CONFESERCENTI: BONIFICARE L’AREA, L’OUTLET E’ UN’ILLUSIONE

il presidente di Confesercenti Antonio Baronti

il presidente di Confesercenti Antonio Baronti

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integralmente le parole di Antonio Baronti Presidente Confesercenti di Piombino sull’argomento Outlet di cui si sta parlando in questi giorni.

«“Anche se è importante e urgente parlare di riconversione”queste le parole di Antonio Baronti Presidente Confesercenti di Piombino“ la costruzione di un outlet non deve essere vista come l’unica soluzione possibile in termini di riqualificazione dell’area della centrale Enel e certamente non come un volano per l’economia locale: tutt’altro”.

Gli outlet, dati alla mano, sono autoreferenziali e sottraggono le risorse del tessuto locale con l’aggravante di spostarle altrove, nelle casse delle grandi aziende (spesso multinazionali e spesso straniere) che li gestiscono.

Diversificazione sì ma nel rispetto e nella tutela dei negozi di vicinato che rappresentano il tessuto economico locale e meglio esprimono le caratteristiche e le pecularietà del territorio stesso.

Gli outlet, queste cattedrali delle grandi firme, non devono rappresentare il nostro territorio che deve essere invece pensato a misura di un turismo interessato alla natura e ai Parchi che tale area contraddistinguono e rendono interessante agli occhi dei visitatori.

Altra illusione è quella che nell’ outlet vengano ospitate aziende locali, perché questo è contrario alla filosofia commerciale dell’outlet stesso che propone marchi, brand e catene già affermate e collaudate in questo genere di vendita.

E’ necessario vagliare tutte le possibilità e iniziare un percorso di confronto con gli enti, le istruzioni e non ultima con l’Amministrazione Comunale prima di accogliere qualsiasi soluzione inseguendo miraggi di facili guadagni in termini di posti di lavoro.

Riteniamo che smantellare la centrale e bonificare un’area industriale sia auspicabile e necessario per fare un ulteriore passo in avanti nella direzione dello sviluppo del turismo , così come richiesto dagli operatori del settore, ma pensiamo che l’outlet non sia una risposta alle esigenze di valorizzazione del territorio».

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 27.4.2015. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “CONFESERCENTI: BONIFICARE L’AREA, L’OUTLET E’ UN’ILLUSIONE”

  1. lino

    Non ci posso credere, qualcuno della cosiddetta società civile che ragiona con il suo cervello. Una grande novità per Piombino. Comunque stia tranquillo presidente questi non fanno nulla prima di 20 anni. Un consiglio: perché non propone loro per l’Enel un chiosco per il polpo gigante, quello da 75KG. Io credo che i piombinesi ne andrebbero matti. Granfie lunghe un paio di metri. L’unico inconveniente è il limone. Ci vorrebbe uno dal diametro di un metro. Una variante genetica.
    Ma a questo potrebbe provvedere Cevital all’interno del suo piano agro-alimentare.
    Agrumi giganti in arrivo dall’Africa sbarcati in un porto gigante. A proposito, il polpo come è ovvio cotto nei forni elettrici, in padule. Buona l’idea, non vi pare.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 20 giorni, 14 ore, 1 minuto fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it