EDITORIALE: PIOMBINO E IL MONDO VISTO DA LASSU’

L’EDITORIALE                                   di Giuseppe Trinchini trinchini

___________________________

Corriere Etrusco “numero 28” dell’18 ottobre 2013.

Le sorti della Lucchini “volano alte” a Piombino. Poco più di un anno fa il Sindaco e i Sindacati Fiom, Fim e Uilm salirono sul capannone per un giorno chiedendo la giusta attenzione al Governo che, tramite il Ministero delle attività produttive, concordò una prima riunione sulle questioni cruciali del polo siderurgico per mercoledì 9 ottobre 2012. I risultati di quegli incontri sono oggi davanti agli occhi di tutti. E, a distanza di un anno, dopo la visita del ministro Zanonato e gli interventi dei deputati locali a sostegno dello stabilimento, vediamo un nuovo presidio sul Rivellino per avere ancora attenzione.

Il 6 luglio il Ministro venne in visita alle aziende di Piombino con l’ obiettivo di prendere contatto con la situazione drammatica del polo siderurgico e firmare il Protocollo d’Intesa per l’Infrastrutturazione e la riqualificazione ambientale dell’area portuale e industriale.
Ma passata l’estate ecco una nuova puntata del “dramma” Lucchini: il 25 settembre alla Camera, durante il question-time, Zanonato ha fornito ad un’interrogazione del PD risposte non molto rassicuranti sulla richiesta di un intervento urgente per salvare la siderurgia ed assicurare la continuità produttiva della Lucchini. «Il governo sta lavorando in raccordo con le iniziative messe in campo dall’Europa» ha sostanzialmente detto Zanonato.

I sindacati, con un corteo di 10.000 persone comprendente gli operai e le istituzioni, sono dunque scesi in piazza il 3 ottobre per dire “No” allo spengimento dell’altoforno prevista per il 20 novembre.

Ora l’atto finale. A un mese dalla ipotetica chiusura, “l’occupazione” da parte degli operai del Rivellino. Oggi (venerdì 18) l’incontro con il ministro, che ha molte decine di dossier di aziende in crisi sulla sua scrivania e che deve decidere se far chiudere l’altoforno a fine novembre, o se continuare con la produzione fino al 2015 come chiedono i sindacati in attesa della realizzazione di forno elettrico e Corex. Speriamo che la scelta del il governo Letta sia la più saggia possibile…

Giuseppe Trinchini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 18.10.2013. Registrato sotto Editoriali, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “EDITORIALE: PIOMBINO E IL MONDO VISTO DA LASSU’”

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 28 giorni, 1 ora, 47 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it