PIOMBINO: MINORANZA SINDACALE «I CONTI IN BUSTA NON TORNANO»

il piano industriale di Cevital

il piano industriale di Cevital

Piombino (LI) –  Riportiamo un comunicato del Gruppo Minoranza Sindacale a poche ore dalla firma che analizzando il verbale di riunione del 29.05.2015 firmato da Cevital, sindacati e istituzioni, fa notare che «non sia corretto parlare di un accordo ormai concluso, come riportato sulla stampa. Rimangono ancora molte necessarie integrazioni, tutele e garanzie da definire, senza le quali sarà difficilmente accettabile».

I contenuti meritano di essere approfonditi e il Gruppo Minoranza Sindacale ricorda che poi individualmente i lavoratori lo dovranno accettare e sottoscrivere e che riportiamo integralmente:

  1. Trasferimento dei lavoratori:

– non ci sono dati relativi alla tempistica e al numero complessivo dei rapporti di lavoro che passeranno immediatamente alla Aferpi, alla logistica e quelli che resteranno legati alla procedura di Amministrazione Straordinaria;

– quelli che passeranno immediatamente ad Aferpi saranno tutti operativi o saranno posti in contratto di solidarietà? quale scenario si aprirà per i lavoratori che rimarranno legati all’Amministrazione straordinaria e sarà prevista la CIG a zero ore?

In entrambi i casi chiediamo che entrambi, sia l’Azienda Aferpi che la Lucchini in Amministrazione Straordinaria, si impegnino ad anticipare gli importi degli ammortizzatori sociali, visti i problemi di liquidità che l’Amministrazione Straordinaria ha ultimamente ribadito;

– non si precisano le fasi dei successivi trasferimenti dei lavoratori previsti per il progressivo assorbimento fino alla data finale del 6.11.2016 in Aferpi, logistica e agroalimentare;

– esiste una sfasatura dei tempi fra il completamento delle assunzioni di tutti i lavoratori previsto per il 6.11.2016, e il completamento del piano industriale previsto per gennaio 2019 (cronoprogramma industriale): in questo periodo, come saranno impiegati i lavoratori ed eventualmente quali ammortizzatori sociali saranno utilizzati?

– Nell’accordo viene individuato un cronoprogramma industriale per la produzione di acciaio, vorremmo conoscere il cronoprogramma che riguarderà i 750 lavoratori che saranno impiegati nel settore agroalimentare e nella logistica.

– non si specifica se a tutti i lavoratori saranno applicati i trattamenti economici e normativi previsti dal CCNL metalmeccanici e industria, o se si pensa anche ad altre tipologie di contratto e quindi di altri trattamenti economici;

– nel verbale non si parla  dei lavoratori dell’indotto, né se e quali prospettive ci saranno anche per questi.

 

  1. Moratoria contrattuale di secondo livello:

questo punto è fortemente penalizzante per tutti, se il Sindacato accetta di essere privato di ogni potere contrattuale e per di più a tempo indeterminato (nella migliore delle ipotesi per tre anni), giacché ogni futura richiesta economica (premio di risultato, premio di produzione) sarà oggetto di discussione solo al momento in cui si realizzerà contestualità tra produzione di acciaio e generazione di utile netto aziendale. In pratica non sarà più possibile una contrattazione di secondo livello . Di fatto il Sindacato abdica alla sua funzione di rappresentanza contrattuale.

 

Sui seguenti punti v. ipotesi di conteggio allegata in calce, quale strumento di prima comprensione da approfondire: nel caso preso in esame di un turnista di 5 livello con più di 18 anni di anzianità, in base ai nostri calcoli risulta una perdita mensile di circa 500 euro lordi; saremmo ovviamente  contentissimi di venire smentiti:

 

  1. Scatti di anzianità: (v. ipotesi di conteggio allegata)

sembra che saranno mantenuti i soli scatti di anzianità maturati per coloro che hanno raggiunto il 5° scatto, per tutti gli altri gli scatti resteranno sospesi per i prossimi tre anni dalla data di effettivo trasferimento, ma non viene chiarito come saranno mantenuti, se saranno conservati ed indicati come “scatti” in busta paga o se finiranno in altre voci.

 

  1. Perdita economica valutata per le maggiorazione turno notturno (v. ipotesi di conteggio allegata)

 

  1. Anzianità (v. ipotesi di conteggio allegata): Occorre meglio capire se tutti gli istituti contrattuali ( ad esempio come ferie maturate e non godute e par) saranno liquidate prima del trasferimento o se saranno trasferite nel nuovo rapporto di lavoro.

 

In pratica, il verbale termina precisando che chi non accetterà individualmente l’accordo si avvierà, nei fatti, verso il licenziamento.

A queste condizioni ci chiediamo: che valore e che senso ha il referendum?

02.06.2015

Gruppo Minoranza Sindacale

 

IPOTESI CONTEGGIO RETRIBUZIONE LAVORATORE TURNISTA CON PIU  DI 18 ANNI DI ANZIANITA LIVELLO 5
stato attuale ORE TEORICHE LAVORABILI
173,33 12 2080,0
ferie 228
par 132
MALATTIA/INFORTUNI 40
1680,0 ore lavorate
livello paga base em.sider scatti superm. totale paga oraria
5 1774,89 49,89 148,20 53,49 2031,47 11,74 560,0 primo turno
rateo 13 ma 156,27 MAGGIORAZIONI NOTTURNO 560,0 secondo turno
rateo PP 53,85 560,0 terzo turno
rateo PDR 100,00
132 ore anno rateo par 129,17
228 ore anno rateo fe 223,11 ORE LAV. paga oraria %
maggiorazioni mese 263,0 SECONDO TURNO 280,0 11,74 3287,85 32 1052,112 87,7
NEL 2015  NR 3 fest di sabato 1,67 19,6 TERZO TURNO 560,0 11,74 6575,70 32 2104,224 175,4
TFR ACCANT 173,95 263,0
TOT EURO 3150,4
ipotesi accordo ORE TEORICHE LAVORABILI
173,33 12 2080,0
ferie 194
par 104
MALATTIA/INFORTUNI 40
1742,0 ore lavorate
livello paga base em.sider scatti superm. totale paga oraria
5 1774,89 0 148,20 0 1923,09 11,12 580,7 primo turno
rateo 13 147,93 MAGGIORAZIONI NOTTURNO 580,7 secondo turno
rateo PP 0,00 580,7 terzo turno
rateo PDR 0,00
104 ore anno rateo par 96,27
194 ore anno rateo fe 179,64
maggiorazioni mese 134,5 ORE LAV. paga oraria %
ipotesi NEL 2015  NR 3 fest di sab 0 0 SOLO TERZO TURNO 580,7 11,12 6454,62 25 1613,654 134,5
TFR 152,41 134,5
TOT EURO 2633,8
DIFFERENZA LORDA EURO
516,62 inoltre viene penalizzata la pensione del lavoratore perchè l’imponibile contributivo è piu basso

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.6.2015. Registrato sotto ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 24 giorni, 18 ore, 55 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it