EDITORIALE: «IO VADO AL MARE, VOI CHE FATE»

L’EDITORIALE                                   di Giuseppe Trinchini trinchini

___________________________

EDITORIALE: «IO VADO AL MARE, VOI CHE FATE»

Corriere Etrusco “numero 68” del 22 agosto 2014.

La Val di Cornia si appresta a tirare le somme di questa estate 2014, che è iniziata male, dopo una campagna elettorale basata su promesse che si sono sciolte come un ghiacciolo al sole (fine del ciclo integrale, Concordia a Genova e niente SS.398), che ha visto, dopo la nomina della nuova giunta “nel solco della continuità”, il Comune di Piombino che non è riuscito a coordinare le numerose iniziative turistiche senza che un evento abbia tolto i pochi turisti all’altro e con una stagione finita, se mai è iniziata, poco dopo ferragosto.

Settembre è vicino, e i primi cento giorni di governo in Val di Cornia sono passati senza che siano state avviate proposte serie e concrete; e gli slogan alla “Piombino non deve chiudere” non sono riusciti a salvare una città che sta perdendo pezzi pregiati alla velocità della luce. Urge un avvio delle bonifiche minori del territorio e un rilancio del commercio che sta subendo i danni maggiori non avendo ammortizzatori sociali come l’industria. I cartelli vendesi e affittasi sono così tanti per le strade che ormai da tempo hanno superato la soglia dell’imbarazzo.

Lo smaltimento delle navi militari, nonostante le promesse, lascia ancora più di un dubbio a chi sta seguendo l’operazione e potrebbe lasciare anche delle sorprese amare per il settore siderurgico, visto che tra i natanti da smaltire ci sono scafi in legno oppure in vetroresina.

La Jindal poi sembra sempre più interessata ai soli laminatoi, e complice la mancanza di compratori alternativi , grazie a Khaled e a chi lo ha voluto e sostenuto, vuole chiudere l’operazione ad una “cifra simbolica”, lasciando il problema delle bonifiche e personale in esubero allo stato italiano.

E per finire ci si è messo anche il tempo meteorologico, con un estate che c’è stata solo sulla carta e, complice la crisi, ha mostrato flessioni turistiche a due cifre in tutta la Val di Cornia con più della metà degli ombrelloni vuoti per lunghi periodi sulla costa Est.

La politica ci deve quindi dire oggi dove “deve” e “vuole” andare Piombino. Non è possibile fare (o peggio dire di fare) tutto e il contrario di tutto, perché non si è credibili davanti agli ipotetici investitori.  Mancano alcune idee fondanti, che mai come in questo periodo, sono poche e spesso confuse, tant’è che i soldi che ci sono, si ha come la sensazione che o non si è capaci, o non si sa nemmeno come spenderli.

Un consiglio? Ripartire rapidissimamente dall’Unione dei Comuni per avere almeno una visione di area su industria, commercio e turismo e di lì cominciare a ricostruire gli strumenti della programmazione territoriale dato che tutti quelli approvati fino ad oggi sono stati completamente superati dagli eventi.

Giuseppe Trinchini

_______________________

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.8.2014. Registrato sotto Editoriali, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 13 giorni, 5 ore, 32 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it