PIOMBINO DEVE COORDINARE IL PROGETTO DI RILANCIO

Francesco Ferrari

Roma – Il sindaco di Piombino Francesco Ferrari il 6 agosto al Mise ha esposto la strategia di rilancio del territorio. Il Ministero si è impegnato a stanziare ulteriori 25 milioni per la risoluzione dell’area di crisi.

PREMI QUI PER VEDERE L’INTERVENTO DEL SINDACO FERRARI DI RITORNO DA ROMA.

“Il Comune di Piombino deve diventare il coordinatore dell’attuazione dell’intero progetto, con soldi pubblici da gestire direttamente”. Con queste parole il sindaco Francesco Ferrari oggi al Mise ha esposto la strategia per il rilancio dell’economia piombinese. “Nelle prossime settimane – ha continuato il sindaco – porterò in Consiglio comunale l’adozione della variante urbanistica relativa all’investimento della tempra.

Sono convinto che il futuro di Piombino debba passare da una visione generale che riguardi il rilancio delle fabbrica ma anche, al tempo stesso, i temi delle bonifiche e degli investimenti infrastrutturali”.

Il Ministero si è impegnato a stanziare ulteriori 25 milioni, in aggiunta ai 18 milioni già previsti, per l’area di crisi complessa di Piombino. Una circostanza importante nell’ottica dei rapporti con JSW, con cui il Ministero ha iniziato a discutere anche del prezzo dell’energia.

“Di fronte ai molti impegni del pubblico – ha proseguito Ferrari – il privato dovrà far conoscere i concreti progetti industriali senza cercare alibi. Il Comune di Piombino deve essere protagonista di questo scenario: non si tratta di una pretesa illegittima e sproporzionata né dal punto di vista istituzionale, dato che il problema è nel territorio di Piombino è giusto che il Comune sia il primo attore, né dal punto di vista finanziario. Ciò consentirebbe anche, e non è cosa di poco conto, una gestione di ogni problema a contatto diretto con la popolazione che quotidianamente lo vive e ha diritto, attraverso l’istituzione che la rappresenta direttamente, alla partecipazione e al controllo”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.8.2019. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    28 mesi, 14 giorni, 13 ore, 28 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it