RIFIUTI: ATO, BOCCIA IL BLOCCO DELLA TARI E SI SPACCA SUL COMMISSARIO

il sindaco Giuliano Parodi

Riceviamo e pubblichiamo integralmente dal Sindaco di Suvereto Giuliano Parodi.

 ________________________________

“Una decisione politica ha reso antieconomica la gara di assegnazione della gestione rifiuti in AtoSud. I sindaci dei comuni sede di impianti hanno deciso in modo che le altre concorrenti fossero escluse, nella salvaguardia degli impianti e delle popolazione limitrofe agli stessi.”

Con questa dichiarazione il sindaco di Siena, dott. Bruno Valentini, apre la discussione dell’assemblea Atosud svoltasi a Siena il 5 dicembre scorso. All’ordine del giorno di quella assemblea oltre alla presa d’atto delle dimissioni del direttore Corti, attualmente agli arresti domiciliari, anche le comunicazioni inviateci dal Dott. Raffaele Cantone, Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione sulle procedure che intende percorrere sul Sei Toscana.

“Parole che mi hanno lasciato basito” commenta il sindaco di Suvereto Parodi “quelle pronunciate dal sindaco di Siena. La bufera giudiziaria che si e’ abbattuta su Sei Toscana e su ATOsud a seguito delle indagini circa la turbativa d’asta dell’assegnazione del servizio, con queste affermazioni prende, a mio avviso, una piega decisamente politica, con un ingerenza che ci sarebbe stata prima della stesura della gara stessa dove i sindaci stabilivano, non solo dei paletti per garantire, come dovrebbero, il miglior servizio al miglior costo, ma condizioni svantaggiose per chiunque volesse partecipare al di fuori del raggruppamento di aziende che gia’ in loco gestivano il servizio ed erano proprietarie degli impianti.”

Il Presidente di ATO, dott Ghinelli , sindaco di Arezzo, mette inoltre a conoscenza l’assemblea  delle comunicazioni di ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione) e ci chiede di esprimersi per dare la nostra opionione non vincolante sulla possibilita’ di sostituire il cda di Sei Toscana (che ha dato alcuni giorni fa le dimissioni in blocco) con dei commissari prefettizi ad acta.

“Su questo passaggio che vedeva molti sindaci, tra cui me” continua Parodi “l’assemblea si e’ spaccata. Molti sindaci, specie della parte sud della provincia di Grosseto, che invocavano il commissario e tutti gli altri, se vogliamo dargli una lettura politica quelli che guidano giunte PD, che volevano evitare questa soluzione. Al momento del voto quegli stessi sindaci hanno abbandonato l’aula, facendo venire meno il numero legale e di fatto impedendo la votazione.”

La presenza di un Commissario,come ribadito dal sindaco di Arezzo in questo momento di incertezza generale potrebbe garantire un azione superpartes e, visto che non abbiamo niente di cui preoccuparsi sarebbe opportuno che proprio la Prefettura metta le mani nelle carte e nei conti di Sei Toscana.

“In quella sede” conclude Parodi “avevo anche portato all’attenzione la proposta di deliberare il blocco delle tariffe TARI per i prossimi anni,  fin quando la magistratura non ha concluso il suo iter e ha stabilito o meno se i costi del servizi sono congrui. Purtroppo nessun sindaco ha sostenuto questa mia proposte, e siccome da statuto ATO, serve almeno il 33% delle quote per metter ein votazione una delibera , questa non ha avuto seguito. Trovo estremamente grave ed irresponsabile la posizione assunta dagli altri sindaci. Bloccare le tariffe era un azione concreta e pratica per dare trasparenza alla nostra azione e soprattutto tutelare i cittadini.”

Giuliano Parodi
Sindaco

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.12.2016. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 25 giorni, 18 ore, 52 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it