PARODI: FIRMATE PER IL REFERENDUM SULLA RIFORMA DELLA SANITA’

il sindaco di Suvereto Giuliano Parodi

il sindaco di Suvereto Giuliano Parodi

Suvereto (LI) – “Il pubblico non funziona, vado dal privato” è proprio su questo assunto che il Governatore Rossi e l’assessore regionale Stefania Saccardi stanno forzando la legge regionale. Il PD Invece di difendere il diritto ad una sanita’ pubblica sancito dall’art 32 della Costituzione italiana incentivano l’uso di strutture private, creando di fatto cittadini di seria A e di serie B, ovvero quelli che potranno permettersi economicamente visite e cure e chi dovra’ invece per mancanza di soldi pagarne le gravi conseguenze.

In questi giorni sono disponibili a Suvereto i moduli da firmare per sostenere il referendum contro la legge regionale sulla Sanita’ Toscana, ed opporsi in maniera democratica alla logica proposta dal PD regionale.

E’ necessario che i cittadini informati si mobilitino contro una legge che portera’ solo ad un de-potenziamento dei servizi sanitari, in linea con i tagli della Legge di stabilita’ che sta discutendo il Governo Renzi che diminuira’ drasticamente i trasferimenti a questo importante comparto sociale.

“La riforma della sanità toscana (L. 28/2015), approvata nel marzo scorso, è una legge truffaldina” esordisce il Sindaco Giuliano Parodi “l’unificazione delle ASL (da 12 a 3) doveva generare risparmi – riducendo la burocrazia e la dirigenza – al punto che gli utenti non avrebbero risentito dei tagli al finanziamento. Invece si vede l’esatto contrario.

Senza tener conto degli scandali giudiziari in cui e’ coinvolto l’ex direttore dell’ ASL 6 adesso vice-commissario della stessa azienda: Eugenio Porfido, o il convegno dei dirigenti ASL centro, fatto a Lucca, e costato 33mila euro per due giorni di incontri.

La concentrazione delle ASL non produrrà alcun risparmio, ma solamente la concentrazione del potere nelle mani di pochi, allontanando i livelli decisionali sulla salute dai sindaci (che subiscono in silenzio – perché gli mancano le parole, il coraggio o per fedelta’ al partito) e dai cittadini, ed ha prodotto, lo toccano con mano ogni giorni gli utenti, una netta riduzione dei servizi in ogni parte della Toscana.”

A causa delle sempre più lunghe lista di attesa e dei sempre più esosi ticket una massa crescente di cittadini non riesce più ad accedere ai servizi pubblici: e una parte di essi è costretta a rivolgersi ai servizi privati (a pagamento). Ma una parte, sempre piu’ numerosa, vista la crisi economica e lavorativa che ci ha investito, rinuncia a curarsi.

“Vogliono convincerci a comprare un’assicurazione sanitaria integrativa” continua il sindaco “per ottenere i servizi di cui abbiamo diritto, avendoli già pagati con le tasse. La promozione del privato a spese del settore pubblico è negli obiettivi dichiarati di Matteo Renzi e del Governatore Enrico Rossi. Che nel novembre 2012 dichiarava alla stampa senza mezzi termini: “Vanno create assicurazioni mutualistiche per diagnostica e specialistica, ormai la rete del privato sociale offre prestazioni a prezzi concorrenziali con il servizio sanitario nazionale per chi non è esentato dal ticket”.

In conclusione il de-finanziamento del servizio sanitario nazionale e regionale, la concentrazione del potere, anche finanziario, nelle mani di pochi, servono a realizzare questo disegno.

“Contro questo progetto ai danni dei cittadini ci si può opporre democraticamente con un referendum” conclude Parodi “ed e’ per questo che da sindaco mi oppongo a questo scempio ed invito tutti i cittadini ad andare a firmare per renderlo possibile.”

Giuliano Parodi
Sindaco

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 26.10.2015. Registrato sotto Foto, politica, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “PARODI: FIRMATE PER IL REFERENDUM SULLA RIFORMA DELLA SANITA’”

  1. Sergio Tognarelli

    “Vanno create assicurazioni mutualistiche per diagnostica e specialistica, ormai la rete del privato sociale offre prestazioni a prezzi concorrenziali con il servizio sanitario nazionale per chi non è esentato dal ticket”. Occorre notare che per il regime partitocratico lo spostamento dei servizi, dal pubblico al privato, potrebbe anche tradursi in una perdita di potere per il medesimo, (se c’è meno gente che accede al pubblico c’è anche meno massa manovrabile), ma (domanda) forse questo fatto potrebbe essere compensato dal rafforzamento degli interessi lucrosi di chi tale regime manovra e appoggia ??? (punto interrogativo).

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    14 mesi, 18 giorni, 14 ore, 55 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it