COPPOLA: LA PROSSIMA LEGGE ELETTORALE TOSCANA PEGGIORE DELL’ATTUALE

Luigi Coppola (UDC)

Luigi Coppola (UDC)

Riceviamo e pubblichiamo da Luigi Coppola dell’UDC sulla prossima legge elettorale in Toscana.

«La nuova legge elettorale della Toscana è peggiore della precedente, tranne se consideriamo l’introduzione delle preferenze. E’ la sintesi fra le esigenze di Forza Italia e del PD, pertanto ripercorre l’asse dell’alleanza che da sempre vige in questa regione fra i 2 maggiori partiti, che di giorno fanno finta di litigare, ma di notte si mettono d’accordo, tutelando interessi reciproci.

Le nuove leggi regionali di Lombardia ed Emilia Romagna hanno un senso e rispettano il principio di governabilità; non sono costruite ad immagine e somiglianza di qualcuno, bensì regolano serenamente il principio di rappresentatività di ciascun cittadino ed ogni voto ha lo stesso valore.

Al contrario nella regione del Premier si è elaborato un sistema con 3 diverse soglie di sbarramento e con accorgimenti particolari che creano 3 diversi livelli di suffragio, che peraltro potrebbero presentare chiari limiti di legittimità costituzionale.

In poche parole vi sono elettori di serie A, B e C, avendo ciascuno un peso diverso rispetto alla forza politica, alla coalizione ed anche ai candidati che vorrà sostenere.

Infatti saranno introdotte le preferenze, ma saranno facoltativi anche i listini bloccati, in modo che le segreterie possano scegliere ancora una volta chi far eleggere, creando una disparità fra candidati, ossia fra chi dovrà cercarsi i voti casa per casa e chi invece aspetterà a casa propria sapendo di essere comunque eletto.

Bastava introdurre una legge seria con premio di maggioranza, uno sbarramento alto e le preferenze, senza troppe alchimie utili solo a delegittimare gli elettori.

Peraltro, se un terzo dei consiglieri regionali del PD non l’hanno votata, è evidente la poca sintonia con uno strumento che di fatto non tutela pienamente i principi di democrazia diretta.

Ancora una volta la Toscana è il laboratorio negativo in cui Forza Italia ed una parte del PD, è bene dirlo, si accordano dietro le quinte, stipulando un patto a priori, sapendo che comunque nella nostra regione il risultato è scontato.

Il modo migliore per vivere in santa pace la legislatura – conclde Luigi Coppola –  evitando inutili battaglie politiche fra maggioranza ed opposizione, visto che l’intento di entrambi è quello di rimanere alla fine solo in due, uccidendo tutte le componenti che potrebbero disturbare i manovratori, Corte Costituzionale permettendo».

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 15.9.2014. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 20 giorni, 16 ore, 46 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it