AFERPI: ACCORDO DI PROGRAMMA, FIRMA RIMANDATA

Roma – Riunione al Mise per la revisione e la firma dell’Accordo di programma per l’area di crisi industriale. La presentazione da parte di JSW di un piano industriale più dettagliato, ha costretto il tavolo che si era riunito oggi al Mise a riallineare tutte le varie osservazioni presentate dagli enti sull’Accordo di programma. Una nuova riunione verrà convocata nei prossimi giorni, tra mercoledì e giovedì.

All’incontro, che aveva per oggetto lo schema di accordo ai sensi dell’art. 252 bis, hanno partecipato il sindaco Massimo Giuliani per il Comune di Piombino, rappresentanti della Regione Toscana, rappresentanti del ministero dell’ambiente, Agenzia del Demanio, Autorità portuale, Invitalia, rappresentanti di JSW, acquirente dell’ex acciaieria Lucchini.

L’accordo di programma si occupa di definire i progetti di messa in sicurezza, riconversione e riqualificazione industriale dell’area, definendo tutta una serie di azioni a carico delle parti pubbliche e private. I temi sono quelli della riqualificazione ambientale e produttiva del sito di Piombino, il progetto di riconversione, efficientamento energetico e miglioramento ambientale, il completamento della bretella di collegamento dell’autostrada al porto di Piombino, 1° lotto, il rafforzamento produttivo dell’area industriale, le politiche del lavoro e le misure per il reimpiego anche in progetti di riconversione.

Il Comune di Piombino ha partecipato al tavolo proponendo, insieme alla Regione, tutta una serie di modifiche e di aggiornamenti all’accordo del 2014.

Tra le proposte, la richiesta di recepimento della pianificazione del comparto industriale per la messa in opera del piano Aferpi, che si è concluso con l’approvazione della Variante in consiglio comunale lo scorso dicembre. La cosiddetta variante Aferpi prevede infatti la complessiva delocalizzazione e concentrazione degli impianti siderurgici nelle aree a est della città e del porto e la conseguente liberazione di quelle vicine al tessuto urbano.

“Abbiamo chiesto inoltre un’attenzione particolare al potenziamento delle attività portuali e della logistica nelle aree retroportuali sottratte alla siderurgia, – ha specificato il sindaco Massimo Giuliani – alla riqualificazione ambientale con lo smantellamento degli impianti e il riciclo dei flussi di materia. Fondamentale comunque chiudere l’accordo il prima possibile per avviare tutte le azioni previste nel rispetto dell’ambiente e per la ripresa dell’occupazione.”

Fonte: Comune Piombino

_____________________________

PIOMBINO, OGGI A ROMA PRIMO INCONTRO COMITATO ESECUTIVO PER L’ACCORDO DI PROGRAMMA CON JSW

FIRENZE – Si è svolto oggi a Roma presso il Mise il primo incontro del comitato esecutivo per l’Accordo di programma dopo la presentazione, nei giorni scorsi, dell’istanza da parte del gruppo Jsw. Alla riunione hanno partecipato i rappresentanti tecnici di Mise, Mattm, Regione, Sindaco di Piombino, Presidente Autorità portuale, Agenzia demanio, Invitalia e rappresentanti di Jsw.

La riunione ha registrato la richiesta di alcune integrazioni da parte del gruppo Jsw, tenendo conto non solo degli aspetti ambientali previsti per legge, ma anche del l’esigenza di indirizzare questioni come le aree in concessione, gli impegni occupazionali, i supporti pubblici agli investimenti, la conformità alla pianificazione urbanistica, ecc..

Le parti pubbliche, in accordo con il gruppo privato, hanno convenuto di dover valutare le integrazioni fornendo una risposta entro domani mattina. Risposta che verrà poi integrata dal Mise, in un’unica comunicazione, alla parte indiana.

L’impegno del comitato esecutivo, insieme ai rappresentanti del gruppo indiano, è di ritrovarsi il prossimo 21 giugno sempre al Mise per convergere su un’unica versione di Accordo di programma in funzione delle richieste ritenute accoglibili e di quelle non conformi alla procedure amministrative vigenti.

Si è trattato di un passo avanti non ancora risolutivo per consentire la firma dell’Accordo di programma, ma necessario per garantire una regia tecnica univoca alla alla luce delle richieste avanzate dal gruppo Jindal in seguito alla presentazione dell’istanza per accedere all’accordo di programma di cui alle leggi vigenti.

L’obiettivo è cercare di concludere l’Accordo di programma contestualmente alla chiusura della compravendita tra privati programmata per la fine del mese corrente.

Fonte: Regione Toscana

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 18.6.2018. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    14 mesi, 18 giorni, 22 ore, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it