COMITATO SALUTE: «SUI VACCINI CHIEDETE IL CONSENSO INFORMATO»

Cecina (LI) – Il comitato salute pubblica ci informa che il concetto di “consenso informato” costituisce  un vero e proprio punto chiave all’interno del nuovo Decreto Legge in materia di prevenzione vaccinale.Vediamo di approfondire questo argomento.

«L ‘Italia – inizia il comunicato –  non ha una legge specifica a riguardo, ma ha recepito alcuni capisaldi derivanti dai trattati internazionali sulla salute di cui è stata cofirmataria, i quali conferiscono al Consenso Informato lo status di elemento IMPRESCINDIBILE per tutti i trattamenti sanitari (ogni tipo di intervento e/o atto medico libero o obbligato nel caso del nuovo sistema vaccinazioni introdotto recentemente nel nostro Paese ).

Come funziona in realtà:

  • il Sistema Sanitario è obbligato ad informare il paziente su tutti i pro e i contro del trattamento a cui sarà soggetto (obbligo nel caso della legge 119 del 2017);
  • informare adeguatamente (programmando anche più incontri);
  • concedere al soggetto che dovrà essere sottoposto a trattamento il tempo per raccogliere informazioni e effettuare verifiche e, solo dopo questa fase, proporre il consenso alla firma (finora, purtroppo, questo procedimento è stato solo in rari casi adottato nella somministrazione dei vaccini).

Il momento della vaccinazione rappresenta un momento delicato nella vita del/la nostro/a bambino/a, poiché il rischio di effetti collaterali più o meno gravi non può essere escluso, altrimenti perché’ esisterebbe una legge che prevede indennizzi per i danni da vaccinazione? Addirittura, sui danni arrecati in questo ambito, l’AIFA (Agenzia Italiana per il Farmaco) ha tenuto nascosti i dati relativi all’ultimo triennio. I perché è una domanda che tutti i cittadini si dovrebbero porre.

Il Consenso Informato e’ un DIRITTO che esiste da anni e prescinde dalle singole Leggi.

Ci trasforma da oggetti a Soggetti autonomi capaci di autodeterminarci.

La richiesta di essere informati adeguatamente dalla ASL la possiamo inviare anche noi con RACCOMANDATA A/R, ed è a questo punto che inizia l’iter di rapporto con la Sanita’.

Colloqui con le ASL:

Andiamo a questi incontri ricordandoci chiaramente che siamo cittadini che stanno esercitando il loro diritto di informarsi a tutti i livelli circa il meglio per i propri figli!

E’ chiaro che a questi incontri si va preparati, studiando bene la materia (Il Comitato Salute Pubblica è disponibile ad illustrarvi documentazioni scientifiche).

Si può’ chiedere di registrare ciò’ che viene detto e se i nostri interlocutori (fatevi sempre dire nome e cognome e titolo) si rifiutano di dare il consenso, si può procedere con la richiesta di una verbalizzazione scritta . Se anche questa richiesta ci viene rifiutata, possiamo tranquillamente alzarci e avvertire educatamente che faremo pervenire nostre notizie dal nostro legale di fiducia.

IMPORTANTE: non firmate nulla sinché’ non siete sicuri e avete la serenità’ di decidere, nessuno vi obbliga a farlo.

Se vi pongono in una situazione di disagio, segnalatelo al nostro Sportello Gratuito Salute Pubblica oppure scriveteci sul nostro sito. La Toscana ha un suo regolamento che da’ forza e chiarezza alle modalità’ giuste per il Consenso Informato».

Per ulteriori informazioni potete contattare la ASL oppure scrivere a:

comitatosalutepubblica.org

segreteria@comitatosalutepubblica.org

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 10.9.2017. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 16 giorni, 19 ore, 4 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it