PIOMBINO: GIANNI BOYS, «VOGLIAMO ANSELMI IN REGIONE»

Il comitato a favore di Anselmi

I portavoce del comitato a favore di Anselmi

Piombino (LI) – Mercoledì 5 novembre si è riunito presso il Centro Giovani di Piombino il Comitato di cittadini e militanti del Pd a sostegno della candidatura di Gianni Anselmi alle prossime elezioni regionali.
«Non si sa se le primarie verranno fatte e come – afferma Luca Carrara, uno dei primi sostenitori della candidatura Anselmi – ma la nostra iniziativa mira al fatto che nessuno sia escluso. La Federazione Val di Cornia Elba dovrà valutare l’operato di Tortolini.»

Tira aria di maretta e di contestazione rispetto alla dirigenza locale del Pd: il portavoce del comitato Giorgio Molendi aggiunge che «un partito come il Pd non può permettersi di buttare in mare un patrimonio di esperienza come quella di Gianni e ben cinquemila firme. La Federazione del partito organizza iniziative da campagna elettorale sul ruolo della Regione con Tortolini e non come Anselmi e questo è inaccettabile. Se nessuno prenderà atto di tutte queste firme e della volontà popolare vuol dire che il Pd vuole perdere queste regionali e ognuno si assumerà le proprie responsabilità.» I promotori insistono sul fatto che Anselmi «ha i numeri e i titoli per il Consiglio regionale. Non chiediamo l’esclusione di altri, ma libertà di scelta per i cittadini.»
Una militante esplode: «Ecco, ve lo dico: sono da tanti anni iscritta al Pd ma alle comunali ho votato i cinque stelle perché Gianni è stato maltrattato dal partito.» E non mancano notazioni fideistiche: «Andiamo ad abbeverarci alla fontana del sapere che per noi è Gianni Anselmi.»
Arriva il giorno successivo la risposta del Pd Val di Cornia-Elba attraverso una nota ufficiale: «L’assemblea della nostra Federazione, prima di tutte le altre realtà territoriali della Toscana, ha già varato un documento che prevede un percorso aperto e partecipato per la selezione dei candidati al Consiglio regionale, così come per la definizione del contributo programmatico del nostro territorio al programma regionale del PD. Il percorso prevede prima una discussione larga sul ruolo svolto dalla Regione in questi anni in relazione al nostro territorio, che è già partita con gli incontri tematici di questi giorni, per poi aprire una consultazione aperta a tutti gli iscritti sulle candidature al consiglio regionale.»
Le schermaglie all’interno del grande corpo del Pd locale sono appena all’inizio e da qui alla prossima primavera non mancheranno i colpi di scena.

Andrea Panerini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.11.2014. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “PIOMBINO: GIANNI BOYS, «VOGLIAMO ANSELMI IN REGIONE»”

  1. lino

    Gianni è stato maltrattato, afferma una sua ammiratrice. No signora, Gianni ha maltrattato Piombino infatti in dieci anni è riuscito ha fare solo 4 marciapiedi mentre ha speso una barca di soldi per progetti impraticabili e ha quasi fatto fallire le casse comunali. Gianni Anselmi è un incompetente e non merita altre poltrone, deve solo andare a lavorare. Andare a lavorare.

  2. Sergio Tognarelli

    Ci sono tante persone che pendono dalle sue labbra, è un uomo che riesce ad affascinare, domandiamoci perché. Chissà perché lo vogliono al posto di Tortolini (?)

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 20 giorni, 8 ore, 33 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it