PIOMBINO: IL SEGRETARIO DELL’AP E’ UNA NOMINA TECNICA, NON POLITICA

Piombino (LI) – Le liste civiche gridano allo scandalo per quanto apparso sulla cronaca locale in relazione alla nomina del segretario dell’Autorità portuale, che è una nomina tecnica spettante al presidente Corsini, e non una nomina politica per la quale si debba intercedere con il sottosegretario Lotti.

Riportiamo interamente la grave denuncia.

«Non ci si salva – inizia il comunicato congiunto – la pubblica amministrazione è ormai il luogo della violazione delle leggi, piegate sistematicamente a logiche politiche spartitorie, spesso correntizie. E’ il male oscuro della democrazia italiana e si chiama  “sottogoverno”  e “occupazione del potere”.

Apprendiamo dalla stampa che il PD locale avrebbe fatto un accordo con Luca Lotti (sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel governo Renzi e attuale Ministro dello sport) per la nomina di Guerrieri a Segretario dell’Autorità Portuale di Livorno e Piombino. Un accordo che ora sarebbe disconosciuto da Delrio, attuale Ministro delle infrastrutture. Guerrieri è stato a lungo Presidente  e commissario dell’Autorità Portuale di Piombino, ruoli che ha ricoperto in forza di infinite proroghe, anch’esse sintomo di gravi patologie.

Basta leggere la legge 84/1994 (quella che disciplina la gestione dei porti) per capire la distanza che separa la legge dalle pratiche politiche. Secondo la legge il Segretario Generale, figura  con mansioni   tecnico-operative, “è nominato dal Comitato di gestione, su proposta del Presidente dell’Autorità Portuale, scelto tra esperti di comprovata esperienza manageriale o qualificazione professionale nel settore disciplinato dalla presente legge nonché nelle materie amministrative-contabili”.

Con questa legge che titolo aveva Luca Lotti per fare accordi politici con il PD locale sul nome del Segretario dell’Autorità Portuale di Livorno e Piombino?

Spetta all’attuale Presidente  Corsini, e solo a lui, avanzare la proposta del Segretario, con una procedura trasparente e  motivata sotto il profilo dei requisiti professionali. Perché non lo ha ancora fatto a 5 mesi dal suo insediamento?

Cosa aspetta il Comitato di gestione a chiedere al Presidente di adempiere ad un suo dovere per poter poi svolgere il proprio, ossia quello della nomina del Segretario?

Da più parti si lamenta lo stallo del porto di Piombino che, in effetti, si presenta oggi come una grande opera incompiuta e inaccessibile. Tra chi si lamenta c’è anche il PD locale, ossia il partito che ha generato i ritardi facendo accordi politici contro la legge e anteponendo i propri interessi a quelli del funzionamento del porto.

Non ce n’era bisogno – concludono le liste civiche – ma anche questa vicenda conferma che i sedicenti innovatori sono portatori di rimedi peggiori dei mali che, solo a parole, dicono di voler curare».

Liste civiche unite della Val di Cornia

Assemblea Sanvincenzina
Assemble Popolare Suvereto
Comune dei Cittadini di Campiglia M.
Un’altra Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.8.2017. Registrato sotto Foto, politica, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 18 giorni, 21 ore, 27 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it