NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 15 LUGLIO 2014

ASSEMBLEA SANVINCENZINA TORNA ALLA CARICA CON LA PISTA CICLABILE

San Vincenzo (LI) – Assemblea Sanvincenzina si prepara al prossimo consiglio comunale riproponendo il problema che si pone ogni estate: quello della pericolosità della pista ciclabile. Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«Nella nostra interrogazione per il consiglio comunale del 17 luglio, circa la pericolosità della pista ciclopedonale di via della Principessa, mettiamo in evidenza diverse situazioni di rischio.

Partiamo dal tratto che va da Largo Berlese fino alla Pinetina, dove la stretta pista ciclabile viene utilizzata in entrambi i sensi di percorrenza. Proseguiamo con la pericolosità presso gli incroci con via Etruria e via del Giglio, dove le auto che si immettono sulla via si trovano ciclisti provenienti anche dal senso opposto. Considerata l’assenza di segnaletica verticale (presente solo all’altezza della Pinetina), ci chiediamo perché non vengano apposti cartelli anche lungo il tratto che arriva fino a Largo Berlese, oltre ad una segnaletica orizzontale indicante il senso di marcia, o perché non venga progettata e attuata una soluzione alternativa per quel tratto di strada.

La situazione della pista ciclopedonale racchiude molti rischi anche nel tratto che costeggia il parco di Rimigliano: gli sportelli delle auto parcheggiate, all’aprirsi, invadono la ciclopista stessa, l’esiguo numero di attraversamenti pedonali costringe a far attraversare dove le strisce non ci sono, gli autobus e le ambulanze fanno fatica a transitare, la persone che vanno o vengono via dal mare, con ombrelloni, panieri, cani, bimbi, passeggiano sulla ciclabile tranquillamente ostruendo il passaggio ai ciclisti, che poi vanno sulla strada.

E’ evidente: l’assetto di via della Principessa pone problemi di sicurezza per automobilisti, ciclisti e pedoni, causati anche dalla realizzazione della pista ciclabile fino alla Torraccia e dei parcheggi lato mare e lato monte, per i quali è stato effettuato un restringimento delle carreggiate. Il 2 giugno scorso, su Il Tirreno, si metteva giustamente in evidenza tale situazione, ribadendola in un secondo articolo del 24 giugno, a seguito di un incidente fortunatamente senza conseguenze.

Ci auguriamo che la discussione del prossimo consiglio comunale porti finalmente al riassetto di Via della Principessa, decidendo ad esempio di spostare la ciclabile nel parco o a monte – nella tenuta – potendo così riallargare la strada, ricordando che l’attuale sindaco Bandini ha fatto parte dell’amministrazione che negli scorsi anni nulla ha fatto per risolvere questa disastrosa situazione».

Assemblea Sanvincenzina

_________________

COMUNE DEI CITTADINI: «CAOS NELLA SOCIETÀ PARCHI»

Campiglia M.ma (LI) – La lista civica Comune dei Cittadini fa il punto della situazione sulla Società Parchi, evidenziando le scelte sbagliate e ricordando che il Comune di Piombino si è appropriato indebitamente di oltre 1,2 milioni di euro di entrate annue dei parcheggi dei parchi di Sterpaia e di Baratti. Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«Ci volevano gli stagionali che rischiano di perdere il lavoro a fine luglio ad aprire uno squarcio di verità sullo stato effettivo della Società Parchi ‒ inizia CDC ‒. In piena estate mancano i soldi per garantire la continuità dei loro contratti, quando sono essenziali per garantire i servizi nei parchi. I Comuni non hanno previsto i trasferimenti necessari per i loro stipendi e, si dice, dovranno riunirsi per stabilire chi deve pagare i 150.000 euro per coprire le spese. È la conferma dello stato di caos che le amministrazioni hanno prodotto nella società Parchi. Alla base di tutto c’è l’indebita appropriazione del Comune di Piombino di oltre 1,2 milioni di euro di entrate annue dei parcheggi dei parchi di Sterpaia e di Baratti. Una decisione del 2012 che ha violato contratti e convenzioni con il connivente e irresponsabile silenzio delle amministrazioni che le hanno sottoscritte e della stessa società Parchi che avrebbe dovuto applicarle.

È anche la riprova ‒ continua CDC ‒ che la tassa di soggiorno non è stata destinata a coprire il buco prodotto nel bilancio della Società Parchi, ma bensì a finanziare altre spese dei bilanci comunali. La cosa appare oggi ancora più grave se si pensa che dal 1 gennaio 2014 è stato rinnovato il contratto di servizio che regola i rapporti tra i Comuni e la Società Parchi. In quel contratto, e nella convenzione che lo precede, sta scritto che tutte le entrate dei parchi devono restare alla società che li gestisce, compresi i parcheggi, e che eventuali contribuiti comunali per assicurare l’equilibrio di bilancio devono essere ripartiti sulla base degli abitanti di ciascun Comune.  Al momento dell’approvazione di quel contratto il gruppo del Comune dei Cittadini votò a favore, dopo che la Sindaca Soffritti aveva assicurato che quelle disposizioni sarebbero state rispettate nel 2014. Se questo fosse accaduto oggi non saremmo di fronte all’incertezza sul futuro degli stagionali.

La realtà ‒ prosegue la lista civica ‒ è che mentre le amministrazioni enfatizzano il ruolo strategico dei parchi nelle politiche della Val di Cornia si sono comportate in modo esattamente opposto. Da anni hanno bloccato i processi di valorizzazione in parchi che hanno ancora grandi potenzialità come San Silvestro e Populonia, arrivando perfino a denigrare la ricerca scientifica; la qualità dei servizi è calata per effetto della ridotta autonomia finanziaria della società di gestione; si è bloccato il processo che avrebbe dovuto portare a creare nuova e qualificata occupazione e a fare crescere nuove imprese culturali e turistiche fuori e dentro i parchi.

Confidiamo che le nuove amministrazioni cambino decisamente rotta, ripristinando la legalità amministrativa e rilanciando la progettualità nei parchi. Non basta il marketing. I numeri dimostrano che la Parchi è cresciuta e si è resa autonoma finanziariamente quando è stata capace di attrarre fondi europei e fare molti investimenti nella ricerca e nella valorizzazione. Il primo segnale è quello della corretta applicazione dei contratti sottoscritti riportando nel bilancio della Società Parchi le entrate dei parcheggi. Con questa semplice e dovuta decisione gli stagionali non rischiano il posto di lavoro. Poi si dovrà riprendere il cammino colpevolmente e ‒ conclude CDC ‒ irresponsabilmente interrotto».

Comune dei Cittadini

___________________________________

INCONTRI D’AUTORE CON “IN-CHIOSTRO”

Suvereto (LI) – Il sindaco Parodi presenta la prima scrittrice che inaugurerà la manifestazione IN-CHIOSTRO, Annalisa Strada. L’appuntamento è per mercoledì 16 alle 21.00 nel Chiostro di San Francesco suveretano. Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«Mercoledì 16 luglio ore 21.00 all’interno della splendida cornice del Chiostro di San Francesco a Suvereto –scrive Giuliano Parodi sindaco con delega alla cultura ‒, prende il via la prima edizione della manifestazione IN-CHIOSTRO. Come assessore alla Cultura ho messo in cartello per questa prima estate 7 incontri con scrittori ed artisti di profilo internazionale  si comincia con la vincitrice 2014 del “Premio Andersen, gli Oscar dei libri per ragazzi”: Annalisa Strada.

L’autrice ‒ informa Parodi ‒ è nata in provincia di Brescia. La sua vita lavorativa ruota attorno ai libri, alle parole e alle storie. Per vari editori ha prodotto testi e manuali, alcuni sulle tradizioni popolari, altri per i lettori più piccoli. Per bambini e ragazzi ha pubblicato testi di lettura per le scuole medie e storie per i più piccoli. Tra gli oltre 40 titoli ricordiamo: “Tutti in scena!” (Bruno Mondadori), “Una nonna da educare” e “Oggetti smarriti” (Loffredo), “Cinque contro tutti” (Simone Libri), “Enrica la Formica senza sedere” (Ape Junior), “Chi ride in giardino?” (Arka Edizioni), “Come nasce la casa” (Panini Ragazzi), “Il condominio” (Hablò Edizioni) e “Le tre caramelle” (Hablò Edizioni).

Il libro che andremo a presentare con l’autrice è “Il rogo di Stazzema” pubblicato da Piemme. Il 12 agosto del 1944, a Sant’Anna di Stazzema, 560 civili furono uccisi dai nazisti. Il piccolo Lapo e la sua famiglia, fuggiti sulle Alpi Apuane alle prime ore dell’alba, scamparono all’eccidio, ma ebbero la sfortuna di incontrare sulla loro strada un temibile soldato tedesco. Un libro ispirato a una storia vera ‒ conclude Parodi ‒, per ricordare questa terribile vicenda nel suo settantesimo anniversario».

Giuliano Parodi, Sindaco di Suvereto e Ass. Cultura

____________________________

M5S PIOMBINO: «CERCHIAMO CONSIGLIERI DI QUARTIERE»

Piombino (LI) – Il Movimento 5 Stelle piombinese cerca cittadini simpatizzanti che partecipino insieme ai loro attivisti alla vita del Consiglio di Quartiere e che diventino Portavoce degli abitanti della propria zona di competenza. Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«Partendo dal principio di fondo che i Quartieri sono dei cittadini e che solamente chi risiede e chi vive giornalmente il quartiere può conoscere le sue problematiche e fare proposte per il miglioramento e lo sviluppo di esso ‒ inizia il Movimento 5 Stelle ‒, siamo a ricercare cittadini simpatizzanti che abbiano la volontà di partecipare, insieme ad un nostro attivista, alla vita esecutiva e decisionale del Consiglio di Quartiere e diventare Portavoce degli abitanti della propria zona di competenza.

Il MoVimento 5 Stelle Piombino ha diritto ad essere rappresentato da 9 Consiglieri di Quartiere, così suddivisi:

2 CONSIGLIERI al QUARTIERE PORTA A TERRA/DESCO

2 CONSIGLIERI al QUARTIERE SALIVOLI

2 CONSIGLIERI al QUARTIERE FIORENTINA/POPULONIA

3 CONSIGLIERI al QUARTIERE RIOTORTO

Cerchiamo quindi:

1 CONSIGLIERE al QUARTIERE PORTA A TERRA/DESCO

1 CONSIGLIERE al QUARTIERE SALIVOLI

1 CONSIGLIERE al QUARTIERE FIORENTINA/POPULONIA

2 CONSIGLIERI al QUARTIERE RIOTORTO

Chiunque fosse interessato a candidarsi Portavoce in Consiglio di Quartiere può inviare i propri dati al seguente indirizzo mail: info@piombino5stelle.it entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 18 luglio 2014 ‒ scrivono i pentastellati».

Movimento 5 Stelle Piombino

_______________________________

L’ARTISTA VENTURINESE TEOFILO COLOMBINI ESPONE A POPULONIA

Dipinti e sculture dell’artista venturinese Teofilo Colombini saranno protagoniste della mostra personale in programma sarà alla sala Gasparri di Populonia, organizzata dall’Agenzia Amicizia nel Mondo dal 19 al 25 luglio.

La mostra artistica di Colombini consiste in opere scultoree (legno naturale e policromo, marmo, bronzo) e pittoriche (olio, acrilico) che spaziano tra diversi temi e soggetti tutti legati alla vita e alla storia dell’uomo e della società. Frequentemente affronta il tema della pace, della religiosità, della resistenza, della violenza e del dolore, altre volte si dedica invece al tema della natura cercando di darne un’interpretazione personale che va oltre il paesaggio tradizionalmente inteso. A Populonia Colombini presenta un’antologica che mette in risalto la produzione più recente, forme pure nelle quali però l’artista riconosce elementi del reale, ma propone anche opere del passato consentendo una più completa conoscenza anche a chi lo incontra per la prima volta. L’orario della mostra, tutti i giorni, è continuato dalle 9.00 alle 22.00. Ingresso libero.

________________________

SPELEOSASSETTA: UNA MOSTRA PER SCOPRIRE GROTTE E MINIERE

SASSETTA – Già da alcuni giorni, nella Piazza del Plebiscito, fanno bella mostra di sé tredici splendidi pannelli che ritraggono le meraviglie geologiche di Sassetta: sono i pannelli fotografici istallati dal Gruppo Speleologico Archeologico Livornese (GSAL) che rende omaggio al territorio mostrando ai cittadini i risultati delle loro ricerche, avvenute negli ultimi mesi nei boschi che circondano il paese.

Le fotografie, scattate dallo speleologo Gianni Dellavalle, illustrano gli speleologi e gli archeologi del gruppo intenti a scendere o ad arrampicarsi nelle grotte, nelle buche e nelle miniere di Sassetta, molte delle quali a oggi risultavano semi inesplorate.

In questi mesi gli speleologi del Gruppo hanno viaggiato, perlustrato, indagato, ricercato, esaminato, raccolto tutte le informazioni storiche e geologiche possibili per redigere poi un’analisi completa della zona. Un lavoro chirurgico, grazie al quale questi esperti – alcuni dei quali laureandi, come lo studente di Scienze Geologiche Luca Tinagli (nella foto, scattata da Gianni Dellavalle) – hanno potuto rendere pubbliche le bellezze più nascoste di Sassetta.

La mostra si intitola “SpeleoSassetta. Grotte e miniere antiche del territorio” ed è cominciata sabato 12 luglio e terminerà sabato 19. Non è un caso che l’Amministrazione Comunale abbia indicato queste date: questa è la settimana del Simposio di Scultura e non c’era occasione migliore per mostrare quanto sia affascinante la pietra di cui è composto il territorio: il Marmo Rosso (da cui gli scultori del Simposio stanno ricavando in questi giorni dei bellissimi bassorilievi).

Oltre alla mostra, il Gruppo incontrerà il pubblico e la cittadinanza in piazza del Plebiscito MERCOLEDI 16 LUGLIO alle ore 21.30. In tale occasione la geologa Gianna Cascone (Presidentessa del GSAL) e gli speleologi Lucia Montomoli e Gianni Dellavalle presenteranno tutto il lavoro svolto nel territorio di Sassetta e, con appositi proiettori, illustreranno le migliori immagini scaturite da questa avventura. Al termine della “conferenza” offriranno al pubblico una piccola degustazione.

____________________

COPPOLA (UDC): «FINE DELL’ACCIAIO A PIOMBINO?»

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«offerta vincolante del gruppo Jws Steel, da quel che emerge dalle prime voci, per alcuni impianti dello stabilimento Lucchini di Piombino è un piccolo prima passo che permette di fare un minimo di chiarezza sul futuro della siderurgia piombinese. è qualcosa di più concreto, anche se i tempi saranno ancora lunghi prima di arrivare ad una conclusione di questa vicenda, con tutte le implicazioni economiche e sociali che già si stanno pesantemente manifestando. La realtà che si sta delineando è amara, purtroppo la verità è che non si può vivere di solo illusioni, raccontando cose che per questioni tattiche non stanno ne in cielo ne in terra.

Comunque aspettiamo l’ufficialità per capire meglio quali siano le reali intenzioni degli indiani, ma è inevitabile che vi sia l’ipotesi concreta che si debba scrivere la parola fine sulla produzione di acciaio in questo territorio. L’auspicio è che vi siano opportunità per mantenere il massimo degli occupati dell’ambito industriale, e che si incominci a parlare una lingua diversa ricca di contenuti e non di inutili slogan, gite in barca e raccolte di firme.

Il mondo è cambiato, ed oltretutto non inizia a Piombino e tanto meno ci finisce, per questo motivo dovremo avere la forza di essere credibili, uscendo dagli stereotipi del ‘900, che ancora sono saldamente ancorati nella nostra mentalità.I grandi investitori si muovono in base a logiche precise, certamente non sono al giorno d’oggi più disponibili a sostenere il peso dei legami culturali del passato.Ne sono un esempio la FIAT ed altri grandi gruppi stranieri che sono sempre più tentati a scappare dall’Italia, oppure a sfruttare gli impianti fino all’estrema unzione prima di andarsene.

La verità è che le offerte vincolanti sono arrivate al capezzale del moribondo troppo tardi, e ciò è accaduto anche per responsabilità, che non sono certo da imputare totalmente all’azienda ed al commissario straordinario».

Luigi Coppola

__________________

SAN VINCENZO: ALLA TORRE NUOVO APPUNTAMENTO SULLA COMUNICAZIONE

Secondo appuntamento, giovedì 17 luglio alle 21.30 con il ciclo di conferenze dal titolo “La comunicazione. Le forme e i protagonisti”, curata dal professor Giovanni Manetti, docente di Semiotica e direttore del master in Comunicazione d’impresa all’Università di Siena.

Lo stesso Manetti illustrerà le tappe che hanno portato agli studi attuali sulla comunicazione nell’incontro dal titolo “Comunicazione. Bambini selvaggi, opinion leader, magistrati anglo-indiani e altri soggetti strani”.

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 15.7.2014. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    11 mesi, 24 giorni, 7 ore, 39 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it