TOSCANA: SCUOLE PARITARIE DELL’INFANZIA: 2 MILIONI DI “BUONI”

Un asilo nido

Un asilo nido

FIRENZE – Due milioni ai Comuni toscani per erogare contributi alle famiglie i cui figli frequentano scuole dell’infanzia paritarie: lo prevede, per l’anno scolastico 2015/16, la legge regionale finanziaria e nell’ultima seduta la Giunta, su proposta dell’assessore Emmanuele Bobbio, ha approvato condizioni e modalità. “Una boccata d’ossigeno – commenta l’assessore – per la parte economicamente più fragile di queste famiglie”.

A giorni gli uffici regionali pubblicheranno un avviso pubblico rivolto alle amministrazioni comunali sul cui territorio operano scuole dell’infanzia paritarie: i Comuni dovranno presentare specifici progetti per l’assegnazione di “buoni scuola” da utilizzare nel periodo settembre 2015 – giugno 2016. A sua volta la Regione assegnerà ai Comuni le risorse disponibili, i due milioni, in proporzione alla consistenza numerica dei soggetti residenti interessati ai buoni scuola e in possesso dei requisiti fissati dall’avviso regionale.

La delibera stabilisce i parametri per l’assegnazione dei “buoni”: le famiglie con ISEE fino a 17.999, 99 euro avranno un contributo fino a un massimo di 100 euro mensili per ogni bambino frequentante; se l’ISEE è compreso fra i 18 mila e i 23.999,99 euro il contributo scende a 50 euro mensili per scendere ancora fino a un massimo di 30 per le famiglie con ISEE da 24 mila a 30 mila euro.

Il beneficio dei buoni scuola – precisa l’assessore Emmanuele Bobbio – sarà riconosciuto attraverso una riduzione del costo sostenuto dalle famiglie per le rette e verrà assegnato ai Comuni che lo erogheranno ai soggetti titolari e/o gestori delle scuole.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.3.2015. Registrato sotto Foto, sociale, Toscana-Italia. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    46 mesi, 5 giorni, 7 ore, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it