INVALIDI: SOLO UNA MORTE “DIGNITOSA” PER I MALATI GRAVISSIMI?

Alberto Guerrieri

Piombino (LI) – Alberto Guerrieri, padre anziano di un figlio paralizzato dopo un grave incidente, ci scrive per lanciare ancora una volta l’allarme sul destino che avranno questi uomini e queste donne dopo la morte dei propri genitori. Riportiamo il suo intervento integralmente.

_____________________________

16 marzo 2018: Nuovi condannati?

Premesso che sulla morte dei cinque agenti di scorta del Pres. Moro non si debba speculare, con altrettanta sensibilità riteniamo necessario proporre una riflessione critica per evitare altre morti: la prevalenza in atto della scelta del Diritto ad una Morte Dignitosa anzichè la scelta del Diritto ad una Vita Dignitosa.

In data 24 novembre 2017, la nostra Associazione ha intrapreso una difficile battaglia affinchè le Persone Disabili Gravissime in Dipendenza Vitale, proiettate nella drammatica realtà del Dopo di Noi, non percepiscano di essere lasciate sole dopo la morte dei loro Cari.

Oltre la Lettera inviata a Papa Francesco, evidenziamo la Proposta di Integrazione alla Legge del Dopo di Noi, la raccolta firme a sostegno di questa proposta, la Lettera inviata al Pres. Rep. Sergio Mattarella ed al Pres. Enrico Rossi ed all’Ass. Regionale Stefania Saccardi,lettera inviata alla stampa locale.

Oltre a queste iniziative teniamo ad evidenziare l’incontro con il Sindaco Massimo Giuliani previsto in data 18 aprile in riferimento alla richiesta a suo tempo inoltrata, relativa ad un Progetto Sperimentale nella nostra Città finalizzato a realizzare una concreta Integrazione Sociale delle Persone Disabili Gravissime in Dipendenza Vitale, già oggi, prima della morte dei loro Cari. Relazioneremo alla Città i risultati di tale incontro.

Alberto Guerrieri

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 16.3.2018. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 14 giorni, 23 ore, 52 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it