CAMPIGLIA STAZIONE ABBANDONATA A SE STESSA ANCHE L’ESTATE

Campiglia M.ma (LI) – Riportiamo una nota di Tiziano Rombai, commissario Piombino-Val di Cornia della Lega che, turista suo malgrado, è dovuto scendere nella mattina dell’8 agosto alla stazione di Campiglia Marittima. Una stazione che, senza più il Bar, l’Edicola, il punto di sicurezza ferroviaria, il taxi e neppure più i bagni pubblici (ormai automatizzati e  a pagamento) assomiglia sempre di più ad una “stazione fantasma”. Leggiamo insieme la nota.

DIARIO DI UN TURISTA IN CERCA DI SERVIZI

«8 agosto 2018 alle 9:35 prendo a Cecina un treno diretto a Campiglia Marittima, il cui arrivo era previsto per le 10:02. Arrivo con qualche minuto di ritardo, ma non dò peso alla cosa; mi dirigo verso il bar, ma lo trovo chiuso con cartello VENDESI.

Esco dalla stazione in un arroventato giorno di Agosto e mi sembra di essere ad Addis Abeba, senza un’ ombra di poliziotto. Spinto da una necessità, chiedo alla biglietteria di scambiarmi una banconota per avere in cambio monete per poter usufruire della toilette, ma la biglietteria è priva di moneta, e l’ operatore dichiara di essere lì solo per controllare la biglietteria automatica.

Chiedo se c’ è un mezzo per raggiungere Venturina, e mi viene risposto che c’ è un bus a bordo del quale è possibile acquistare il titolo di viaggio. Nel frattempo, mi dirigo velocemente verso un bar esterno alla stazione e chiedo di poter usufruire della toilette, ma il gestore, seccato, risponde che l’ ha appena pulita e l’ ha chiusa al pubblico.

Mentre lancio qualche impropero al suo indirizzo, vedo allontanarsi il mio pullman delle 10:20 e scopro, con raccapriccio, che il prossimo sarà alle 11:45. Per località turistiche sono lacune, anzi voragini, imperdonabili!

Vinto, mi dirigo a Venturina a piedi dove giungo affranto e distrutto dal caldo alle 11:30 di un torrido giorno di Agosto, riflettendo sul fatto che sembra che allettare il turista offrendo servizi che altrove sono una realtà scontata, non sia affatto il punto forte delle nostre pur amene località turistiche».

Commissario Sez. Comunale Piombino e Val di Cornia LEGA
TIZIANO ROMBAI

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 10.8.2018. Registrato sotto cronaca, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

4 Commenti per “CAMPIGLIA STAZIONE ABBANDONATA A SE STESSA ANCHE L’ESTATE”

  1. Patrick Hobry

    Ci sarebbe tanto da scrivere in proposito ma ne risulterebbe solo un’infinita lista di noiose contraddizioni e inettitudini di un’area geografica destinata, insesorabilmente, all’oblio. Basterà dire, concedetemelo per realtà vissute sulla pelle, che l’ignoranza purtroppo regna sovrana, così come il menefreghismo, l’insofferenza, l’invidia e, passatemi anche questa, l’assoluta ottusità di un popolo destinato, pian piano, a scomparire. Non c’è gioia sui vostri volti, non esiste il minimo cenno di benvenuto quando si scende da queste parti. Sembrate seccati di vedere degli sconosciuti approdare nelle vostre stazioni, tra le vostre vie, sulle vostre spiagge. Ma non siete un luogo di turismo? E allora? Non c’è accoglienza, all’opposto, date l’impressione di aspettare l’errore dell’altro, lo spunto, l’opportunità per attaccar briga e sfogare la vostra rabbia sul prossimo, meglio se non di qui, così da evitare noiosi strascichi… Sembrate gelosi del vostro mare, ma non fate niente per salvaguardarlo dall’erosione, vorreste che nessuno, tranne voi, usufruisse delle vostre pinete, ma stanno seccando tutte, ve ne siete accorti? Lasciate che vi demoliscano, poco a poco, le peculiari colline che vi circondano; che vi sommergano le aree agricole di pannelli solari; che vi asfaltino le spiagge per lungimiranti porti in cui, tranne i pochi privilegiati, non va nessuno… mentre, sarà una coincidenza, la vostra sabbia scompare. Siete vecchi, se non di età, almeno di mentalità; quel tipo di vecchiaia che vi rende ignoranti e gretti, monotoni e sgradevoli, come le vostre impersonali case cubiche e i vostri marciapiedi da terzo mondo. Non c’è gioia nella vostra aria, pur impreziosita dal mare, ma solo noia, amarezza, rancore. La vostra limitatezza, ne sono certo, vi ha già materializzato la classica frase “se non ti piace, non ci venire” oppure “tornatene a casa tua”… argomenti tipici d’una mentalità già morta e sepolta, epitaffi di muschiose tombe d’un cimitero sempre più abbandonato.

  2. Oblio

    Lei che scrive queste enormi critiche a riguardo del territorio, ha un po’ girato in Italia, ha toccato con mano la realtà di altre aree geografiche, oppure commenta senza conoscere? Altrimenti indichi in quale luogo in Italia non esiste, in questo preciso momento storico, la “limitatezza” mentale da lei esposta.

  3. Andrea

    Evidentemente è un problema non di zona, ma nazionale perché io vivo da anni in altro posto di altra regione e potrei fare copia incolla di quello che hai scritto, anzi molto peggio la situazione.

  4. Sergio Martini

    X OBLIO e X ANDREA: in pratica per voi vale la regola mal comune mezzo gaudio. Ovvero, se i miei vicini si scannano tra loro, mi butto nella mischia anch’io, no? Mi sa che è proprio questo pressapochismo all’italiana che ci farà piombare sempre di più nel bottino. Comunque, nel mio caso specifico, provengo dalla Val di Cornia e ora vivo per lavoro a Riva del Garda, comune italianissimo. Posso garantirvi che qui la “limitatezza” mentale è di gran lunga meno evidente. E così intorno all’intero Lago di Garda che, come saprete, è piuttosto vasto, ma tutto in territorio italiano. La Val di Cornia, paesaggisticamente, non avrebbe nulla da invidiare alla zona in cui vivo, ma per il resto……….. LASCIAMO PERDERE!

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 15 giorni, 22 ore, 57 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it