RIFIUTI: INDAGATO ANCHE IL DIRETTORE DI ATO SUD TACCONI

Jessica Pasquini

Suvereto (LI) – Indagato anche il nuovo direttore di Ato Sud Enzo Tacconi, che dal Sindaco di Suvereto era stata già richiesta revoca dell’incarico. Dopo che circolava informalmente nell’ambiente da alcuni giorni, arriva oggi sulla stampa la notizia delle dimissioni di Enzo Tacconi nominato direttore protempore di AtoSud in seguito all’arresto dell’ex dg Andrea Corti nell’ambito dell’inchiesta per turbativa d’asta e corruzione nel maxi appalto dei rifiuti che ha coinvolto Atosud e l’aggiudicatario SeiToscana che gestisce il servizio nelle province di Arezzo, Siena e Grosseto e in alcuni comuni della provincia di Livorno.

Nell’assemblea AtoSud del 29 Dicembre è stato proprio il presidente Ghinelli, sindaco di Arezzo, ad annunciare le dimissioni di Tacconi raggiunto il 22 dicembre da un avviso di garanzia.

“In seguito alla nomina di Tacconi – interviene il vicesindaco del Comune di Suvereto Jessica Pasquini – e non appena venuti a conoscenza del profilo che il gip aveva tracciato su di lui come braccio destro succube del Corti e autore materiale degli atti di gara, il sindaco Parodi aveva chiesto attraverso lettera ufficiale che fosse revocata la nomina perché non dava la necessaria garanzia di discontinuità con la condotta dell’ex direttore. Nessuno dei sindaci dell’Ato Sud ha risposto a questa proposta, come nessuna risposta è stata data alla richiesta avanzata da Suvereto di blocco delle tariffe a tutela dei cittadini fino a conclusione dell’inchiesta. “

il sindaco Giuliano Parodi

“Oltretutto – aggiunge Parodi – nell’assemblea Ato Sud del 5 dicembre era stata votata, con il voto contrario di Suvereto, l’estensione dei poteri di firma a Tacconi che era stato messo nelle condizioni di lavorare in piena libertà di azione, In quella occasione feci un ulteriore appello ai colleghi sindaci che dovevamo agire per la salvaguardia dei nostri cittadini, invitandoli a prendere posizione sulla revoca del dott. Tacconi ma nessuno dei presenti avallo’ la mia idea.”

Questa vicenda è allarmante, e sancisce definitivamente il fallimento delle aree vaste dove non solo non si trova nessun risparmio, ma dove in mancanza di reali strumenti di controllo da parte dei territori si aprono preoccupanti spazi al malaffare. Il presidente della toscana Enrico Rossi sembra non aver compreso il pericolo tanto che ha già annunciato la volontà di creare una unica autorità AtoSud toscana.

“Contro questa proposta e per una maggiore democrazia e trasparenza nella gestione AtoSud” continua il Sindaco Parodi “ si è pronunciato il consiglio comunale di Suvereto, portando all’ordine del giorno una precisa mozione,  nella seduta del 27 dicembre, con posizione contraria della minoranza PD, che ha motivato il voto contrario continuando a sostenere che creare aree vaste genera risparmi ed efficienza, nonostante l’evidenza dei fatti dimostra che abbiamo avuto aumenti esponenziali delle tariffe e peggioramento generale del servizio, ma probabilmente quelli del PD sono scollati dalla realta’.

“E’ necessario che tutti i sindaci dell’Ato sud – conclude il sindaco Parodi- fuori da logiche di partito e di schieramento, si facciano portatori dell’interesse dei cittadini e lavorino affinché sia fatta chiarezza su tutta la vicenda , sia modificato l’assetto di Atosud per una maggiore rappresentatività dei territori e sia garantito un sistema di raccolta e smaltimento rifiuti che miri davvero alla differenziazione dei rifiuti con un costo del servizio congruo e puntuale, e che nel frattempo si blocchi qualunque aumento TARI in attesa della conlusione delle ndagine”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 30.12.2016. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    14 mesi, 24 giorni, 15 ore, 32 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it