ROTARY PIOMBINO: IL FAIR PLAY NELLO SPORT E NELLA VITA

un momento dell’iniziativa

Piombino (LI) – “Chi gioca lealmente è sempre vincitore” con queste parole Susanna Biagini, presidente del Rotary Club di Piombino, ha aperto il convegno “Fair play nello sport e nella vita” organizzato dal Club con il patrocinio del Comune e tenutosi sabato 9 febbraio all’hotel Centrale in Piombino.

Dopo aver descritto l’attività e lo scopo del Rotary, impegnato a promuovere cambiamenti positivi nella comunità locale e non, a fornire acqua e strutture sanitarie nelle parti più disagiate del mondo, a combattere gravi malattie, a sostenere l’istruzione e promuovere la pace ed i rapporti di amicizia tra i singoli e tra gli Stati, doverosi e sentiti sono giunti i ringraziamenti della Presidente Biagini a tutti i relatori per la loro preziosa presenza e a tutti coloro che con il loro contributo hanno permesso di realizzare un evento di così importante valore.

“Ricostruire il Paese dai valori dello Sport”: inizia con le parole di Nelson Mandela il primo intervento. A citarle è Giacomo Grandi, presidente ASD Etruria Rugby Piombino, che ripercorre quella che fu la grande intuizione del neoletto Presidente del Sudafrica Nelson Mandela il quale inseguì il sogno di ricostruire le basi dell’unità nazionale a partire proprio dallo sport: il rugby appunto. L’80 percento della popolazione era nera, mentre il rugby era generalmente considerato uno sport per bianchi, motivo per cui la grandissima maggioranza degli abitanti del Sudafrica tifava contro la nazionale di rubgy. Ecco la grande intuizione di Mandela il quale si convinse che celebrare i mondiali di rugby in Sudafrica fosse una grande occasione per trovare un elemento comune di unità per una popolazione così divisa. Fu ciò che accadde e fu così che un popolo sul punto della guerra civile superò, grazie ai valori dello sport, molte delle sue tensioni civili e politiche riconoscendosi unito in una squadra.

A seguire l’intervento di Diego Polani, docente di psicologia dello sport presso l’Università di Firenze, il quale si è concentrato sull’importanza dello sport e del fair play quale mezzo di prevenzione del bullismo e della violenza. “Lo sport è uno strumento che può favorire attraverso i valori educativi l’adattamento e l’integrazione delle varie componenti e generazioni nelle dinamiche sociali in continua trasformazione ed evoluzione”: queste le parole del professore che ha sottolineato il fondamentale ruolo della scuola, delle associazioni, delle istituzioni nel colmare l’ignoranza educativa di cui spesso è responsabile la famiglia.

La parola poi è passata a Marcello Nicchi, Presidente al terzo mandato dell’Associazione Italiana Arbitri, che ha rimarcato il forte insegnamento al rispetto dei valori che si impartisce ai giovani arbitri all’interno delle 209 sezioni dell’AIA dislocate sul territorio nazionale: questo perché ancor prima che con bravi arbitri ciò che preme è avere a che fare con veri uomini che con la loro integrità e professionalità possano essere di esempio alla società.

Giovanni Giannone, delegato CONI per la Provincia di Livorno, richiamando le parole del papa Francesco si è soffermato sul concetto di sport quale patto educativo. Gli sportivi siano “un esempio di virtù come la generosità, l’umiltà, il sacrificio, la costanza, l’allegria” afferma il pontefice il quale ritiene che agli atleti spetti il significativo compito di dare volto a questi atteggiamenti e convinzioni incarnandoli oltre che nell’attività sportiva anche in un reale impegno familiare, sociale, culturale e religioso. Dunque il fair play permette allo sport di divenire un’imprescindibile opportunità di educazione per tutta la società, partendo dai valori presenti nello sport quali la perseveranza, la giustizia, le buone maniere, la lealtà, l’amicizia, la solidarietà, lo spirito di squadra.

A chiudere il convegno l’intervento del sindaco di Piombino Massimo Giuliani.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 14.2.2019. Registrato sotto Foto, sport, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    20 mesi, 24 giorni, 18 ore, 20 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it