M5S: SAN VINCENZO E IL MOLO DELLA DISCORDIA

la diga del porto di San Vincenzo

la diga del porto di San Vincenzo

San Vincenzo (LI) – Il Meetup di San Vincenzo denuncia tutta una serie di anomalie in paese. Leggiamo insieme integralmente il comunicato.

«La deliberazione n.178 del 7 Luglio scorso è un chiarissimo segno della mancanza di volontà nel preservare gli interessi dei cittadini. Con questa delibera si va ad approvare lo stanziamento per la manutenzione straordinaria della passeggiata verso la statua del Marinaio e sul molo di sopraflutto. Alcuni estratti della deliberazione della Giunta Comunale, prodotta tra solo i quattro assessori e il Sindaco, descrivono tale camminata come elemento ad uso della cittadinanza. Anche le due piazze lo sono e risultano, nei documenti, sottratte alle finalità, gestione e limitazioni portuali.

Ma il molo di sopraflutto? Non troviamo specifiche ammissioni di responsabilità della manutenzione dello stesso. Perché dovremmo allora investire 100.000€ per una zona comunque ricadente e parte integrante di un’area portuale gestita da privati? Si parla di diritto di passeggio sul porto turistico di San Vincenzo, l’art. 10 del regolamento di gestione tra La Marina e la Pubblica Amministrazione cita: il lastrico solare dei parcheggi costituenti le piazze del porto sono di esclusivo uso pubblico a favore del Comune che assume gli oneri della manutenzione ordinaria e della pulizia delle stesse…e qui non ci pare ci sia scritto che il Comune assume oneri anche per il molo di sopraflutto! E’ quindi garantito in ogni caso il libero accesso pedonale alle aree di “uso pubblico” della struttura portuale come piazzali, aree a verde, percorsi pedonali, banchine e moli.

” Era veramente necessaria questa ristrutturazione, della passeggiata pedonale che dal v.le Marconi lungo tutta la diga di sopraflutto del porto turistico arriva al monumento al marinaio? Ma soprattutto, ci compete? E come avremmo potuto impiegare invece quei 100.000€?

Durante l’ultima delibera di Giunta Comunale del 22-12-2014 AMPLIAMENTO E RISTRUTTURAZIONE PORTO TURISTICO e PRESA D’ATTO PERIZIA DI CONSISTENZA FINALE DEI LAVORI, la manutenzione del molo di sopraflutto deve essere fatta da tecnici specializzati con comprovata esperienza in costruzioni marittime. Per trasparenza dovrebbe essere chiarita la posizione di tale zona del PORTO di San Vincenzo. NON siamo riusciti ad individuare un documento pubblico, un atto, regolamento, accordo o contratto che certifichi che il molo di sopraflutto è onere del Comune.

Non vorremmo che questa azione inneschi un precedente per giustificare questo ed altri casi di manutenzione straordinaria fatti ricadere sulle casse comunali, vista ancora la fumosa storia dei collaudi sulle piazze e altre parti portuali. Tanto più che il palazzo comunale si trova in stato fatiscente, senza riparlare delle nostre scuole».

Meetup storico SanVincenzo5stelle

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 15.8.2015. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “M5S: SAN VINCENZO E IL MOLO DELLA DISCORDIA”

  1. Ciuco nero

    Vigilate gente vigilate che questi pezzenti con i soldi dei cittadini vogliono privilegiare i benestanti propietari dei barconi…..invece di pensare slle scuole, alle strade….. Scommetto che anche a san vincenzo il sindaco è del pd !!!

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 22 giorni, 11 ore, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it