IL MARINA DI SALIVOLI “RISANATO” PENSA A CRESCERE

Dinolfo – Pelagatti – Canino

Piombino (LI) – Dopo la Costa Azzurra e Napoli, l’Arcipelago Toscano è una delle aree più richieste per la nautica, e il porto “Marina di Salivoli è in posizione baricentrica, con l’Elba a sole 7 miglia, una posizione riconosciuta anche a livello internazionale  invidiabile. Per questo la Cooperativa “L’Ormeggio” sta migliorando i servizi attuali e spinge da tempo sul progetto di ampliamento del porto turistico. L’idea è quella di passare dagli attuali 495 posti barca a circa 800.

«Abbiamo già molte richieste, il mercato è in ripresa – dice Mario Pelagatti, consigliere della Coop ‘L’ormeggio Marina di Salivoli’ – con questo progetto possiamo accogliere le domande di 250 soci (ancora senza posto barca), 152 aspiranti e 98 in lista». Il presidente del Marina di Salivoli, Vincenzo Dinolfi, parla anche di un «contributo che possiamo dare al comprensorio in termini economici. In questo momento c’è la possibilità di valorizzare le cose belle che abbiamo».

La  compagine  sociale  tutta,  ha  fatto  quadrato  attorno  all’attuale  “governo”  del  Marina  di  Salivoli  guidato  dal  Presidente  Vincenzo  Dinolfo,  agevolando  così  il  risanamento  economico  del  porto  stesso.  Dunque,  ora  che  il  “maltempo”  è  passato,  si  guarda  al  futuro  con  ottimismo  e  con  desiderio  di fare!

Il porto turistico ha anche intrapreso una importante collaborazione con il consorzio Navigo Scarl e con il distretto tecnologico per la nautica e la portualità toscana. L’obiettivo è quello di far diventare il Marina di Salivoli un porto digitale – ha detto il consigliere Mario Pelagatti – mi è piaciuto molto come opera consorzio in termini anche di promozione. Mi è piaciuto il fatto che stanno facendo tabelle valutative dell’incidenza che ha un’imbarcazione sul territorio. Si potrà comprendere il peso della nautica dal punto di vista economico. Stanno studiando un planet per rendere il Marina più efficiente».

Fra le innovazioni ci potrebbe essere anche l’utilizzo delle boe intelligenti, già utilizzate nei porti della Sardegna. Sono boe telematiche e in grado di monitorare il moro ondoso e l’eventuale inquinamento del mare. «Potrebbero essere utilizzate da imbarcazioni di maggiori dimensioni per ormeggiare fuori dal porto e a quel punto con il tender raggiungere il porto di Salivoli o anche altre zone della città come piazza Bovio e il porticciolo di Marina incrementando le presenze nel centro storico un po’ come accade con le crociere».

Sul progetto di ampliamento c’è apertura da parte del sindaco Massimo Giuliani intervenuto alla presentazione insieme al vicesindaco Stefano Ferrini. «Siamo una città affacciata sul mare – dice Giuliani – non possiamo rimanere ancorati ad un vecchio modello di sviluppo che si basa principalmente sull’industria siderurgica. Per il porto di Salivoli occorre valutare il progetto. Abbiamo già una struttura funzionale che rappresenta una realtà di primo piano. L’amministrazione comunale è impegnata ad un rilancio complessivo di tutto il settore dell’accoglienza turistica e quindi è da studiare bene la situazione per cogliere tutte le opportunità sia in termini di posti di lavoro che di sviluppo del territorio».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 22.10.2017. Registrato sotto Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie, Viaggi & Turismo. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 19 giorni, 10 ore, 21 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it