RIMATERIA: LA DISCARICA CHIEDE AI PIOMBINESI 350 MILA EURO

Piombino (LI) – Manca il numero legale in consiglio comunale a Piombino, e le opposizioni escono dall’aula per non far approvare il prestito da 350mila euro indirizzato alla discarica di Rimateria per permettere alla società (che non gestisce i rifiuti urbani che vanno a Grosseto, ma quelli speciali provenienti da tutta Italia, ndr.) di pagare, in parte, la polizza fideiussoria a favore della Regione Toscana relativamente ai costi futuri di gestione e post gestione della discarica di Ischia di Crociano.  

«E’ una maggioranza allo sbando, ancora una volta inciampa sul numero legale» hanno spiegato Movimento 5 Stelle, Ascolta Piombino, Ferrari Sindaco, Un’Altra Piombino e Rifondazione Comunista. «L’intero blocco delle opposizioni presenti in aula ha deciso di abbandonare il Consiglio comunale nel momento in cui, sulla discussione di due delibere di Giunta relative a temi di bilancio, la maggioranza non poteva garantire il numero legale, come dovrebbe essere in caso di approvazione di documenti che la stessa ritiene strategici il bilancio, soprattutto le sue variazioni, è argomento di grande valenza politica: la mancanza del numero legale evidenzia una crepa proprio sui criteri di scelta e le minoranze hanno il dovere di rilevare tale debolezza.

In altre parole, se la maggioranza non è in grado di governare il territorio attraverso gli strumenti di governo, i cittadini devono saperlo e il modo migliore è evidenziarlo uscendo dai consessi, che è una nostra democratica prerogativa. Il consiglio comunale sarà sicuramente riconvocato, ma le contraddizioni di una maggioranza in netta difficoltà saranno ancora lì, ben evidenti, dentro e fuori l’istituto comunale.

Una delle variazioni di bilancio – spiegano le opposizioni – riguardava il prestito di ben 350.000 euro che la Giunta voleva riconoscere a Rimateria, argomento assai rilevante» e le opposizioni annunciano all’unisono che «sull’ampliamento degli spazi di discarica, sui nuovi insediamenti produttivi previsti dall’amministrazione, nonché più in generale sul tema ambientale, le forze di minoranza, preoccupate per le scelte legate al ciclo dei rifiuti, hanno visioni articolate su cui faranno fronte comune».

Il sindaco Giuliani però tranquillizza: “Non c’è nessuna defezione da parte del Consiglio”.

“In realtà per l’assenza di quattro consiglieri di maggioranza, assenze motivate da problemi personali e non politici, i consiglieri di minoranza hanno deciso di far saltare il numero legale in Consiglio e di rimandarne la seduta che a questo punto abbiamo fissato nuovamente per lunedì 16 Luglio. C’erano delle delibere importanti da discutere che davano il via libera a operazioni di sostanza, tra cui lo stanziamento di 350mila euro a Rimateria per far ripartire l’azienda dopo il sequestro. Una questione che tra l’altro era stata sollecitata dalle minoranze stesse”.

“Mi chiedo: la difesa democratica di tutte le posizioni, anche di quelle di opposizione, si fa stando in aula e discutendo oppure abbandonando la discussione? Con questo voglio richiamare tutti a una assunzione di responsabilità nei confronti dei cittadini e delle istituzioni democratiche”, ha concluso Giuliani.

In ogni caso la discarica di Ischia di Crociano crea ancora problemi a questa maggioranza. I più scafati in materia però pensano che la preoccupazione più grande dei consiglieri di maggioranza sia stata quella della Corte dei Conti, che se mettesse mano alla pratica “Rimateria” potrebbe perfino arrivare  a chiedere conto personalmente ai consiglieri che approveranno questa operazione. Come al solito “Chi vivrà, vedrà”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.7.2018. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “RIMATERIA: LA DISCARICA CHIEDE AI PIOMBINESI 350 MILA EURO”

  1. Ciuco nero

    Ma quando ci sono le Comunali a piombino ? Questi del PD ancora parlano????

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    13 mesi, 14 giorni, 19 ore, 39 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it