PIOMBINO: LE STRATEGIE DEL SINDACO GIULIANI PER IL 2016

La giunta guidata da Massimo Giuliani

La giunta guidata da Massimo Giuliani

Piombino (LI) – Reindustrializzazione, diversificazione economica, porto e ascolto dei cittadini sono i temi strategici del territorio per la giunta guidata da Massimo Giuliani.

“Siamo nelle condizioni di guardare avanti, tenendo sempre presente il punto dal quale siamo partiti” Il sindaco Giuliani ha iniziato la tradizione conferenza stampa di fine anno affrontando per prima la questione più spinosa, quella legata alla riqualificazione industriale del territorio e al suo futuro.

E’ stato un anno duro – ha continuato il sindaco – la crisi ha investito tutti i settori in maniera forte; lo abbiamo visto affrontando le molte problematiche relative al lavoro, negli incontri effettuati con decine di aziende. Abbiamo lavorato per garantire ammortizzatori sociali ai lavoratori in difficoltà. Ma ora siamo legittimati a sperare – ha sottolineato Giuliani – le cose si stanno muovendo e comunque la nuova dirigenza di Aferpi ha fatto registrare un cambio di passo. Intanto il19 gennaio è stato convocato un nuovo tavolo al Mise durante il quale si parlerà dello stato di avanzamento del piano industriale di Aferpi e probabilmente anche dell’acquisizione del forno elettrico. Con il nuovo anno si apriranno poi circa 12 cantieri per le demolizioni. Questo è molto positivo, così come è molto positiva la volontà di aprire una nuova società, la Piombino Logistics per gestire la logistica sul porto. E un nuovo soggetto potrebbe nascere anche quando sarà affrontato il discorso dell’agroalimentare. Sono segnali importanti che ci fanno ben sperare appunto”.

Tra le cose positive il sindaco ha evidenziato il nuovo stanziamento complessivo di 70 milioni di euro a favore del porto di Piombino, con il quale saranno terminate le banchine della nuova darsena. Una parte molto importante sulla quale si è già palesato l’interesse del gruppo General Electric per la costruzione e il collaudo delle super turbine.

Buone notizie anche per la 398, la cui priorità è stata confermata dal sottosegretario De Vincenti dopo l’ultimo incontro al Mise della scorsa settimana, parlando anche di una priorità politica nella realizzazione di quest’opera e di una esplicita volontà del governo a voler procedere per il completamento della strada.

Nell’ambito dell’accordo di programma e del piano di reindustrializzazione e riconversione PRRI, il sindaco ha ricordato che già da adesso sono disponibili 32 milioni di euro destinati alle imprese che ne facciano richiesta, già attivi sulle varie misure. Per informazione è possibile contattare lo sportello Infopoint presso il Comune di Piombino.

“Dobbiamo avere una visione – ha detto Giuliani – una visione che rifugge ormai la monocultura industriale e i vecchi schemi per aprirsi all’innovazione e al cambiamento. Dobbiamo puntare sula “Green Economy” o economia circolare, attraverso anche una revisione urbanistica, facendo leva sul driver della sostenibilità e considerando la diversificazione come lo strumento per arrivare a questo.

“La nuova città avrà un anno ancora difficile dove l’errore sarà quello di parcellizzare ed estremizzare le posizioni -. I manicheismi non conducono molto lontano – ha concluso Giuliani . A questo proposito ringrazio i sindacati perchè sono riusciti a tenere insieme i lavoratori, con un progetto chiaro. Le idee di tutti sono importanti e su questo lavoreremo convintamente.”

Per la nomina dei due nuovi assessori, Giuliani ha annunciato che entro la metà di gennaio ci saranno i nomi di coloro che andranno a ricoprire l’assessorato al bilancio e all’urbanistica.

Fonte Comune di Piombino

_____________________

Le strategie e i progetti settore per settore

Ambiente. L’assessore Marco Chiarei ha sintetizzato il suo lavoro in due obiettivi strategici, avviati nel 2015 ma che contrassegneranno anche il 2016: il passaggio di Asiu per i servizi di raccolta e spazzamento dei rifiuti urbani al gestore unico di Ambito ovvero la società Sei Toscana, e la partecipazione del Comune di Piombino al PIU (Piano Integrato urbano).

Nel primo caso Chiarei ha sottolineato con soddisfazione di aver completato una difficilissima operazione caratterizzata dalle difficoltà finanziarie di Asiu e la salvaguardia di tutti i posti di lavoro. Ai primi mesi del 2016 arriveranno i progetti di sviluppo impiantistico che dovrebbero consentire di risolvere gli storici problemi ambientali del territorio e garantire prospettive economiche di lunga durata. L’idea è quella di costituire una eccellenza nell’ambito del trattamento e recupero dei rifiuti industriali. Nel frattempo il Comune ha iniziato un proficuo lavoro con l’ambito di riferimento Ato Toscana Sud per la definizione dei piani strategici del ciclo dei rifiuti, delle dinamiche industriali del sistema, della sostenibilità ambientale ed economica della pianificazione delle politiche sui rifiuti. “Oggi confermiano la lungimiranza che ci vide scegliere di abbandonare l’ambito di Ato Toscana Costa per quello di Ato Toscana Sud – ha affermato Chiarei – La serietà degli interlocutori, la coerenza delle scelte strategiche in termini di riduzione dei rifiuti, aumento delle filiere del riciclaggio, diminuzione di conferimenti in discarica ci confortà sulla bontà di quella scelta che oggi rivendichiamo in tutta la sua giustezza.”

I primi di gennaio invece verrà consegnato in Regione il masterplan dei progetti del PIU, con la richiesta di finanziamento che prevede il completamento del polo culturale ex Ipsia, la riqualficazione di piazza dei Grani, subordinata alla vendita degli ex licei, del piazzale di alaggio, di piazza Dante e un progetto di efficientamento energetico della città. Un progetto complessivo di oltre 8 milioni di euro, che, se approvati dalla Regione, potranno godere di un cofinanziamento regionale del 70%. “Nonè un’operazione di semplice restyling urbano – ha detto Chiarei – ma un progetto di miglioramento complessivo della qualità della vita, con un miglioramento delle condizioni fisiche urbane e dei servizi materiali e immateriali che consentono di vivere in modo più moderno. Questo sarà uno degli assi strategici della programmazione dei prossimi anni.”

Sociale e sanità. Precarietà del lavoro, aumento delle povertà. In questo settore l’assessore Margherita Di Giorgi ha tracciato un quadro dal quale emergono le crescenti difficoltà della città a far fronte a una situazione prolungata di crisi economica. Sul fronte del sostegno e delle risorse erogate dall’amministrazione comunale per far fronte a questo situazione di crescente disagio, l’assessore ha snocciolato una serie di cifre: 336mila euro erogati nel 20015 per il contributo agli affitti, 78.000 perle famiglie con sfratto, sostegno alla maternità altre 165.300 euro, 42.000 euro per le famiglie numerose e con situazioni di handicap, bonus energia 5000 euro, 26mila euro per il sostegno alle famiglie con Isee inferiore a 9000 euro per il pagamento delle bollette e molto altro. In tutoale per il servizi socio assistenziali sono stati messi a disposizione 2.450.900 euro. Sul fronte dell’emergenza abitativa sono state consegnate a maggio 60 nuove abitazioni in via della Pace e un nuovo protocollo d’intesa è stato siglato a favore dei contratti d’affitto a canone concordato. Tra le strategie per il nuovo anno l’avvio del progetto della Cittadella della solidarietà, insieme alle associazioni di volontariato e la realizzazione della Casa della Salute. Una buona notizia inoltre, la riapertura del servizio di chirurgia urologica a Villamarina a partire da gennaio.

Attività produttive e turismo. In dirittura d’arrivo la convenzione con il soggetto gestore dei vari lotti dell’area produttiva di Colmata Gagno, il cui piano attuativo è stato concluso. Insieme a questo, l’assessore Ferrini ha evidenziato anche l’importanza della formazione a favore delle imprese e delle risorse disponibili nell’ambito dell’accordo di programma (1.200.000 euro).

Sul turismo importante il lavoro di coordinamento avviato con i Comuni della Val di Cornia e la Parchi.Si è poi costituita in questi giorni la prima rete di imprese turistiche con la quale saranno delineate le strategie del turismo a livello territoriale, dopo la chiusura dell’ dell’Azienda Provinciale Turistica (APT). L’assessore ha poi ricordato le diverse strategie di sviluppo del turismo, da quello sportivo a quello culturale, ricordando le iniziative significative che si sono svolte nel 2015. Tra gli obiettivi di Ferrini il prossimo anno ci saranno inoltre la revisione del regolamento Sagre e Feste, per valorizzare il più possibile la qualità.

Cultura e beni culturali. L’assessore alla cultura Paola Pellegrini, oltre alla conferma degli eventi e delle iniziative consolidate che l’amministrazione comunale porta avanti da anni con successo (stagione teatrale, concertistica, teatro ragazzi), ha evidenziato la necessità di valorizzare le peculiarità e le risorse del territorio, come l’archeologia e, non da meno, l’archeologia industriale e i beni culturali. Su questo ha confermato l’acquisizione dell’archivio Lucchini da parte del Comune. Un progetto importante e molto significativo per la storia della città e del territorio che ha l’obiettivo più ampio di dare un contributo importante in termini di ripensamento dell’assetto della città e delle aree industriali dopo la chiusura dell’altoforno.

A questo proposito è in cantiere un convegno nazionale sulla siderurgia dal medioevo fino ad oggi, in memoria di Ivan Tognarini in collaborazione con Aipai, Ricerche Storiche che sarà organizzato in collaborazione con l’archivio storico della città e che si svolgerà il 4 e il 5 marzo.

Opere pubbliche. Sul fronte dei lavori pubblici, l’assessore Claudio Capuano ha ricordato il completamento delle opere per la salvaguardia della costa. Sono in corso i lavori per la messa in sicurezza del lungomare Marconi la cui ultimazione è prevista nella primavera del 2016, così come in piazza Manzoni (i due interventi ammontano a più di 2 milioni di euro). Avviata i9noltre la progettazione di via del Popolo e affidato l’incarico delle indagini di approfondimento per Calamoresca. L’assessore Capuano ha poi ricordato i numerosi interventi effettuati agli impianti sportivi, alle scuole, ai cimiteri di Piombino e Riotorto, all’illuminazione cittadina, più di mille interventi e i molti lavori effettuati da ottobre ad oggi con i lavoratori volontari cassintegrati. Occhi puntati inoltre e massima attenzione sul tema del decoro urbano e della mobilità, per i quali sono stati attivati due tavoli di ascolto e confronto specifici. Nel 2016 completeremo il nuovo Piano della mobilità Urbana – ha detto Capuano – che ha subito un ritardo per i problemi causati dall’evento alluvionale del 28 ottobre scorso. Sul piano della mobilità, da ricordare inoltre ilprogetto della ciclopista tirrenica sui territori interessati.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.12.2015. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 21 giorni, 15 ore, 44 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it