LINDA BENIGNI: LA MEZZOFONDISTA D’ORO

Linda Benigni premio

Linda Benigni con l’ultimo trofeo vinto e la divisa della nazionale

Abbiamo intervistato Linda Benigni, diciannovenne piombinese mezzofondista che ha indossato due volte la maglia della nazionale che è attualmente la campionessa italiana juniores dei 10 chilometri su strada. Sportiva del Centro Atletica Piombino, Linda affronterà nel mese di novembre le qualificazioni per i campionati europei di cross.

Quando hai cominciato a correre?

Ho iniziato a marzo 2008. Il mio primo sport è stato il pattinaggio, ma non mi piaceva e non ho mai ottenuto risultati. Le gare scolastiche mi hanno avvicinato all’atletica e gli esiti positivi mi spronavano a continuare. Anche la mia migliore amica faceva atletica e mi spinse a cominciare, quasi per gioco: dopo una bella settimana di prova è iniziata la mia avventura con questo sport, che non ho più lasciato.

Chi è il tuo allenatore e dove ti alleni?

Mi allena Armando Mansani e la location è il campo Simeone di Piombino; qui corro sei giorni su sette e per due volte a settimana affronto un doppio allenamento. Inoltre partecipo ai raduni regionali e ho avuto il piacere di essere presente anche a un raduno nazionale al Sestriere. Le gare però non si svolgono mai in città perché il campo non è regolamentare per la corsa, dunque sono sempre in trasferta.

Come si è svolto il raduno in nazionale?

Il raduno della nazionale, svoltosi al Sestriere nel 2013, è durato due settimane invece dei canonici sette giorni perché una settimana serviva solo per adattarsi e abituarsi al clima in altura. Stavo in un albergo con gli altri atleti, con i quali condividevo pasti e allenamenti due volte al giorno, sia corsa che tecnica che palestra. Il clima era sereno e autorevole allo stesso tempo, mi sono sempre sentita a mio agio. Ho partecipato a tale raduno grazie ai risultati ottenuti durante l’anno, ma nel 2014 non si è tenuto per mancanza di fondi.

Stefano Baldini, direttore tecnico giovanile che si occupa del mezzofondo, convocò alcune tra le migliori atlete del 2013: eravamo cinque o sei della mia categoria e ne sarebbero passate solo tre. Abbiamo avuto la possibilità di partecipare ad allenamenti mirati per centrare la convocazione in nazionale con la corsa su strada e dopo la preparazione c’è stata una gara di selezione, consistita in un campionato italiano, al quale arrivai seconda. Il secondo posto mi ha così garantito l’accesso in nazionale, che è stata un’emozione indescrivibile: sentivo paura e pressione, io che ero abituata a correre per gare regionali mi ritrovavo indosso il completino dell’Italia e un altro mondo da scoprire.

Quando hai capito che l’agonismo ti  avrebbe portato grandi soddisfazioni?

L’ho capito strada facendo. Sono partita dal terzo posto regionale di categoria, che poi è diventato un secondo posto e dopo ancora un ripetuto primo posto. Ai nazionali di categoria (cat. allievi 16-17 anni, ndr) arrivai ottava e nessuno si sarebbe mai aspettato un tale piazzamento, ma ho continuato a migliorare con un altro ottavo posto, due terzi posti e un secondo. Il 2 agosto 2014 ho vinto il titolo italiano dei 10 km su strada, ma il risultato più ambito è stato la prima maglia azzurra: lo scorso anno ho corso i 10 km su strada per la nazionale il 20 ottobre a Cremona, esperienza bissata il 21 settembre di questo anno a Udine.

Linda Benigni Corriere EtPer quali gare ti alleni?

Passo dalla pista con i 3000 e i 5000 metri ai 10 chilometri della strada al cross (la campestre, ndr) che varia dai 4 ai 6 km, anche se il prossimo anno diventeranno 8 perché aumentano con l’età. Premettendo che rendo al massimo nelle competizioni lunghe, le mie gare preferite sono la corsa su strada e la campestre: nella prima ho ottenuto risultati insperati, la seconda è quella che mi ha spinta a fare atletica perché adoro correre fuori dalla pista.

Qual è stata la tua impresa più epica?

I campionati italiani di quest’anno. Ero partita scoraggiata perché mi intimorivano i nomi di alcune sfidanti fortissime con tempi migliori dei miei. Nessuno, me compresa, si sarebbe mai aspettato che io prendessi la maglia di campionessa italiana.

A quando le prossime qualificazioni?

Le prossime prove, che si svolgeranno in tre tappe dal 1 al 23 novembre, consistono in tre cross presso il nord Italia e sono le qualificazioni per i campionati europei di cross a dicembre in Bulgaria. I posti disponibili sono sei, due già presi da ragazze fortissime, quindi noi altre lottiamo per i quattro posti rimanenti. Nel caso andasse tutto bene parteciperò a dicembre all’europeo in Bulgaria, altrimenti mi aspettano le campestri regionali e dopo nazionali ad anno nuovo.

Nel tuo futuro vedi l’atletica?

Ottenuto il diploma mi sono presa un anno intensivo di atletica e spero davvero di continuare su questa strada. Per il prossimo anno però mi sono prefissata l’obiettivo di allenarmi e contemporaneamente studiare, dato che la crisi c’è anche nel mio sport ed è sempre più difficile entrare in un gruppo sportivo.

Hai corso due volte la 10 km in nazionale, nell’ottobre 2013 e nel settembre 2014: cosa provi ad indossare la maglia azzurra?

È stato un vero onore essere chiamata a rappresentare il mio paese. La prima corsa con la maglia azzurra è stata la gara più bella, era un’esperienza nuova e non sapevo cosa aspettarmi; mi sono anche dimenticata come si correva, quel giorno ero così carica di adrenalina da non sentire neanche la paura e infatti andò bene: argento individuale e oro con la squadra. Raggiungere il podio internazionale con la prima maglia azzurra mi ha regalato un’emozione unica, ero euforica.

La seconda volta con la maglia azzurra è stata viziata da disturbi fisici che mi hanno sottratto due settimane di allenamento. Volevo mettermi in evidenza e provare che avevano fatto bene a convocarmi, ma avevo paura di non riuscire a centrare il podio, che invece è arrivato con il terzo posto. L’argento è sfumato agli ultimi 500 metri, ma ce l’ho fatta ad accaparrarmi il bronzo tagliando il traguardo un secondo prima dell’atleta francese: mentre correvo sentivo urlare incitamenti in inglese, così ho capito di avere un’avversaria alle calcagna e non ho mollato.

 Chiara Bellucci

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.10.2014. Registrato sotto Foto, sport, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 15 giorni, 6 ore, 27 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it