PAZZAGLI: L’AUTOSTRADA TIRRENICA, SCELTA DI RETROGUARDIA

Il professor Rossano Pazzagli

Il professor Rossano Pazzagli

Riceviamo e publichiamo un commento di Rossano Pazzagli, Ex sindaco di Suvereto e docente di storia moderna all’Università del Molise sui recenti commenti di Confindustria e del Presidente della Regione Enrico Rossi sull’ipotetico nuovo progetto dell’Autostrada Tirrenica su cui sta lavorando la Società Autostrade e il governo.

«Sui giornali lo scorso 10 ottobre Confindustria ha scritto che “il futuro viaggia sempre su strada” e il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha risposto subito che lui la Tirrenica la vorrebbe e che senza l’autostrada la Maremma verrebbe condannata alla marginalità (Tirreno, 10 ottobre). Non è vero. Sono analisi basate su una visione stantia del rapporto tra infrastrutture e territorio e sulla riproposizione di una concezione affaristica o speculativa dello sviluppo.

L’autostrada avrebbe forse avuto un senso fino a 30 anni fa, ma il futuro sarà basato sullo sviluppo di sistemi di mobilità ecologici e più adatti ai caratteri della penisola italiana: per questo sarebbe oggi molto più moderno e lungimirante investire sulla rete ferroviaria e sul trasporto marittimo. Un paese lungo e stretto, circondato dal mare, ad insediamento diffuso ed orograficamente accidentato non può permettersi di infittire la rete autostradale, che spesso ferisce i territori, attraversandoli senza lasciare niente; dovrebbe occuparsi di più dei suoi porti, dell’intermodalità, di manutenzione della rete ferroviaria e stradale esistente, compresa quella minore, del raccordo tra grandi vie di comunicazione e sistemi locali.

Riproporre l’autostrada che i territori hanno già bocciato, non solo attraverso i comitati dei cittadini ma anche tramite la maggior parte delle istituzioni locali, sarebbe una scelta miope e di retroguardia, pesante per le popolazioni locali, che dovrebbero sopportare lunghi anni di disagi, e per gli utenti, che si troverebbero a pagare profumatamente un’opera imposta dall’alto. Sono finiti i tempi in cui un’autostrada poteva significare sviluppo dei territori attraversati. Oggi essa certificherebbe piuttosto il loro declino e un pericoloso cambiamento d’identità. Di sviluppo sostenibile si potrebbe invece parlare prendendo in esame l’intera problematica del corridoio tirrenico, che non è solo autostrada, ma anche ferrovia e navigazione. Ma purtroppo anche le scelte del governo nazionale vanno in senso opposto, costringendo ad esempio Trenitalia ad una logica commerciale che lascia in secondo piano il diritto delle persone alla mobilità e dall’altra opera a favore del trasporto privato su gomma, indubbiamente più costoso per i cittadini e più dannoso per l’ambiente.

Non è neanche vero, come dicono strumentalmente i sostenitori dell’autostrada, che da Rosignano a Civitavecchia non c’è niente e tutto si interrompe: c’è una superstrada a quattro corsie, tranne che per una ventina di chilometri dove le corsie sono due, inserita nell’itinerario europeo E80. La logica vorrebbe che il necessario ammodernamento di questa infrastruttura riguardasse prima di tutto quei 20 chilometri, trasformandoli in strada a quattro corsie, oltre all’eliminazione degli incroci a raso a sud di Grosseto. Senza spese enormi avremmo una infrastruttura stradale moderna e adeguata al traffico. Andrebbe tenuta meglio, questo si, anziché abbandonarla all’incuria con conseguente pericolo di gravi incidenti. Nel mondo attuale la mobilità è un diritto fondamentale, che richiede uguaglianza e pari opportunità di accesso, mentre l’alta velocità e le nuove costose autostrade sono opere socialmente inique, a vantaggio di pochi. Tutto in tempi di crisi, in nome della velocità e di una malintesa modernizzazione. Ma è una modernità stolta, che dimentica i territori e i cittadini».

Rossano Pazzagli

(Società dei Territorialisti, docente di storia moderna all’Università del Molise)

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.10.2015. Registrato sotto cultura, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 22 giorni, 7 ore, 4 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it