SUVERETO: PARODI, «IL PD NON CONOSCE LE LEGGI REGIONALI»

il sindaco di Suvereto Giuliano Parodi

il sindaco di Suvereto Giuliano Parodi

Suvereto (LI) – Riceviamo e pubblichiamo dal sindaco di Suvereto Giuliano Parodi che risponde alle critiche del PD di Suvereto pubblicate ieri sull’adesione all’ufficio di piano della Val di Cornia.

«Sorprende l’ignoranza del gruppo consiliare Suvereto Protagonista in materia di normative Urbanistiche. A mezzo stampa sbandierano come un atto grave la bocciatura da parte della maggioranza della loro mozione sull’adesione all’ufficio di piano della Val di Cornia, ma come abbondantemente discusso in consiglio comunale, ai giovani del PD sfugge che la Regione Toscana il 29 ottobre 2014 ha approvato la legge 65 (BURT 53 del 12/11/2014) “Norme per il governo del territorio”, dove all’art 24 recita “…i comuni obbligati all’esercizio associato della funzione fondamentale relativa alla pianificazione urbanistica ed edilizia di ambito comunale assolvono a detto obbligo approvando il piano strutturale intercomunale negli ambiti mediante unione di comuni.”

Ovvero, i comuni come Suvereto, non possono pianificare attraverso convenzioni, come l’Ufficio di piano, ma solo attraverso l’ufficio urbanistica dell’Unione dei Comuni.

Per tanto sarebbe per Suvereto del tutto inutile aderire al nuovo ufficio di piano che si e’ composto tra i comuni di Piombino, Campiglia M.ma e San Vincenzo, e non per motivi politici o per miopia del Sindaco come vorrebbero far credere ai cittadini i giovani del PD, ma perche’ la legge 65/2014, di fatto ne vanifica l’uso per i comuni sotto i 5000 abitanti. Conclusione a cui eravamo arrivati anche dopo un confronto con l’assessore all’urbanistica di Piombino nel marzo del 2015.

Una maggiore onesta’ intellettuale porterebbe sicuramente benifici alla nostra comunita’.

Distorcere e fornire parziali informazioni per screditare l’operato dell’Amministrazione, con questi goffi tentativi, e’ deplorevole.

“E’ bene infine ricordare” conclude il sindaco Giuliano Parodi “che l’Unione dei comuni, fortemente voluta dalla federazione PD, tanto che il suo segretario Valerio Fabiani, venne piu’ volte nel mio ufficio per convincermi ad aderire al progetto, produsse una mozione approvata in tutti i consigli comunali della Val di Cornia nel 2014, che ad oggi e’ lettera morta, e non certo per volonta’ del comune di Suvereto, che ha inviato, nel corso di quest’anno, diverse richieste di incontro coi sindaci per avviare il percorso, allegando anche una bozza di Unione elaborata dalla nostra Segretaria comunale, senza ricevere nessun riscontro”.

Giuliano Parodi

Sindaco di Suvereto.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.8.2015. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “SUVERETO: PARODI, «IL PD NON CONOSCE LE LEGGI REGIONALI»”

  1. Ciuco nero

    Il pd oltre a nin conoscere le leggi non conosce neppure la vergona. Partito di buffoni ex dc e indagati.hanno fatto la guerra a Berlusconi x 20 anni e ora in 12 mesi di governo (che tra l’altro nessuno ha votato) hanno massacrato in cittadini di tasse e polverizzato la classe operaia.in compenso però i clandestini arrivano a milioni….

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 19 giorni, 12 ore, 14 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it