PIOMBINO: REGOLAMENTO EDILIZIO IN CONSIGLIO VENERDI’

Scorcio del Comune di Piombino

Scorcio del Comune di Piombino

Piombino (LI) – Risparmio energetico, semplificazione delle norme, riuso del patrimonio edilizio esistente. Sono questi i principi ispiratori che hanno condotto alle elaborazione del nuovo regolamento edilizio del Comune di Piombino, che sarà portato all’approvazione del consiglio comunale il prossimo 26 giugno.

Il risultato è frutto di una campagna di ascolto aperta e professionisti e tecnici nell’agosto scorso e durata per circa tre mesi, attraverso la quale l’amministrazione comunale ha potuto recepire contributi e idee provenienti dalla realtà locale per costruire uno strumento utile e aderente alle necessità del territorio.

Un principio ordinatore del testo è stato quello di proporre la massima semplificazione dove la materia lo consente e la massima chiarezza dove la specifica disciplina risulta essere, per le sue peculiarità tecniche, di difficile semplificazione.

“Si è tratta di un lavoro corale, apprezzato dai professionisti – afferma l’assessore all’urbanistica Martina Pietrelli – ai quali è stato presentato nella sua stesura ufficiale un paio di settimane fa. Presenta novità importanti sul fronte del risparmio energetico con incentivi volumetrici dal punto di vista fiscale e della semplificazione delle procedure con l’obiettivo anche di aiutare a far ripartire un settore come quello dell’edilizia, tra i più colpiti dalla crisi economica. Misure come il recupero dei sottotetti, la possibilità di realizzare ascensori nei condomini in deroga alle misure standard ma nel rispetto comunque dei parametri di sicurezza, e in generale l’abolizione delle rigidità che nel vecchio regolamento rendevano difficile trasformare il patrimonio edilizio esistente, servono esattamente a questo.”

Di non secondaria importanza il metodo di lavoro seguito. Dopo la chiusura della campagna di ascolto #iosemplifico a fine ottobre, gli uffici hanno avviato la schedatura e analisi di merito dei contributi pervenuti. Il lavoro è proseguito poi con l’individuazione di tre aree tematiche e dei gruppi di lavoro composti da tecnici comunali e professionisti rappresenti degli ordini di agronomi, architetti, geometri, ingegneri, periti industriali della provincia di Livorno.

Questo ha portato alla stesura della prima bozza e al parallelo confronto con l’Asl. Un ulteriore passo è stato la richiesta di osservazioni alle associazioni di categoria per arrivare alla stesura del testo definitivo.

Molte le modifiche introdotte, che vanno nella direzione della semplificazione delle procedure per molti interventi minori. Per quanto riguarda l’area tematica requisiti dei locali, si parla di liberalizzazione delle installazioni dei manufatti per il godimento degli spazi esterni, con la possibilità di introdurre ad esempio nuovi arredi (tende, strutture impacchettabili) e l’eliminazione di limiti dimensionali. Viene introdotta inoltre la diversificazione dei requisiti degli immobili ad uso residenziale da quelli ad altre destinazioni d’uso. Per i locali residenziali è eliminato il vincolo dell’altezza minima per i soffitti inclinati, e della superficie massima per ripostigli e simili.

Vengono introdotte inoltre regole per favorire il recupero e i piccoli ampliamenti del patrimonio edilizio esistente a uso residenziale con possibilità di realizzare soppalchi con altezze libere, possibilità di deroga alle dimensioni dei vani scala per riuso dei sottotetti o per installazione di ascensori ecc. Per il patrimonio non residenziale è stato eliminato invece l’obbligo del servizio igienico nelle attività di somministrazione anche nei casi diversi dal subingresso, così come tale obbligo è eliminato anche per negozi senza dipendenti.

Sul tema della bioedilizia, nel regolamento si parla di estensione degli incentivi agli interventi sul patrimonio edilizio esistente attraverso ristrutturazione edilizia e interventi manutentivi e di restauro. Per gli interventi sul patrimonio esistente si introduce un premio con riduzione della leva fiscale. Viene introdotta la Commissione per l’edilizia sostenibile e il concetto di responsabilizzazione del Direttore dei lavori e delle ditte esecutrici durante i lavori.

Con il nuovo regolamento vengono inoltre disciplinate le insegne, targhe, bacheche e tende sulla pubblica via. Eliminato inoltre l’obbligo di sostituire gli infissi incongrui presenti nel centro storico nel caso di manutenzione straordinaria o restauro dell’intera facciata.

Il nuovo testo entrerà in vigore immediatamente dopo la discussione e l’approvazione in consiglio comunale. Alle istanze presentate prima si applica l’attuale regolamento edilizio, con facoltà comunque da parte degli interessati di poter presentare una nuova istanza.

Fonte: Comune Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.6.2015. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 22 giorni, 16 ore, 39 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it