SUVERETO: PARODI, «SE VINCIAMO DECALOGO DELLA PARTECIPAZIONE»

i candidati consiglieri di APS, Parodi al centro

i candidati consiglieri di APS, Parodi al centro

Suvereto (LI) – Assemblea Popolare di Suvereto propone un nuovo governo per il Comune, più vicino ai cittadini, libero da interessi di parte, basato sulla partecipazione popolare e attento ai bisogni effettivi del territorio. Un progetto «per rinnovare davvero la politica attraverso la trasparenza, l’informazione e la partecipazione dei cittadini».

«La nuova Amministrazione – inizia il candidato sindaco di APS Giuliano Parodi – nel primo anno di mandato stilera’ un decalogo per la partecipazione; coinvolgendo le associazioni di volontariato nelle principali scelte pubbliche; un programma annuale di assemblee deliberative ad integrazione del consiglio comunale sugli atti fondamentali della vita amministrativa; promuovendo le assemblee di frazione».

«L’orizzonte locale è importante, ma bisogna saper guardare oltre, allo scenario più ampio della Toscana, dell’Italia, del Mediterraneo e dell’Europa. Noi siamo in Europa e altri europei vivono e visitano Suvereto, molte persone arrivano da paesi più lontani. La Val di Cornia è in una fase critica: l’industria è in crisi, le politiche di area hanno segnato il passo, i servizi pubblici sono in difficoltà, la pianificazione non è riuscita ad essere unitaria, lo sviluppo urbanistico dei diversi comuni ha seguito strade diverse, consumando molto territorio. I parchi hanno bisogno di una nuova progettualità. Occorrono serie politiche di area per la sostenibilità ambientale e l’equità sociale, riconoscendo pari dignità ai luoghi e alle persone».

«E’ necessario ridurre e rendere più efficienti le aziende pubbliche; diminuire i costi della politica. Promuovere un vero coordinamento delle politiche del territorio. Fare un piano dello sviluppo sostenibile basato sul rispetto delle risorse naturali. Potenziare i collegamenti pubblici tra Suvereto e gli altri centri della Val di Cornia, il mare, i parchi e la stazione ferroviaria. Qualificare l’ospedale di Piombino e ridurre le liste d’attesa; diversificare gli indirizzi delle scuole medie superiori. Ricerca finanziamenti europei e regionali, chiedendo più sostegno per i servizi e l’economia dei piccoli comuni».

«Per fare tutto questo Suvereto da solo non basta – conclude Parodi –  é necessario porsi come obiettivo immediato la costruzione di una Unione dei Comuni della Val di Cornia ed oltre, forte e pragmatica. Nessun carrozzone burocratico, ma una struttura agile con precisi obiettivi condivisi e con un progetto da perseguire per il bene comune. Suvereto deve stare in questo orizzonte da protagonista, rifiutando la logica del più forte».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 9.4.2014. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “SUVERETO: PARODI, «SE VINCIAMO DECALOGO DELLA PARTECIPAZIONE»”

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    47 mesi, 24 giorni, 0 ore, 42 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it