SIAMO SAN VINCENZO: «DIAMO VITA AD UN SOGNO COLLETTIVO DI MIGLIORAMENTO»

logo siamo san vincenzoSan Vincenzo (LI) – La nuova lista “SiAmo San Vincenzo” analizza le dinamiche politiche sanvincenzine in vista delle prossime amministrative e illustra i suoi progetti elettorali. Riceviamo e pubblichiamo integralmente l’intervento.

«Per SìAMO San Vincenzo è chiaro che i giochi politici, i tatticismi fuori controllo e le spartizioni sono distanti dalla realtà. Gli articoli di stampa di questi giorni evidenziano che sul carro degli pseudo-renziani stanno salendo tutti facendo venir meno quell’idea renziana di rottamazione e rinnovamento che poteva dare qualche speranza alla cittadinanza; gli “inciuci” sottobanco per sponsorizzare uno o l’altro candidato reale o presunto alle primarie del PD fanno perdere di vista agli stessi candidati i progetti per San Vincenzo, tant’è che l’affidarsi a Sociolab mette in mostra la mancanza di idee e di rapporto con la gente; il dire solamente no di alcune forze di opposizione o le critiche feroci sui social network non sono altrettanto propositive per risolvere i reali problemi del paese.  Infatti intanto i negozi chiudono perché la burocrazia e le tasse sono opprimenti; il “divertente” teatrino della politica locale non riempirà la desolante zona blu deserta  dei prossimi mesi.

Questo modo di fare politica è il riflesso di come San Vincenzo è stato amministrato negli ultimi anni: nessuna strategia di sviluppo sostenibile di lungo periodo, incapacità di fare scelte e prendere decisioni determinanti dando incertezza a chi investe sul territorio, subalterna  a piccoli “favoricchi” senza una visione complessiva dell’interesse della comunità.

Tutta la vecchia politica di San Vincenzo ha paura del cambiamento, mentre noi abbiamo coraggio e facciamo un passo avanti per un futuro migliore.

Per noi fare politica è agire con trasparenza, avere competenza e fare delle scelte per l’interesse della comunità senza pregiudizi ideologici. Abbiamo, ad esempio, deciso con fermezza di contrastare il progetto Alta Maremma e tutti gli altri carrozzoni in essere, come l’Ente Parchi, perché i soldi della tassa di soggiorno devono rimanere a San Vincenzo e né ora né mai possiamo rinunciare ad essere un comune autonomo.

Il nostro paese ha delle potenzialità per essere il leader turistico del territorio se: valorizziamo le risorse molteplici presenti e si creano nuovi servizi, facendo sistema;  si sostiene la Costa Etrusca nei mercati maturi e la Costa Toscana in quelli emergenti incrementando la notorietà internazionale; si fa promozione, accoglienza e recettività in modo manageriale e facendo rete con le realtà vicine. La zona blu sarà di nuovo affollata da marzo a novembre se vengono organizzati eventi di richiamo, come potrebbero essere “il mese dell’arte” o “città dell’olio” e in inverno San Vincenzo potrebbe essere la base per una “crociera terrestre”, in cui i turisti fanno escursioni tra i borghi e le città d’arte della Toscana.

Siamo aperti, quindi, a tutti quei cittadini che credono che il cambiamento sia possibile e ci mettono la faccia, non solo facendo critiche, ma formulando proposte positive e concrete, convinti che il Comune vada amministrato con competenza e trasparenza pensando al bene comune e al benessere collettivo di San Vincenzo. Ci vogliono coraggio e capacità decisionale per rilanciare l’economia e il livello occupazionale in collaborazione tra pubblico e privato, tutelare l’ambiente urbano e naturale del nostro territorio valorizzando le sue bellezze, mantenere una condotta etica della pubblica amministrazione.

Siamo, infatti, convinti che sono tutti i cittadini che amano San Vincenzo e che possono cambiare il futuro del nostro paese con le loro idee e la loro determinazione. Ci sono i giardinieri che ci rendono fieri quando il verde pubblico è ben tenuto, ci sono gli albergatori che si impegnano per riportare un turismo di qualità, ci sono i commercianti e gli esercenti che combattono e resistono alla crisi, ci sono i giovani che sono il nostro capitale umano del futuro, ci sono gli anziani che sono la nostra tradizione, ci sono i dipendenti comunali e le maestre che si dedicano ogni giorno al bene comune, ci sono le associazioni che sono il nostro cuore pulsante, ci sono tutti gli altri sempre importanti e decisivi. Sappiamo che questa variegata comunità può dare vita a un sogno collettivo di miglioramento della qualità della vita e noi possiamo concretizzarlo.

Proprio per tutti coloro che ci vogliono mettere idee e faccia noi siamo qui. Costruiamo insieme programmi ed una lista; vincere può consentire finalmente di attuare questi programmi».

SiAmo San Vincenzo

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.10.2013. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “SIAMO SAN VINCENZO: «DIAMO VITA AD UN SOGNO COLLETTIVO DI MIGLIORAMENTO»”

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 17 giorni, 14 ore, 2 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it