare il rischio di fare solo un inutile poltronificio e rischiare che questo nuovo ente non sia in grado di esprimere alcuna volontà comune ma solo quella del Comune più forte».

PD Suvereto

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.10.2019. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    28 mesi, 18 giorni, 0 ore, 30 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it