PIOMBINO: PAOLO ZUCCHELLI A COVERGREEN IN PIAZZA BOVIO

Piombino (LI) – Continua Cover Green – Musica da guardare che ha aperto i battenti mercoledì e continua fino a domenica prossima. Oggi Giovedì 23 agosto secondo appuntamento con Paolo Mazzucchelli, intervistato da Donato Zoppo. 
Collezionista lombardo, conoscitore appassionato e divulgatore musicale, Paolo Mazzucchelli ha pubblicato con un editore storico come Stampa Alternativa il suo libro I Vestiti della Musica, che ripercorre i tratti salienti del suo spettacolo omonimo, dedicato – proprio come Cover Green, sede irrinunciabile per una sua presentazione – alle copertine dei dischi e alla loro evoluzione da semplice ed anonimo contenitore a vera e propria icona culturale, da elemento di marketing ad espressione dell’evoluzione di un gruppo o di un artista. I Vestiti della Musica parte dall’età d’oro del jazz e arriva ai fasti del progressive anni ‘70, passando fra i caleidoscopici colori della psichedelia, l’evoluzione grafica di artisti come Beatles, Doors e Pink Floyd, le curiosità delle copertine più strane ed elaborate, maliziose o anche censurate, come Sticky Fingers dei Rolling Stones o Amore e non amore di Lucio Battisti.
La conversazione con Mazzucchelli è in linea con filo conduttore di questa terza edizione, cioè il 1968 (“Quando i giovani cambiarono la musica e la musica cambiò i giovani”), che animerà anche la mostra allestita nelle sale di Palazzo Appiani, con centinaia di vinili d’epoca e una parete specifica sui titoli del ’68. La mostra si potrà visitare tutti i giorni fino al 26 agosto, dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 17.30 alle 23.00. Cover Green – Musica da Guardare è una iniziativa ideata nel 2016 dall’Associazione Culturale Cover Green con l’obiettivo di divulgare, valorizzare e far rivivere la magia delle copertine illustrate da maestri grafici, disegnatori e fotografi dei vinili anni ’60/’70, promuovendo tutto ciò che appartiene al mondo del rock classico. Dal 2016 Cover Green ha sviluppato progetti grafici ed educativi con le scuole, ha organizzato presentazioni di libri e incontri con autori e musicisti, ha partecipato alla XX Edizione del Disco Days a Napoli con una mostra sul rock del 1968.
Ingresso gratuito per tutti gli eventi, in caso di pioggia gli appuntamenti serali si terranno a Palazzo Appiani; durante la mostra l’Associazione Cover Green proseguirà la sua campagna di tesseramento. Prossimo appuntamento: venerdì 24 agosto conversazione-concerto con Vittorio De Scalzi, personalità storica della musica italiana, fondatore dei New Trolls.
___________________________

L’edizione 2018 di COVERGREEN ha come filo conduttore il 1968 (“Quando i giovani cambiarono la musica e la musica cambiò i giovani”) e si svolgerà nelle sale di Palazzo Appiani, dove sarà allestita la mostra con centinaia di vinili d’epoca (con una parete specifica sui titoli del ’68), e Piazza Bovio, straordinaria location a pochi metri dal mare che accoglierà gli eventi con gli ospiti. La mostra sarà inaugurata mercoledì 22 alle 18.00 in Palazzo Appiani, si potrà visitare tutti i giorni fino al 26 agosto, dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 17.30 alle 23.00. L’inaugurazione sarà impreziosita dalle note di Nico Pistolesi, talentuoso pianista toscano attento alle sperimentazioni tra jazz, classica e contemporanea.
Il protagonista del primo appuntamento sarà Antonello Cresti, intervistato dal giornalista e scrittore Donato Zoppo. Nato a Firenze nel 1980, Antonello Cresti si occupa da anni di controcultura, musica underground, spiritualità, mondo britannico e pensiero anticapitalista, argomenti ai quali ha dedicato dieci libri, in particolare il progetto Solchi Sperimentali, che quest’anno si è arricchito del nuovo volume Solchi Sperimentali Kraut (Crac Edizioni), dedicato alle avanguardie musicali tedesche tra il 1968 ed il 1983. Solchi Sperimentali e in generale l’attività di Cresti hanno contribuito con successo a valorizzare il contributo italiano e straniero alla musica di avanguardia e sperimentale, attivando un circuito positivo di eventi e nuovi progetti. La sua partecipazione a Cover Green sarà fondamentale per capire il rapporto tra copertine e movimenti d’avanguardia tra Italia e Germania, con un occhio di riguardo alle grandi eredità sperimentali dell’epoca d’oro e alla contemporaneità.
Cover Green torna con un cartellone incentrato sulle copertine dei più importanti dischi della storia del rock, con ospiti speciali tra divulgazione, esposizione, musica e raccontiCover Green – Musica da Guardare è una mostra ideata nel 2016 dall’Associazione Culturale Cover Green con l’obiettivo di divulgare, valorizzare e far rivivere la magia delle copertine illustrate da maestri grafici, disegnatori e fotografi dei vinili anni ’60/’70, promuovendo tutto ciò che appartiene al mondo del rock classico. Dal 2016 Cover Green ha sviluppato progetti grafici ed educativi con le scuole, ha organizzato presentazioni di libri e incontri con autori e musicisti, ha partecipato alla XX Edizione del Disco Days a Napoli con una mostra sul rock del 1968.
Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.8.2018. Registrato sotto cultura, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 13 giorni, 4 ore, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it