PIOMBINO SOSTITUISCE LA QUOTA IMU CON LA TASI

Piombino vista da Piazza Bovio

Piombino (LI) – La misura recentemente approvata dal consiglio comunale di Piombino si traduce in un concreto sgravio per le imprese localizzate sul territorio, in relazione alla tassazione sugli immobili utilizzati nell’attività di impresa.

Il Comune ha accolto la proposta avanzata  da Confindustria Livorno Massa Carrara e a impatto zero sulle casse comunali : sostituire la quota IMU gestibile  dal Comune con una analoga quota di TASI, un tributo, quest’ultimo, integralmente deducibile ai fini IRES e IRAP dovute dall’impresa, quindi riferito  alla fiscalità nazionale.

“Considerata la pesante crisi che da anni grava sul sistema industriale di Piombino”, afferma Umberto PAOLETTI, direttore generale di Confindustria LI MS, “mentre stentano ancora a prodursi gli effetti postivi degli Accordi di programma, abbiamo pensato a un intervento di politica industriale da attuare a livello locale che garantisse risultati concreti e tempi certi di attuazione, senza alcun impatto  per le finanze comunali ”.

“Si tratta di un risultato importante, reso possibile dall’attuale Finanziaria e introdotta per venire incontro a una richiesta specifica di Confindustria – afferma il vicesindaco del Comune di Piombino Ilvio Camberini – una misura che sicuramente porterà vantaggi alle imprese che hanno sede nel Comune di Piombino .”

“Il Comune di Piombino ha dimostrato da subito una notevole sensibilità alle istanze del sistema industriale”, conclude PAOLETTI, “si tratta di un’operazione che rappresenta un esempio altamente innovativo di collaborazione pubblico-privato per la reindustrializzazione del territorio, che intendiamo riproporre anche in altri Comuni delle  aree di crisi della nostra provincia”.

Fonte Comune di Piombino

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.3.2019. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    25 mesi, 20 giorni, 7 ore, 44 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it