REDI: TRATTATIVA IN CORSO. NEL POMERIGGIO INCONTRO SINDACATI-AZIENDA

Scorcio del Comune di Piombino

Scorcio del Comune di Piombino

Piombino (LI) – Nuovo vertice in Comune questa mattina, martedì 16 giugno alle 11, tra istituzioni, sindacati, azienda e Confindustria locale. L’incontro è stato convocato e richiesto urgentemente dalle istituzioni (Regione, Provincia e Comune) per riprendere la discussione con l’azienda dopo l’incontro del 5 giugno scorso e per avere delle risposte in merito alle ipotesi di sviluppo dell’azienda sul territorio.

Il 29 maggio scorso, infatti, l’azienda ha annunciato esuberi per 33 lavoratori su 69 in organico: 14 per la chiusura della logistica e trasferimento di questo settore alla sede dell’azienda di Zola Pedrosa, 15 lavoratori per la chiusura e il trasferimento in Polonia della produzione di tubi in propilene.

Al tavolo di questa mattina erano presenti l’assessore regionale alle attività produttive e lavoro Gianfranco Simoncini, il sindaco Massimo Giuliani, il direttore generale della Redi Alessandro Calvi insieme a Marco Inghilesi e a Francesco Caselli, Cgil, Cisl e Uil , i sindacati di categoria e le RSU aziendali, Emanuele Bravin e Nedo Bertini di Confindustria.

Da parte delle istituzioni è stata rinnovata la richiesta all’azienda di riconsiderare la proposta iniziale per prendere in considerazione anche la possibilità di accompagnare questo momento difficile con l’utilizzo di ammortizzatori sociali, prima di qualsiasi decisione definitiva. Da parte della Regione è stata ribadita la disponibilità a trovare soluzioni che considerino i bisogni di tutti.

“Abbiamo sottolineato con forza che non è possibile perdere ulteriori posti di lavoro – dichiara il sindaco Massimo Giuliani – Ci sono altre aziende che stanno stringendo i denti per rimanere sul territorio, in un’area che presenta sicuramente prospettive di sviluppo industriale e logistiche. Crediamo in un rilancio del settore tenendo presente che ci sono 20 milioni di euro a fondo perduto per progetti di sviluppo e mantenimento del lavoro”.

L’azienda ha confermato la volontà di mantenere a Piombino la produzione del multistrato, realizzato attualmente solo in questo sito, anche se i piani aziendali non prevedano ulteriori investimenti.

L’invito all’azienda da parte di istituzioni e sindacati è quindi quello di approfondire ulteriormente per arrivare a un’ulteriore proposta finalizzata a salvare i posti di lavoro prevedendo la possibilità di utilizzo degli ammortizzatori sociali.

La trattativa quindi non è conclusa e continuerà nel pomeriggio con un tavolo tecnico ristretto tra azienda e sindacati, nel quale saranno approfondite tutte le questioni, le proposte e le alternative dal punto di vista economico e sociale.

Fonte: Comune Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 16.6.2015. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 26 giorni, 5 ore, 50 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it