EDITORIALE: «IO VADO AL MARE, VOI CHE FATE»

L’EDITORIALE                                   di Giuseppe Trinchini trinchini

___________________________

EDITORIALE: «IO VADO AL MARE, VOI CHE FATE»

Corriere Etrusco “numero 68” del 22 agosto 2014.

La Val di Cornia si appresta a tirare le somme di questa estate 2014, che è iniziata male, dopo una campagna elettorale basata su promesse che si sono sciolte come un ghiacciolo al sole (fine del ciclo integrale, Concordia a Genova e niente SS.398), che ha visto, dopo la nomina della nuova giunta “nel solco della continuità”, il Comune di Piombino che non è riuscito a coordinare le numerose iniziative turistiche senza che un evento abbia tolto i pochi turisti all’altro e con una stagione finita, se mai è iniziata, poco dopo ferragosto.

Settembre è vicino, e i primi cento giorni di governo in Val di Cornia sono passati senza che siano state avviate proposte serie e concrete; e gli slogan alla “Piombino non deve chiudere” non sono riusciti a salvare una città che sta perdendo pezzi pregiati alla velocità della luce. Urge un avvio delle bonifiche minori del territorio e un rilancio del commercio che sta subendo i danni maggiori non avendo ammortizzatori sociali come l’industria. I cartelli vendesi e affittasi sono così tanti per le strade che ormai da tempo hanno superato la soglia dell’imbarazzo.

Lo smaltimento delle navi militari, nonostante le promesse, lascia ancora più di un dubbio a chi sta seguendo l’operazione e potrebbe lasciare anche delle sorprese amare per il settore siderurgico, visto che tra i natanti da smaltire ci sono scafi in legno oppure in vetroresina.

La Jindal poi sembra sempre più interessata ai soli laminatoi, e complice la mancanza di compratori alternativi , grazie a Khaled e a chi lo ha voluto e sostenuto, vuole chiudere l’operazione ad una “cifra simbolica”, lasciando il problema delle bonifiche e personale in esubero allo stato italiano.

E per finire ci si è messo anche il tempo meteorologico, con un estate che c’è stata solo sulla carta e, complice la crisi, ha mostrato flessioni turistiche a due cifre in tutta la Val di Cornia con più della metà degli ombrelloni vuoti per lunghi periodi sulla costa Est.

La politica ci deve quindi dire oggi dove “deve” e “vuole” andare Piombino. Non è possibile fare (o peggio dire di fare) tutto e il contrario di tutto, perché non si è credibili davanti agli ipotetici investitori.  Mancano alcune idee fondanti, che mai come in questo periodo, sono poche e spesso confuse, tant’è che i soldi che ci sono, si ha come la sensazione che o non si è capaci, o non si sa nemmeno come spenderli.

Un consiglio? Ripartire rapidissimamente dall’Unione dei Comuni per avere almeno una visione di area su industria, commercio e turismo e di lì cominciare a ricostruire gli strumenti della programmazione territoriale dato che tutti quelli approvati fino ad oggi sono stati completamente superati dagli eventi.

Giuseppe Trinchini

_______________________

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.8.2014. Registrato sotto Editoriali, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 20 giorni, 18 ore, 56 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it