PIOMBINO: BILANCIO DI PREVISIONE APPROVATO IN CONSIGLIO

il consiglio comunale di Piombino

il consiglio comunale di Piombino

Piombino (LI) – Bilancio di previsione approvato in consiglio comunale. Tra le novità il mantenimento dei servizi ai cittadini e 700mila euro in meno sulle spese correnti. Invariata la Tasi prima casa con ulteriori agevolazioni e sgravi. Aumento dell’Imu e addizionale Irpef. Il consiglio comunale ha approvato le linee fondamentali della politica economica e finanziaria per il 2015. Le prime due delibere, relative all’aliquota e esenzione addizionale Irpef e aliquote e detrazioni dell’Imu e della Tasi, sono state approvate con il voto favorevole di Pd, Spirito libero e Sinistra Per Piombino e il voto contrario di Rifondazione comunista, Movimento 5 Stelle. “Ferrari sindaco Forza Italia”, astenuti “Ascolta Piombino”.

«Il contesto nazionale in cui l’amministrazione comunale ha affrontato il lavoro di stesura del bilancio di previsione 2015 è stato di grande difficoltà – ha esordito l’assessore al bilancio Lido Francini – In questi anni si è invertito il rapporto finanziario del Comune con lo Stato:I Comuni oltre che soffrire di un contesto normativo pieno di costosi adempimenti, subiscono la mancanza di un contributo statale per il finanziamento delle proprie spese e devono addirittura versare allo Stato risorse proprie. Il Comune di Piombino finanzia lo Stato per 567mila euro».

«Il meccanismo del rispetto del Patto di Stabilità inoltre limita fortemente l’autonomia dell’amministrazione nella possibilità di intraprendere investimenti a favore del territorio. Con queste premesse la giunta si è trovata nella necessità di ricercare l’equilibrio di bilancio attraverso tagli alla spesa per circa 700 mila euro agendo su tutti i capitoli di bilancio: (utenze,contributi,acquisti,servizi etc) e sulla spesa del personale per 450 mila euro. Sul personale in particolare, Francini ha sottolineato come negli ultimi 5 anni il personale del Comune sia stato ridotto da 276 a 211 dipendenti con un risparmio di 2 milioni di euro..In un momento così’ difficile la nostra attenzione è stata rivolta prioritariamente alla salvaguardia delle risorse destinate al sociale, che sono state mantenute interamente come negli anni precedenti. Così come non abbiamo aumentato la tassa di soggiorno per non incidere sullo sviluppo turistico che rappresenta un settore significativo dell’economia del territorio. Abbiamo ritoccato il costo della Parking Pass, come già comunicato in precedenza da 35 a 50 euro, inserendo però la possibilità di utilizzo di una carta anche per due targhe, purché intestate allo stesso proprietario.

Dal punto di vista delle entrate invece, i provvedimenti adottati sono stati essenzialmente i seguenti: – IMU: previsto aumento dell’aliquota Imu per le seconde case dell’uno per mille su alcuni fabbricati quali locazioni non concordate (passano dall’8,5 al 9,5 per mille), comodati a parenti entro il secondo grado dal 6,5 al 7,5 per mille, fondi aree fabbricabili,fabbricati delle categorie catastali “A10”,”B”,”C” e fabbricati classificabili nel gruppo catastale “D” non iscritti in catasto che da 8,1 passano al 9,1 per mille.

Sono esclusi i terreni agricoli,i capannoni industriali,ossia tutti i fabbricati del gruppo “D” i fabbricati “C1” e “C3”,negozi,botteghe,artigiani e gli affitti concordati.

Agevolazioni e sgravi invece per la prima casa con aumento delle detrazioni per il pagamento della –TASI, oltre quelle già accordate l’anno scorso di ulteriori 92.000 euro da destinare con criteri economico-sociali (ISEE). A questo proposito è stato aumentato Con la Tasi, l’imposta sui servizi indivisibili che ha debuttato lo scorso anno, sono cambiate le modalità di applicazione delle detrazioni e il Comune di Piombino nel bilancio di previsione 2015 ha deciso di destinare 92.000 euro all’aumento delle detrazioni Tasi a favore delle utenze deboli, da assegnare con criteri economico sociali. L’obiettivo è quello di allargare la platea dei contribuenti che potranno beneficiare dell’esenzione totale o della riduzione del 50% della Tasi. Per questo la soglia dell’Isee che dà diritto all’esenzione completa è stata innalzata a 9.000 euro (nel 2014 la soglia era a 7.000 euro) e quella che dà diritto alla riduzione del 50% è stata innalzata a 10.000 euro (nel 2014 era a 9.000).

IRPEF: L’aliquota dell’addizionale Irpef aumenta dal 5 all’8 per mille innalzando però la quota di esenzione da 15.000 a 20.000 euro. Questo significa che 14.000 contribuenti su un totale di 25.000 saranno esentati dall’aumento, 5000in più rispetto all’anno precedente.

TOSAP: aumento del 25% così articolato: Ipassi carrabili passano da 47 euro a 59 euro anno, I distributori di carburante da 400 a 500 euro l’anno, L’esposizione merci da 230 a 288 euro anno. Occupazioni tavoli, sedie, pedane da 649 a 812 euro l’anno, IL mercato giornaliero da 15 a 19 euro al giorno,IL mercato settimanale a convenzione da 405 a 506 euro anno, L’occupazioni ambulanti per un giorno da 6 a 7 euro. Previsto inoltre un aumento dei parcheggi urbani di 10 centesimi dalla seconda ora nelle zone Blu.

L’ultima delibera approvata è stata quella relativa al bilancio di previsione per l’esercizio 2015, del bilancio pluriennale 2015-2017, di relazione previsionale e programmatica 2015/2017 e altri allegati. Anche in questo caso il voto ha rispettato gli stessi posizionamenti già espressi nelle precedenti delibere (favorevoli PD, sinistra per Piombino, Stile Libero. Contrari Rifondazione comunista, Movimento 5 Stelle, Ferrari sindaco Forza Italia, astenuti Ascolta Piombino).

Nella discussione che si è sviluppata tra i gruppi consiliare, è emersa da parte di tutte le forze di minoranza, una critica nei confronti della gestione delle società partecipate con una richiesta forte da parte del Movimento 5 Stelle ad attivare la Commissione di controllo e garanzia.

 Fonte: Comune Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.6.2015. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 22 giorni, 3 ore, 38 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it