FERRARI: “LA REGIONE CONTINUA A TAGLIARE SULLA PELLE DEI PAZIENTI DI PIOMBINO” 

Francesco Ferrari

Piombino (LI) – A breve nuovi tagli su ginecologi e ostetriche, saranno i medici del Pronto soccorso a sopperire.

“Con ogni provvedimento che la Regione adotta si aggravano i rischi per i pazienti”. Il sindaco Francesco Ferrari fa il punto della situazione a seguito delle recenti informazioni riguardo nuovi tagli al personale di Villamarina.

“Abbiamo appreso – spiega il sindaco Ferrari – che l’azienda ha comunicato al personale del Pronto soccorso che dovrà seguire un corso di appena sei ore che, ad avviso di qualche ben pensante, dovrebbe bastare a formare gli operatori per fronteggiare l’emergenza legata al parto e alle possibili patologie conseguenti, della donna e del nascituro. Mi domando a quale necessità risponda questo corso visto che il Pronto soccorso ha a disposizione, almeno di giorno, personale specializzato per far fronte a questo tipo di esigenze. Significa che Piombino rimarrà totalmente sprovvista di ginecologi e ostetriche?

L’azienda e la Regione Toscana devono dare delle spiegazioni alla città: ben venga il dialogo e la concertazione per arrivare a un obiettivo finale, ben vengano tavoli tecnici per fronteggiare i problemi dell’ospedale di Piombino ma certamente non possiamo accettare che vengano apportati ulteriori tagli alle già precarie condizioni dell’ospedale, in particolare il Pronto soccorso e il settore materno neonatale. Inoltre, è impensabile caricare i medici del Pronto soccorso, settore già sotto organico, di ulteriore lavoro che, oltretutto, non compete loro: il momento del parto, come tutte le emergenze che potrebbero verificarsi prima e dopo, ha bisogno di medici specialisti. In questo modo stanno esponendo a gravi rischi la salute delle madri e dei loro bambini e stanno investendo il personale di una responsabilità che non è giusto debba sostenere”.

“Inoltre – continua Ferrari – la chiusura del punto nascita ha fatto venire meno anche il supporto necessario durante tutta la gravidanza: non ci si può aspettare che una donna incinta debba andare a Cecina per i controlli necessari, che spesso negli ultimi giorni prima del parto sono quotidiani. Come, allo stesso modo, non si può chiedere al personale del 118 di prendersi la responsabilità di accompagnare una donna incinta in una condizione di emergenza all’ospedale di Cecina, quando la normativa impone di accompagnare i pazienti al Pronto soccorso più vicino. Oltretutto, il trasporto di una donna in stato interessante è considerato un trasferimento speciale secondo la normativa regionale, ciò significa che è obbligatoria la presenza di uno specialista. Come si può pensare di garantire questo servizio se il nostro ospedale continua a essere svuotato di risorse e personale?

Senza contare le difficoltà logistiche di un trasferimento da Piombino, visto il problema del traffico sulla 398.

La Regione Toscana deve rendersi conto che la generale operazione di depotenziamento che ha avviato negli ultimi anni mette a rischio la vita dei pazienti piombinesi. Che fine hanno fatto gli impegni che si era assunta? I novanta giorni che la Regione si era presa sono agli sgoccioli ma la situazione è ancora praticamente la stessa. Speriamo che, dal dialogo della Regione Toscana con questo nuovo Governo, nasca un percorso virtuoso che abbia come obiettivo la riapertura del Punto nascita. Il Comune sta facendo il possibile per contribuire secondo le proprie competenze: abbiamo istituito una commissione consiliare per l’esame dei dati sulla salute della popolazione, formata anche da professionisti, così da avere un quadro più chiaro sull’incidenza delle varie patologie, in particolare quelle inquinamento dipendenti. Abbiamo sempre sostenuto che la presenza di patologie cardiache, respiratorie, tumorali e di malformazioni congenite sul nostro territorio siano in numero maggiore rispetto alle medie regionali e nazionali. La creazione di questa commissione ha un duplice scopo: in primis quello di verificare se a Piombino esiste veramente problema di salute, e poi, di fotografare la situazione attuale per poter verificare, negli anni successivi, se il trend va verso un miglioramento. A partire dalla lettura di questi dati potremo formulare richieste ancora più puntuali per il futuro dell’ospedale cittadino”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.9.2019. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    26 mesi, 20 giorni, 10 ore, 37 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it