UNICOOP TIRRENO: L’ANALISI DI FILCAMS-CGIL E RIFONDAZIONE

Riotorto (LI) – Cerchiamo di capire qualcosa di più sulla crisi dell’Unicoop Tirreno, attraverso due comunicati, il primo del FICALMS CGIL e il secondo ri Rifondazione Comunista che affrontano il tema da due angolazioni diverse.

_______________________

UNICOOP TIRRENO: PER LA FILCAMS LA PAROLA D’ORDINE E’ #ESUBERIZERO

Tempi contingentati ma nessun ultimatum, questo è quanto emerge dall’analisi della Filcams CGIL Livorno sull’ultimo incontro con i nuovi vertici di UniCoop Tirreno, per il sindacato l’elemento più preoccupante della trattativa resta la mancanza di una progettualità futura.

Quella UniCoop Tirreno è una trattativa difficile e, in quanto tale, necessita di delicatezza, particolarmente nel tono delle comunicazioni “La trattativa UniCoop Tirreno si è rivelata, come da previsioni, molto sofferta – sottolinea la segretaria  generale Pieralba Fraddanni – l’azienda, durante l’ultimo tavolo ha confermato gli esuberi, ma la richiesta arriva senza nessun progetto per il  futuro”.

Esuberi confermati, leggermente calato il numero della rete vendita e invariato quello sulla sede, ma la Filcams proprio non ci sta ed è determinata a chiedere il ricorso agli ammortizzatori sociali, utilizzati, però, modo inclusivo “Per noi la soluzione auspicabile è il contratto di solidarietà – prosegue Fraddanni – elemento già emerso al tavolo, su cui l’azienda si è dimostrata disponibile, ma solo per quanto concerne la rete vendita e non per la sede, su cui ci è stata proposta l’applicazione della cassa integrazione straordinaria, che non possiamo valutare positivamente”.

L’applicazione della CigS per i lavoratori della sede è ritenuta una soluzione non valida dal sindacato che, in azienda, è quello maggiormente rappresentativo “Per il momento le risorse a copertura della CigS garantirebbero soltanto l’arco temporale del 2017 – puntualizza la segretaria – un tempo troppo breve per mettere in pratica una riorganizzazione strutturale, cioè con tempistiche tali da permettere alle persone di riqualificarsi, qualora si rendesse necessario”.

Qualora si rendesse necessario, è questo il punto, in quanto la nuova dirigenza della cooperativa sembra sparare nel mucchio, cercando di operare tagli al risparmio “Stiamo ancora aspettando – chiarisce Fraddanni – che UniCoop Tirreno presenti un progetto riorganizzativo di lungo respiro, dove sia esplicitato quali e quante figure professionali sono necessarie per operare il tanto auspicato rilancio. Da parte nostra, stiamo elaborando proposte alternative da sottoporre all’azienda, fra cui anche una rivisitazione dell’integrativo”.

#EsuberiZero è la parola d’ordine della vertenza per la Filcams “Avremo soddisfazione in trattativa – conclude la segretaria generale Filcams Livorno – soltanto quando avremo la certezza del mantenimento dei livelli occupazionali”.

FICALMS CGIL

___________________________


RIFONDAZIONE: LA COOP SEI TU? LIBERE RIFLESSIONI SULLA QUESTIONE UNICOOP TIRRENO

UNA SITUAZIONE CRITICA E PREOCCUPANTE
Si sono susseguite notizie diffuse a mezzo stampa e comunicati sindacali che, di volta in volta, preannunciavano la necessità di interventi pesanti, chiusura di esercizi commerciali, tagli al numero di dipendenti (in particolare nella sede di Vignale), eliminazione dei diritti acquisiti attraverso il contratto aziendale, azioni insomma da lacrime e sangue da mettere in atto per far fronte ad una sofferenza di liquidità appianata comunque attraverso un pesante intervento finanziario da parte di altre Società cooperative. Intervento, e questa è una nota positiva, operato non dalle solite banche o dallo Stato, ma dall’interno del mondo Cooperativo che, comunque prevede un rientro di 30 milioni annui in bilancio, fino ad un pareggio del bilancio stesso, previsto entro il 2019. Tutto ciò prevede anche una drastica riduzione del numero di dirigenti, effettivamente sproporzionati e sovradimensionati rispetto alla media ad esempio delle altre Coop con la conseguente sostituzione con altri personaggi di fiducia. Un commissariamento di fatto, con tanto di direttive precise in relazione ai tagli da fare, alle decisioni da prendere. Il gruppo dirigenziale si è negli anni lanciato in investimenti sbagliati e rivelatisi poi disastrosi, come gli enormi Iper campaniche non hanno mai decollato, scelte poco oculate nella gestione dei punti vendita, nei quali, ormai da troppi anni si guarda solo e soltanto alla produttività penalizzando i dipendenti, diminuendo la forza lavoro, puntando su straordinari, riduzione di organici ed aperture sempre più lunghe invece che sulla qualità del servizio. E questi dirigenti sono stati scelti e confermati più volte dal CdA, al quale certo non possono non essere assegnate delle responsabilità gravi in merito a questa situazione, in quanto per anni ha approvato scelte errate, bilanci sempre più negativi, azioni commerciali scriteriate senza battere ciglio né intervenire, anzi sostenendo chi ha portato a tutto questo. Certamente Unicoop si è trovata ad operare in territori fortemente martoriati dalla grave crisi economica che sta attanagliando il Paese, e che in Val di Cornia ha colpito fortemente tutta l’economia, e questo non ha certo favorito la ripresa. Ma non per questo è possibile giustificare una gestione che ha trascinato quasi sull’orlo del precipizio migliaia di dipendenti e di soci, senza che questo abbia minimamente scalfito i vertici di tale azienda fino all’intervento delle altre Coop. E adesso tutto questo rischia di ripercuotersi proprio sulla parte più debole, sui lavoratori. Si deve superare questo periodo di forte crisi non parlando di esuberi o di cessioni, ma facendo ripartire le vendite, riappropriandosi di quote di mercato attraverso la riacquisizione di un rapporto di fiducia con i soci ed i consumatori, attraverso la qualità dei prodotti e la capacità di fidelizzazione dei clienti.

IL SENSO DELLA COOPERAZIONE
Non è possibile uscire da questa situazione se non si torna a discutere di che cosa sia davvero la Cooperazione in una società come quella di oggi, se non si recuperano e si riscoprono valori antichi, ma non per questo non più validi come l’etica del lavoro, il rispetto del cliente, del socio e del lavoratore, se non si torna a valorizzare davvero il merito, partendo dai vertici più alti, se non si adotta una seria politica di investimenti, non sulle mura, come in passato, ma sul capitale umano, sulle conoscenze, sulle capacità. È necessario attualizzare la Cooperazione con lo scopo non soltanto di acquistare e vendere prodotti alimentari e non alimentari, ma anche recuperando il fine etico e sociale di garantire il potere di acquisto delle classi più deboli, calmierare il mercato, offrire prodotti controllati e di qualità al giusto prezzo, sia per i fornitori che per l’acquirente finale, dare lavoro nel rispetto dei diritti dei lavoratori e dei consumatori, rappresentare una sicurezza ed un punto di riferimento per i propri clienti ed anche e soprattutto per i propri soci prestatori, e per puntare tutti insieme ad un miglioramento sociale e ad una crescita della consapevolezza delle persone. Fare cooperazione oggi deve tornare ad essere una nobile azione sociale, etica ed educativa. Tutti questi aspetti sono ancora previsti nello statuto societario, ma ormai sono andati mano a mano deteriorandosi, trasformando pian piano la Coop in un’azienda simile alle altre, e che similmente alle altre si muove, prona alle regole del mercato ed alla nuova visione dei rapporti tra lavoratori, clienti e proprietà. La Coop sei tu diceva un vecchio slogan. E così deve tornare ad essere.

CHIAREZZA E INFORMAZIONE
Nell’immediato deve riprendere la trattativa sindacale dove è ora che l’azienda metta nero su bianco cosa vuole fare. Al contempo è anche ora che la Cooperativa informi diffusamente i soci sulle proprie scelte indicendo assemblee. Diversamente dal consigliere d’amministrazione coop e capogruppo PD in consiglio comunale, noi pensiamo che tutti abbiano diritto a discutere e intervenire sulle vicende di Unicoop Tirreno a difesa dei soci (che non sono un “parco buoi” del Pd) e dei lavoratori.

Rifondazione Comunista
Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.3.2017. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 18 giorni, 22 ore, 30 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it