AFERPI: SI PROSEGUE CON LA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER IL NUOVO IMPIANTO

la vista dal Cotone

Piombino (LI) – Va avanti l’iter della variante al Regolamento Urbanistico per consentire la realizzazione di un nuovo impianto di “tempra delle rotaie”, come richiesto dalla nuova proprietà Aferpi all’inizio di marzo, da collocare in un’area adiacente all’esistente treno di laminazione. La realizzazione di questo nuovo impianto in quest’area  confligge  con quanto previsto dalla pianificazione urbanistica vigente che ridefinisce il complessivo riassetto delle aree liberate dalle lavorazioni siderurgiche. Per la realizzazione del nuovo impianto è pertanto necessaria una nuova variante urbanistica.

La giunta municipale ha quindi  approvato nella giornata di mercoledì una delibera con la quale si avvia il procedimento di verifica di assoggettabilità a Vas (Valutazione ambientale strategica) che avrà una durata obbligatoria di 30 giorni. Solo dopo sarà possibile procedere con la proposta di Variante.

A fronte di questa modifica urbanistica, che consentirebbe all’azienda di qualificare ulteriormente la produzione delle rotaie con un beneficio anche dal punto di vista occupazionale,  Comune e Regione si stanno confrontando con l’azienda su due aspetti fondamentali: la retrocessione  da alcune aree demaniali all’interno dello stabilimento, che potrebbero tornare nella disponibilità pubblica, e l’obbligo di conferimento dei rifiuti prodotti in Rimateria.

“E’ chiaro che un’azienda che investe necessita di risposte – afferma il sindaco – soprattutto se gli investimenti sono compatibili e consentono anche di ottenere altri risultati positivi per la città. Le risposte che cerchiamo di dare a livello locale sono del tutto assenti invece sul fronte  del governo. In dieci mesi dal loro insediamento i proprietari di Jindal non sono riusciti a incontrare il ministro allo sviluppo economico del nostro paese. Piombino è il secondo stabilimento siderurgico italiano e questa assenza non è certo giustificabile. Questo non succede ad esempio negli Stati Uniti dove i titolari del gruppo sono stati ricevuti dallo stesso presidente Trump dopo il recente acquisto di proprietà in quel paese.”

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.4.2019. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    25 mesi, 17 giorni, 7 ore, 12 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it