EMODINAMICA: CSP, «I SOLDI CI SONO, ECCOME!»

Cecina (LI) – Il Comitato Salute Pubblica di Cecina ha organizzato per mercoledì 4 aprile 2018 alle ore 18,30, presso l’AUDITORIUM di Via Verdi a Cecina una Assemblea Pubblica per analizzare quanto successo il 28 marzo scorso, in occasione della riunione a porte blindate coi sindaci della Bassa Val di Cecina e Val di Cornia. L’incontro è indubbiamente di grande interesse per tutti i residenti da Rosignano a Suvereto che hanno a cuore il tema della salute e dell’emodinamica.

«Il 28 marzo, in occasione della riunione a porte blindate coi sindaci della Bassa Val di Cecina e Val di Cornia, convocata dall’assessora regionale al Diritto alla salute, al welfare e all’integrazione socio-sanitaria, nonché vicepresidente della Regione Toscana, le distanze dalla “democrazia partecipata” si sono allungate ancor di più, dividendo nettamente chi sta dentro i palazzi istituzionali con la pretesa di governare per la collettività e i cittadini che stanno fuori e che non si sentono tutelati nel loro diritto alle cure e alla salute.

Mentre presidiavamo fuori dalla sede della Fondazione Cardinal Maffi ci interrogavamo sul perché una riunione tra assessore regionale e sindaci si sia tenuta presso quella sede, che ci risulta essere privata, e non in una delle molteplici stanze del comune di Cecina o di qualsiasi altro comune della Bassa Val di Cecina o della Val di Cornia: già questo dato ci ha preoccupato.

Sempre mentre presidiavamo è stata diffusa la notizia dell’inaugurazione di una seconda sala di emodinamica presso l’ospedale di Ponte a Niccheri a Firenze.

Sia chiaro non intendiamo promuovere la “guerra tra poveri”, se serve che ci siano due sale di emodinamica ben venga, però è certo che a Firenze ce ne siano già cinque, contornate da quelle di Prato, Empoli e Pistoia: e cioè otto sale di emodinamica in un raggio di 35 km, con questa inaugurata a inizio anno diventano nove… Ci sembra lecito dubitare e pensare che ci sia dietro qualcosa che non ha niente a che fare con l’interesse dei cittadini: un interesse speculativo?

La volontà di creare unità operative per premiare medici compiacenti? Non lo sappiamo, ma è un pensiero che abbiamo avuto, anche perché non sarebbe così strano nel panorama che abbiamo davanti, dove ad esempio, sempre a inizio anno il capo di gabinetto di Rossi, Ledo Gori (di Pontedera) e due medici (di Pisa e Volterra) sono passati da indagati a imputati in un processo per corruzione nella sanità pisana.

Dalla stampa apprendiamo anche che per realizzare una sala di emodinamica all’avanguardia come quella inaugurata a Ponte a Niccheri la spesa è stata di circa 740 mila euro più o meno quanto spendiamo per tenere in piedi l’ufficio di gabinetto di Rossi, che dalla notizia riportata prima, sembra proprio che a noi non serve affatto!

I soldi ci sono, eccome!

Basterebbe abolire subito i vitalizi, già da ora, anche senza un governo: non è infatti necessaria una legge ma è sufficiente una delibera dell’ufficio di presidenza, organo che si costituisce nella seconda seduta della nuova legislatura dopo l’elezione dei presidenti.

Ma tornando a noi, un’altra domanda che ci assilla è: se tutto rientra nella norma, se non è così allarmante la situazione che viviamo in Bassa Val di Cecina e in Val di Cornia perché tutta questa difficoltà a fornirci dei semplici dati che per legge dovrebbero avere a portata di mano? Perché blindare una riunione in cui si parla delle sorti dei nostri ospedali e quindi di qualcosa che ci interessa direttamente?

E’ sempre il solito giochetto! Provano a sfiancarci, a farci credere che non si può fare niente! Ma non è proprio così perché ieri eravamo un bel e variegato gruppetto a presidiare fuori dalla Casa Maffi, rappresentativo di diversi forze politiche e sociali».

ASSEMBLEA PUBBLICA, mercoledì 4 aprile 2018 alle ore 18,30, presso l’AUDITORIUM Via Verdi Cecina.

_____________________________________________________________

Fonti:

Ponte a Niccheri, inaugurata la nuova sala di emodinamica

Corruzione, chiesto il processo per Gori

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.4.2018. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    14 mesi, 17 giorni, 15 ore, 34 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it