NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 20 FEBBRAIO 2014

GELICHI: «QUANDO LE LISTE CIVICHE SONO PARTITI MASCHERATI»

Piombino (LI) – Riccardo Gelichi, portavoce della lista civica Ascolta Piombino, ritiene inaccettabile che alcuni partiti si trasformino in liste civiche o si nascondano dietro di esse. Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato.

«Noi della Lista Civica Ascolta Piombino riteniamo ‒ inizia Gelichi ‒ che il percorso intrapreso circa tre anni fa per formare il nostro movimento, sia stato reso possibile dalla spontaneità e dal senso civico dei suoi aderenti. Questa è la natura delle liste civiche come la nostra, che si costituiscono  fra cittadini di estrazioni politiche anche diverse ma che condividono la necessità di contribuire al governo della città, quando i politici preposti abbiano dimostrato incapacità  amministrative.

Cosa molto diversa ‒ continua il portavoce ‒ sono invece i partiti così detti tradizionali, che in genere sono quelli che hanno contribuito alla storia del nostro paese ma che, per ideologie più o meno marcate e per strategie politiche, non devono essere confusi con l’occasionalità delle liste civiche.

Quello che invece resta incomprensibile è il motivo per cui alcuni partiti politici si trasformino in liste civiche o, peggio ancora, si mascherino dietro di esse. Perché se è vero che le liste civiche nascono negli spazi lasciati vuoti dal malgoverno dei partiti, per rivendicare un loro ruolo nel governo della città, non possono per questo essere figlie degli stessi.

A questi signori noi diciamo che l’ambiguità non paga, soprattutto quando si gioca scorretto con simboli e nomi, diciamo che le liste civiche per la loro natura sono trasversali ai partiti e, per questo, non sono né di destra né di sinistra. Pertanto quelle che hanno un colore ben preciso ‒ conclude Gelichi ‒, sono partiti politici mascherati che stanno perdendo il consenso dell’elettorato e cercano di fare la parte delle vittime».

                                                                                                                                     Riccardo Gelichi

____________________________

SAN VINCENZO: AL TEATRO VERDI ARRIVA LA LIRICA DELLE ECCELLENZE

Da venerdì 21 febbraio inizia al Teatro Comunale Verdi di San Vincenzo una stagione lirica particolare, dal titolo Le Voci eccellenti, sei appuntamenti con cantanti lirici scelti per la loro preparazione e per il timbro particolare della loro voce, in scena da soli con un pianoforte. La stagione lirica del Verdi è curata dal maestro Andrea Pellegrini.

Si inizia con  il soprano Bianca Barsanti accompagnata al pianoforte da Anna Cognetta in un concerto  dedicato all’universo femminile e intitolato Le donne di Mozart: un viaggio tra le donne delle opere mozartiane.

Non è un mistero che a Mozart piacevano le donne, come si può rilevare dalle sue opere. Per Mozart la donna era un motivo di gioia e spensieratezza, sicura fonte di ispirazione. Bianca Barsanti, soprano eccezionalmente espressivo con una forte presenza scenica, ci racconta le varie figure femminili attraverso le arie liriche del repertorio mozartiano. La Barsanti, prima di calarsi nel personaggio, introduce ogni brano tratteggiando le caratteristiche della figura femminile scelta, contestualizzandola all’interno dell’opera. Nel concerto di venerdì 21, interpreterà brani famosi dalle opere “Le nozze di Figaro”, “Così fan tutte”, “Flauto magico” e “Don Giovanni”.

____________________________

M5S: “MA ROVENTINI È DAVVERO CONTRO LA TIRRENICA?”

San Vincenzo (LI) – I “pentastellati” commentano le ultime dichiarazioni rese a mezzo stampa dal segretario del PD locale Roventini sull’autostrada Tirrenica. Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«Anche il segretario del PD locale, parla dell’esigenza di informare e su tematiche giá affrontate da altri, come Alta Maremma, tassa di soggiorno e non ultima , la SAT, ovvero la Tirrenica – esordiscono i 5 Stelle.

Peccato che nella maggior parte dei temi affrontati nell’articolo del 15 Febbraio, dove Roventini ha rilasciato una intervista alla stampa, su molti di questi temi, liste civiche e M5s, avessero già espresso la loro opinione o posizione, che ovviamente il segretario PD, ha fatto solo adesso ufficialmente. Il 14 Febbraio, il M5s, ha tenuto il meeting NO SAT Event, organizzato a San Vincenzo, in Piazza Mischi ma il segretario PD Roventini, ovviamente non si è visto, nonostante nella sua intervista, si dichiari contrario a tale progetto. 

Non sono intervenute nemmeno, tutte le amministrazioni invitate, da Follonica a Castagneto, inclusa la federazione PD Val di Cornia e Elba; unica risposta dall’Amministrazione di San Vincenzo dell’Assessore all’Urbanistica Alessandro Bandini che, in merito al nostro invito, è stato l’unico a degnarsi di avvertire che non poteva essere presente e ha inviato per email con allegato, la delibera e parere del Comune su progetto SAT, nella quale si legge la risposta negativa al progetto della Tirrenica.

Peccato che alla fine della delibera, vi sia la postilla che il Roventini sembra ignorare. La delibera contiene quattro punti fondamentali per NON accettare il progetto mentre però, il quinto e incriminato punto, propone a SAT di rivedere l’esazione ai caselli e riportare allo stato iniziale il progetto, dove a San Vincenzo, come a tanti altri Comuni, era stato proposta l’esenzione.

Quindi, se il segretario del PD Locale è contro la Tirrenica, gli rivolgiamo questa domanda, “Perché sabato 14 Febbraio dalle 16:30 alle 20:00 non si presentato a discutere la sua contrarietà, all’evento informativo contro SAT ?”…anche solo perché dice di tenere all’informazione dei cittadini.

In ultimo – concludono – vorremo ricordare al segretario PD e tutte le Amministrazioni che i pedaggi saranno certamente a pagamento e che comunque qualsiasi sconto o esenzione non ripagherà mai del danno ambientale, economico e del furto che SAT farà, se permetteranno che la Tirrenica venga costruita sul nostro territorio…su una strada già pagata e magari usufruendo di soldi pubblici per favorire aziende private».

Meetup5stelle San Vincenzo

____________________________

PALLINI: «ALTA MAREMMA, PROGETTO DA PERSEGUIRE»

Piombino (LI) – Sabato 15 febbraio a Massa Marittima il presidente della Regione Enrico Rossi, nell’ambito di una visita al territorio delle Colline metallifere, ha espresso apprezzamento per il progetto “Alta Maremma”, il percorso di gestione coordinata delle attività in materia di turismo e di sviluppo del territorio promosso da 13 Comuni della provincia di Livorno e di Grosseto che si identificano con quest’area geografica, da Castagneto Carducci fino a Massa Marittima.

L’assessore al turismo del Comune di Piombino Luca Pallini, presente all’incontro insieme al sindaco Anselmi, ai Sindaci e amministratori di Massa Marittima, Venturina Terme, Follonica, Castagneto Carducci, Scarlino, Monterotondo, rilancia il valore di questo percorso, avviato nell’estate scorsa, e sottolinea l’importanza di andare avanti con l’obiettivo di promuovere un sistema turistico locale più ampio e integrato tra pubblico e privato, che contempli un’offerta valida e di qualità dal punto di vista culturale, enogastronomico, paesaggistico.

«Rossi ha focalizzato l’attenzione soprattutto sul tema dell’accoglienza ai turisti – dice Pallini – e sull’importanza di proporre un “progetto speciale”, su iniziativa dei Comuni promotori, che potrebbe diventare un modello anche per tutta la Regione. L’accoglienza turistica, che significa capacità di organizzare una rete di informazione efficace per i turisti, servizi e cartellonistica, è infatti uno dei compiti sui quali si possono attivare in modo positivo e concreto i territori, uniti da un marchio facilmente riconoscibile come quello dell’Alta Maremma. L’augurio è che tutti i Comuni che hanno avviato il percorso continuino a crederci.

Personalmente ritengo che i profondi cambiamenti del settore turistico e le difficoltà che stanno attraversando i Comuni per la riduzione sempre più marcata delle risorse disponibili, impongano una strategia forte in questa direzione, che vada verso forme di aggregazione tra i territori e azioni costruite anche su perimetri nuovi rispetto alle delimitazioni e ai confini amministrativi attuali, comunque in corso di revisione per la riforma delle province. Si tratta di far crescere le forme di integrazione del governo locale, perché è ormai anacronistico pensare a una promozione turistica portata avanti da ogni singolo Comune in maniera autonoma, mentre è fondamentale la volontà di fare sistema, per contare di più a livello regionale e nazionale, per creare un’identità turistica forte e riconoscibile, per ottenere più possibilità di accedere a finanziamenti”».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.2.2014. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    54 mesi, 27 giorni, 12 ore, 33 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it