FIDEJUSSIONE RIMATERIA: 350 MILA EURO PERSI E DELIBERA “BUGIARDA”

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo da Francesco Ferrari sulla fidejussione Rimateria.

«Avevamo chiesto con interrogazione comunale che fine avevano fatto quei 350mila euro discutibilmente prestati dal nostro Comune a Rimateria per pagare la fideiussione chiesta dalla Regione.

La risposta la apprendiamo dai media anziché dalla giunta: quella fideiussione non è stata ritenuta valida dalla Regione, in quanto alla società Finworld è stato vietato di operare come intermediario finanziario. Dunque 350mila euro di soldi pubblici sono andati persi.

Un fulmine a ciel sereno? Assolutamente no. Era prevedibile e noi lo avevamo detto già prima del prestito considerate le plurime vicende giudiziarie a cui la Finworld era sottoposta.

È palese come non vi sia stata sufficiente attenzione; un “buon padre di famiglia” a quella Finworld non avrebbe dato neppure dieci euro.

Da ciò deriva un danno erariale: Rimateria non recupererà mai neppure un centesimo di quei soldi dati a Finworld ma dovrà pagare una seconda fideiussione e, al contempo, restituire il prestito ricevuto al Comune; quest’ultimo, tuttavia, in qualità di proprietario di quote di Rimateria, è comunque danneggiato da una superficiale gestione della cosa pubblica. Ecco spiegato il danno subito dal Comune: è ora che a pagare, invece dei cittadini, sia chi ha sbagliato.

Da ultimo una chicca: la delibera discussa al consiglio comunale del 16 luglio, parlava di un prestito di 350mila euro in favore di Rimateria per pagare la fideiussione; ed invece, scopriamo adesso che quella fideiussione era già stata pagata sei giorni prima. Tra tutti gli errori della presente amministrazione, quello di una delibera “bugiarda” ci mancava».

Francesco Ferrari
FdI Val di Cornia

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.11.2018. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 16 giorni, 4 ore, 28 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it