PIOMBINO: «STIAMO ASSISTENDO ALLA SOPPRESSIONE DELLA CERTEZZA DEL DIRITTO»

la neo consigliera comunale Carla Bezzini

la consigliera comunale Carla Bezzini

Piombino (LI) – Visto l’accanimento che dall’opposizione e dalla maggioranza c’è sulla vicenda dei quartieri, nel riportare anche l’intervento di Carla Bezzini di “Un’Altra Piombino” lista civica vicina a SEL, proponiamo ai nostri lettori il video della parte di Consiglio Comunale relativa allo spinoso argomento, che potete vedere alla fine del comunicato stampa.

_______________________

CARLA BEZZINI: STIAMO ASSISTENDO ALLA SOPPRESSIONE DELLA CERTEZZA DEL DIRITTO

«Ciò che è accaduto nell’ultimo consiglio comunale è molto grave: il PD , con il peso dei numeri, ha bocciato la delibera sul nuovo assetto dei quartieri (delibera peraltro presentata dalla sua stessa giunta), pur di non cedere all’evidenza della propria sconfitta. Lo stesso sindaco, consapevole della criticità della situazione si è astenuto. La storia è nota, ma giova ricordarla: il partito di maggioranza, non avendo presentato i sui rappresentanti nei consigli di quartiere nei tempi stabiliti da un regolamento che lui stesso aveva scritto, ha modificato tale regolamento con valenza retroattiva.

Il fatto costituisce una grave lesione dei principi democratici, per più motivi:

1) le modifiche statutarie devono essere apportate nelle commissioni istituzionalmente deputate,
2) le modifiche statutarie non si apportano in corso d’opera
3) è arbitrario attribuire a tali modifiche un valore retroattivo.

Inequivocabile il vulnus giuridico, tanto che il TAR ha bocciato tale illecito amministrativo. Il PD avrebbe semplicemente dovuto prenderne atto: le sentenze si rispettano. Invece, dopo la prima violazione, ha raddoppiato la dose e ci ha messo sopra un pesante carico non rispettando la sentenza di un tribunale.

Con ciò si è, per la seconda volta, violato un principio giuridico fondante: il rispetto delle regole.

Le argomentazioni con le quali venerdì si è cercato di giustificare un gesto così grave, sono artificiose e insostenibili: all’epoca il PD non ha nominato i propri rappresentanti perchè distratto dalla grave situazione della siderurgia piombinese, mentre oggi non può rispettare la sentenza perchè ciò inficierebbe il principio della rappresentanza. Cioè a dire che contano più i voti delle regole. Una motivazione tristemente berlusconiana che ormai il PD ha fatto propria. Hanno addotto anche un’altra giustificazione: i quartieri lavorano con i volontari e la loro dedizione va rispettata.

Si scopre solo ora tale dedizione? Non andava rispettata anche un anno fa, presentando le nomine nei tempi previsti dalle normative vigenti? La verità purtroppo è una sola e molto semplice: il partito che da quasi 70 anni controlla ogni istanza istituzionale e associativa della vita locale, non tollera l’esclusione da istituzioni che considera proprie , al punto di tenerle bloccate per un anno per poi chiuderle in attesa di una modifica ad hoc del regolamento.

I quartieri sono sospesi e il partito di maggioranza cerca di rovesciare le carte in tavola attribuendone la responsabilità alle minoranze, la cui colpa è quella di esigere il rispetto delle regole e di non voler essere coinvolte nel gesto illegale di mancato rispetto di una sentenza.

E questo avviene dopo un altro grave episodio, quello delle nomine nei cda di ATM e ASIU , in evidente violazione della legge Madia. A Piombino stiamo assistendo alla soppressione della certezza del diritto».

Un’Altra Piombino

_________________________

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.10.2015. Registrato sotto Foto, politica, Toscana-Italia, ultime_notizie, video. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

4 Commenti per “PIOMBINO: «STIAMO ASSISTENDO ALLA SOPPRESSIONE DELLA CERTEZZA DEL DIRITTO»”

  1. Ciuco nero

    Denunciateli alla magistratura . subito.

  2. Bibi

    Concordo assolutamente…!
    Denunciare alla Magistratura.

  3. Ciuco nero

    Classico esempio di pesterossa…il partito mette suoi fedelissimi in tutte le aziende di rilievo atm,asiu..poi lasciamo perdere la figura che stanno facendo con questa buffonata sui quartieri.queste persone che si definiscono democratiche vanno messe in galera.. Subito.

  4. Ciuco nero

    Se gli esponenti dei partiti di minoranza hanno paura ad esporsi o non possono x motivi tecnici o legali bene,allora mi diano gli strumenti..mi faccio avanti io come libero cittadino. L esposto alla magistratura lo faccio io…ora basta con questa arroganza .se esistono delle leggi vanno rispettate.non calpestate in base ai propi bisogni.autorizzo la redazione del corriere a dare la mia email a chi interessato se vuole contattarmi.!

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 20 giorni, 1 ora, 35 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it