BOLGHERI MELODY: TANTO SUCCESSO MA RISCHIA LA CHIUSURA

pubblico_bolgheriIl Festival dell’Alta Maremma pronto a chiudere per sempre il sipario sull’Arena Mario Incisa Della Rocchetta. Il futuro del Festival che in quattro edizioni ha portato a San Guido tantissimi big del teatro, dello spettacolo, dell’intrattenimento e della cultura, da Roberto Benigni a Roberto Bolle, da Massimo Ranieri a Bryan Ferry, da Giorgio Albertazzi a Giorgio Panariello (e tantissimi altri), offrendo insieme a cultura e spettacolo anche solidarietà, è più che mai incerto.

I nodi dovranno essere sciolti entro il 30 novembre al termine di un giro di consultazioni per capire se il progetto di promozione del territorio e delle sue eccellenze attraverso la formula del “Festival dell’Alta Maremma” è ritenuto e considerato “importante” per i rappresentanti delle istituzioni locali, provinciali e regionali.

«Le istituzioni – fa notare Luciano Giorgerini, Presidente Bolgheri Melody Srl – ci sono state vicino, ma mai fino in fondo pur essendo presenti. Dopo quattro anni di investimenti, sacrifici e tentativi di accendere l’interesse sul territorio ci sembra giusto e doveroso fare una riflessione». Del futuro del Festival se n’è anche parlato recentemente, in occasione di una tavola rotonda che si è tenuta a San Guido e a cui hanno partecipato molti “protagonisti” del territorio tra cui il Presidente della Camera di Commercio, Roberto Nardi, il deputato Maurizio Bianconi, il consigliere regionale e segretario regionale Pd, Ivan Ferrucci, l’Assessore Provinciale al Turismo, Paolo Pacini ed il sindaco di Castagneto Carducci, Fabio Tinti.

I soci della Bolgheri Melody Srl, la società formata da privati che organizza il Festival, deciderà nelle prossime settimane, e comunque entro la fine dell’anno, quale sarà la sorte della kermesse che fino ad oggi è riuscita a camminare con le proprie gambe.

«E’ giusto parlare; è giusto far capire che da soli i privati possono fare molto, ma non possono fare tutto. Ci manca il sostegno, così come accade per molte belle realtà della nostra regione e del nostro territorio, delle istituzioni; – lancia alcuni spunti Giorgerini – siamo pronti anche a chiudere, ad abbandonare questo magnifico progetto che con tanta buona volontà, perseveranza e coraggio tantissimi soci e amici hanno permesso all’Alta Maremma di godere di tanta visibilità e promozione. Il ritorno per il territorio è evidente, tangibile».

A mettere la parola “forse” sulla prossima edizione sono i costi di allestimento e gestione dell’Arena che da sola impegna oltre 300mila euro. Dal conto finale sono esclusi i cachet degli artisti: «non dimentichiamoci che l’Arena nasce su un campo di erba medica; senza la fattiva collaborazione finanziaria sulla logistica non è più sostenibile da soli soggetti privati».

«L’incontro – conclude Giorgerini – è stato un tentativo per esplorare le intenzioni e le aspettative di quei soggetti che sono chiamati a governare il territorio, a sostenere o meno i progetti. Il nostro credo che sia un progetto valido, importante per l’Alta Maremma e per la Toscana. Il nostro futuro si gioca in poche settimane e comunque entro la fine dell’anno. Entro Natale sapremo se ci sarà un Bolgheri Melody quinta edizione».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 31.8.2013. Registrato sotto cultura, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

3 Commenti per “BOLGHERI MELODY: TANTO SUCCESSO MA RISCHIA LA CHIUSURA”

  1. Fabiola

    Mi dispiace, ma tutto ciò è una logica conseguenza della gestione diciamo un po’ arbitraria, per quanto riguarda la commercializzazione dei biglietti.
    Il prezzo degli ingressi per la gente “comune” è stato quasi sempre esoso, forse perché dovevano coprire l’enorme quantità di biglietti omaggio riservati agli sponsor, enti locali, autorità, o chi altro…
    Vero sarà che il flusso turistico è diminuito (ma in Costa Etriusca non sembra), vero la minor possibilità economica generale, ma se un’azienda regala ciò che vende non sopravvive a lungo, e pare che ogni gestione sia andata in perdita…
    Allora il senso della richiesta di apporti pubblici francamente mi sembra fuori luogo, bene il grido sia caduto nel nulla; scandaloso sarebbe cedere a questo compromesso. Rassegne culturali come Festa Ambiente si finanziano diversamente e gestiscono al meglio il rapporto tra costi spettacoli e visitatori. Solo da prendere d’esempio.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    51 mesi, 16 giorni, 19 ore, 10 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it