PIOMBINO: “VOTATEVELA” E SALTA L’APPROVAZIONE DI POGGIO ALL’AGNELLO

il consiglio comunale di Piombinoconsiglio

Aggiornamento: pubblichiamo la nota delle liste di opposizione al termine dell’articolo.

Piombino (LI) – Sospeso il consiglio comunale durante la discussione sulla delibera  di adozione della Variante  per il complesso ricettivo di Poggio all’Agnello, proposta e presentata dall’assessore all’urbanistica Carla Maestrini. Dopo la presentazione dell’assessore Maestrini e gli interventi delle forze politiche di opposizione, le stesse opposizioni (Movimento 5 Stelle, Rifondazione Comunista, Ferrari sindaco Forza Italia, “Ascolta Piombino”, “Un’altra Piombino”) sono uscite dall’aula al momento dell’intervento di Bruna Geri, consigliera del PD, facendo mancare il numero legale durante la discussione. Nell’aula sono rimasti infatti solo 12 consiglieri del PD (per avere il numero legale sarebbero stati necessari 13 consiglieri), dal momento che anche Marco Mosci “Sinistra per Piombino”, aveva abbandonato il consiglio quaranta minuti prima.

Il presidente del consiglio Angelo Trotta ha consultato i consiglieri scrutatori di maggioranza e di minoranza che hanno deciso di interrompere il consiglio comunale prevedendo una nuova convocazione per il 16 dicembre prossimo.

Come aveva spiegato nella sua presentazione l’assessore Maestrini, la delibera di adozione avrebbe accolto la richiesta della società “Immobiliare milanese”, proprietaria del complesso ricettivo di Poggio all’Agnello, di  mutamento d’uso parziale della struttura  con la realizzazione di 108 appartamenti per una porzione corrispondente al 40% circa della slp complessiva.

La struttura, un complesso agricolo di grandi dimensioni recuperato e ristrutturato in anni recenti e avviato all’attività turistica nel 2011,  è attualmente formato da 202 unità complessive e offre 711 posti letto. L’intervento di riconversione funzionale del complesso è stato realizzato con  un investimento di 45 milioni di euro da parte della società immobiliare Milanese 2006 srl, e prevedeva esclusivamente funzioni ricettive.

“La richiesta è fondata soprattutto su motivazioni di ordine economico (perdite gestionali notevoli dopo circa 5 anni di esercizio da parte della società) con una situazione finanziaria deficitaria – aveva  spiegato l’assessore Maestrini –  La società ha proposto all’amministrazione di mantenere attiva la struttura attraverso la trasformazione di una parte della R.T.A. in  unità abitative da destinarsi alla vendita, al fine di recuperare nuove risorse finanziarie necessarie alla prosecuzione dell’attività di gestione del complesso turistico e dei livelli occupazionali”

“Una richiesta giudicata in linea anche con le possibilità che saranno offerte dalle nuova proposta regionale sul turismo – aveva specificato l’assessore -che prevede la realizzazione di “Condhotel”, forme particolari di proprietà dove il gestore di una struttura alberghiera può vendere ai privati piccoli appartamenti all’interno della struttura stessa, per destinarli a uso turistico.”

La Variante inoltre segue un iter semplificato – con un tempo di pubblicazione sul Burt pari a 30 giorni e non più a 60 per le novità legislative introdotte recentemente dalla Regione Toscana, tese a snellire i procedimenti degli interventi  di minore entità, come in questo caso, che non prevedono aumenti di volume, non incidono sul dimensionamento del Piano strutturale e sono collocati all’interno del territorio urbanizzato”.

Il dibattito che si è sviluppato di seguito tra le fila delle opposizioni ha evidenziato molte criticità ed elementi di contrasto, già emersi anche nella precedente discussione in consiglio del giugno scorso, al momento dell’avvio del procedimento. Le opposizioni hanno parlato infatti in generale della mancanza di una visione strategica e generale sullo sviluppo turistico da parte dell’amministrazione, del  ruolo giocato  in questa vicenda dal contenzioso nei confronti del Comune per la mancata attuazione della previsione convenzionale di concessione di una spiaggia attrezzata nel golfo di Baratti a servizio del complesso ricettivo, del fatto che il provvedimento costituisca un precedente pericoloso che può essere impugnato anche da altre aziende, cedendo  a un ricatto occupazionale e dei dubbi sulla reale crisi attraversata dall’”Immobiliare milanese”.  Sulla base di questi e altri argomenti, hanno abbandonato l’aula in segno di protesta impedendo l’approvazione dell’atto che verrà nuovamente riproposto lunedì prossimo.

Fonte: Comune Piombino

_____________________________

OPPOSIZIONI: ABBIAMO EVITATO PASSASSE UNA VARIANTE INGIUSTA
Riceviamo e pubblichiamo integralmente dalle liste di opposizione in Consiglio Comunale.
«Abbiamo impedito che la variante di Poggio all’Agnello venisse adottata. Abbiamo cioè evitato che si facesse un regalo di diversi milioni di euro alla società Immobiliare Milanese.

Che poi il successo sia arrivato grazie alla nostra decisione di uscire dall’aula e far mancare il numero legale non ha importanza. Del resto, spetta alla maggioranza sostenere gli atti provenienti dall’amministrazione e garantire il numero legale in aula.

Ecco che quanto successo questa mattina evidenzia la debolezza della maggioranza la quale, il giorno della discussione di un così importante atto, presentava numerose defezioni, alcune delle quali evidentemente legate alla scarsa convinzione sull’atto proposto.

Noi forze di opposizione, che invece eravamo al completo, abbiamo evitato che passasse una variante ingiusta; del resto, i motivi li abbiamo ribaditi in modo chiaro durante la discussione odierna, prima di uscire dall’aula.

Era una variante confezionata per un’impresa specifica, la quale peraltro si assumeva degli oneri assai poco proporzionati al vantaggio ricevuto; con quella variante, poi, neppure si metteva al sicuro i dipendenti, anzi: la riduzione della struttura ricettiva,infatti, avrebbe inevitabilmente comportato anche una riduzione del personale. Per di più, la paventata crisi dell’azienda è sconfessata dai bilanci.

Da ultimo, la sentenza del TAR: l’Immobiliare Milanese aveva proposto una causa risarcitoria di nove milioni di euro nei confronti del Comune, reo secondo loro di essersi impegnato a concedere una porzione di spiaggia mai data.

Anche questo aveva portato a giugno scorso l’amministrazione a proporre la variante in questione; in cambio, infatti, la società avrebbe rinunciato all’eventuale risarcimento richiesto.

Peccato che il Tribunale si è poi pronunciato rigettando la richiesta risarcitoria. Anche questa circostanza ha rappresentato un motivo ulteriore per opporsi oggi all’approvazione della variante».

Carla Bezzini – Un’altra Piombino
Daniele Pasquinelli – Movimento 5 Stelle
Fabrizio Callaioli – Rifondazione Comunista
Ferrari Francesco – Ferrari Sindaco – Forza Italia

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.12.2016. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 26 giorni, 1 ora, 17 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it