GOVERNO CONDIVISO NEL CONSORZIO DI BONIFICA N. 5 TOSCANA COSTA?

acqua_rubinettoI rappresentanti delle liste “Ambiente e Territorio” ed “Uniti per la salvaguardia del Territorio”, a confronto nelle elezioni del 30 novembre 2013, si sono incontrati nei giorni scorsi per una valutazione  sulle prospettive del nuovo consorzio di Bonifica n. 5 “Toscana Costa”.  In discussione il nuovo assetto amministrativo dell’Ente, che a breve dovrà eleggere il Presidente, ma anche gli orientamenti sul governo e la gestione  della struttura consortile, che avrà competenze su un territorio estremamente vasto, diversificato e complesso, nato dall’accorpamento dei precedenti Consorzi di bonifica delle “Colline Livornesi”, “Alta Maremma” ed “Unione dei Comuni dell’Alta val di Cecina”.

Si è convenuto nel corso dell’incontro su di un percorso condiviso per il governo del Consorzio, anteponendo ad ogni altra considerazione la necessità di rispondere ai cittadini ed agli imprenditori, in termini di efficacia  ed efficienza negli interventi. I Consorzi di Bonifica della Toscana, protagonisti di un’articolata riforma che ne ha ridotto il numero, estendendone le funzioni, si confermano il pilastro della difesa del suolo, tema sempre più cruciale a causa della continua urbanizzazione dei territori e dei cambiamenti climatici, che provocano piogge abbondanti e improvvise in periodi sempre più brevi.

Un tema quello della difesa del suolo che assegna ai Consorzi impegni delicati per il controllo idraulico del territorio e per le opere di salvaguardia  a beneficio della collettività e nell’interesse dei cittadini e delle imprese dei diversi settori produttivi a partire da quelle dell’agricoltura ,  in termini di sicurezza ambientale.  Ampia convergenza sulle funzioni ed il ruolo del Consorzi di bonifica, quale strumento operante in stretto raccordo, con le Istituzioni ed al servizio delle comunità locali. Lo stato di salute del territorio rappresenta un valore sempre più alto per la collettività.   Sono infatti sotto gli occhi di tutti i disastri, che una scarsa cura del suolo può provocare.

Dalla tutela del territorio dipendono, le sorti di tutti i settori produttivi e degli insediamenti abitativi.  Nell’incontro  è emersa chiaramente e condivisa l’idea che la governance del nuovo Consorzio debba ispirarsi ai  principi di semplificazione, chiarezza e trasparenza.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.1.2014. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “GOVERNO CONDIVISO NEL CONSORZIO DI BONIFICA N. 5 TOSCANA COSTA?”

  1. Non è un pò poco non fare alcun riferimenro alla discussione in corso sulla legge Marson e non farne neppure alla nuova legge regionale sui parchi che alla Val di Cornia dovrebbe finalmente dedicare una attenzione finora mancata?

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 24 giorni, 20 ore, 10 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it