SEDUTA STRAORDINARIA DEL CONSIGLIO REGIONALE A PIOMBINO

Lo striscione che ha apero il corteo

Striscione che ha aperto una recente manifestazione

L’assemblea approva la mozione di Monica Sgherri, capogruppo di Federazione della Sinistra – Verdi in consiglio regionale, per la richiesta di un consiglio straordinario da convocarsi entro il mese di dicembre. La seduta sarà aperta alle istituzioni e ai rappresentanti sindacali e ai soggetti incaricati del piano industriale.

«Grande soddisfazione per l’approvazione della mia mozione che impegna il Consiglio regionale a una seduta straordinaria a Piombino» commenta Monica Sgherri. «A oggi – prosegue – si è realizzata la precondizione per poter avere un futuro, cioè lo stop alla data certa di chiusura dell’altoforno, che avrebbe minato irrimediabilmente la continuità produttiva: risultato ottenuto grazie alle lotte e mobilitazioni degli operai e della comunità piombinese tutta e del contemporaneo impegno delle istituzioni, compresa la Regione. Ma è solo la prima tappa, essenziale, adesso si deve lavorare tutti per il rilancio delle acciaierie a cominciare da un serio accordo di programma, e il consiglio regionale straordinario ad hoc da tenersi proprio a Piombino può rappresentare un segnale importante di attenzione e impegno e un’ulteriore tappa in questa direzione».

Nella seduta la Giunta riferirà sulle iniziative in atto e sui piani industriali in formazione per il futuro dello stabilimento. L’assessore Simoncini ha parlato del recente e «positivo» incontro a Roma dove è stato garantito l’impegno del Governo per garantire un futuro allo stabilimento.

Anche Giuliano Fedeli, consigliere regionale dell’Idv, interviene sulla vicenda Lucchini: «il caso di Piombino impone una riflessione in quanto emblema di una problematica tutta italiana che paralizza l’economia e allontana possibili investitori scoraggiati dall’incertezza generale di aziende lasciate a se stesse e incapaci di competere su un mercato sempre più agguerrito». «Ora grazie all’intervento pressante delle istituzioni, dei lavoratori e dei sindacati – sembrano esserci tutte le premesse per un’attività futura con un impianto di tipo Corex per la produzione della ghisa. Ma senza uno Stato che si fa garante nei confronti dell’azienda, è impossibile pensare a nuovi investimenti e a uno sviluppo industriale credibile». Nel frattempo a Roma è iniziato l’iter per l’accordo di programma per lo stabilimento Lucchini.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.11.2013. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    62 mesi, 23 giorni, 22 ore, 14 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it